Pubblicato il 28 Aprile 2024
Personaggio un tantino provocatorio voluto dalla regista Shawna Lacey ma lo recita ha avuto successo
La Traviata osÚ servizio di Ramˇn Jacques

20240428_LosAngeles_00_LaTraviata_RachelWillisSorensen_phCoryWeaverLOS ANGELES - Dorothy Chandler Pavilion (California USA). La terza opera della cosiddetta 'trilogia popolare' di Giuseppe Verdi (1813-1901) è La Traviata, la cui première avvenne il 6 marzo 1853 alla Fenice di Venezia, e che è senza dubbio considerata oggi il suo titolo più popolare, tra le altre cose, per la sua ricchezza melodica, inventiva e vocalità espressiva, che sono così strettamente legate alla commovente e tragica storia d’amore. Certamente questa popolarità si è manifestata evidente dal recente allestimento realizzato dall'Opera di Los Angeles (LA Opera), che mi ha fatto ricordare che nel periodo post-pandemia questo è stato lo spettacolo a cui hanno preso parte il maggior numero di spettatori, con tutti i posti esauriti nell'enorme teatro Dorothy Chandler Pavilion.
Potrebbe essere una conseguenza della decisione del pubblico di tornare a teatro per assistere agli spettacoli dal vivo o sarà stata l'occasione dovuta alla presentazione di questo titolo, assente su questo palco dalla stagione 2019? La verità è che opere che consideriamo come classici non lasciano mai scontento nessuno, e forse è una formula per recuperare pubblico in tante sale, che a livello internazionale soffrono ancora le conseguenze di un periodo di instabilità e di scarse presenze.
Per ora, dopo La Traviata di Verdi, l'Opera di Los Angeles proporrà come ultima opera della sua stagione, la Turandot di Giacomo Puccini, un'altra opera popolare e molto apprezzata, assente a livello locale da più di vent'anni.
Per questa Traviata è stata utilizzata la produzione dell'Opera di San Francisco, che aveva debuttato alla fine del 2022. Le scenografie, con costumi eleganti e variopinti di Robert Innes Hopkins, e le luci di Michael Clark, con la regia di Shawna Lacey, sono rispettosi di ciò che la storia racconta e sono inerenti al libretto.
L'ampio palcoscenico si apprezza per il movimento libero e fluido del coro e dei solisti, con l'azione posta all'interno di un opulento salone nel primo atto, in un immenso giardino, e ancora in un'altra enorme sala dalle pareti luminose e variopinte e mobilia rossa per la festa di Flora, e ancora nella stanza iniziale ora trasformata per l’ultimo atto nell'austero letto di morte di Violetta. Quando fu realizzata per la prima volta questa produzione fu dichiarata l'intenzione del teatro di San Francisco di tornare alle sue origini e avere una produzione che potesse essere ripresa e utilizzata in varie stagioni future. Da questo punto di vista la parte scenica era funzionale. Tuttavia, le dimensioni dell’allestimento fanno sì che ci siano due lunghi intervalli, facendo durare lo spettacolo fino a tre ore e mezza, come è successo qui. Inoltre, la Lacey ha voluto lasciare il segno, evidenziando l'erotismo e la sensualità della storia, con un rapporto più intimo e stretto tra i due protagonisti principali, dettaglio raramente visto in altre produzioni dove c'è una certa distanza tra di loro; e nel primo e nel terzo atto ha messo in scena la depravazione e la perversione vissute nella società e nell’ambiente mondano parigino, con eccessi, travestitismo, sadomasochismo, ecc. Che senza entrare in termini moralistici, sembrano non contribuire per nulla alla trama.

20240428_LosAngeles_01_LaTraviata_facebook_phCoryWeaver

20240428_LosAngeles_02_LaTraviata_RachelWillisSorensen_phCoryWeaver 20240428_LosAngeles_03_LaTraviata_KihunYoonRachelWillisSorensen_phCoryWeaver

20240428_LosAngeles_04_LaTraviata_KihunYoonRachelWillisSorensenLiparitAvetisyan_phCoryWeaver 20240428_LosAngeles_05_LaTraviata_RachelWillisSorensenLiparitAvetisyan_phCoryWeaver

La parte vocale è stata ben eseguita dai cantanti scelti per l'occasione, come il soprano Rachel Willis-Sørensen, che qui ha lasciato una piacevole impressione lo scorso anno nei panni di Desdemona nell'Otello verdiano, e che è tornata a impersonare in maniera convincente la cortigiana Violetta Valery. Sul palco appariva avvolta in una pelliccia, vivendo e recitando la sua parte con intensità, grazia e compostezza. Vocalmente, ha mostrato una tavolozza di colori raffinata e piacevole che sa focalizzare a seconda dell'umore o delle situazioni di tensione e ansia che sta attraversando il personaggio, oltre ad essere cadenzata e agile. Sebbene la proiezione e la densità della sua voce fossero punti che gli giocavano a sfavore, e nel primo atto, ha mostrato insicurezza e cautela nell'emissione degli acuti, durante e soprattutto alla fine di 'Sempre Libera', la sua interpretazione nel terzo atto è stata drammaticamente e vocalmente soddisfacente.
Anche il tenore armeno Liparit Avetisyan nei panni di Alfredo Germont ha avuto una performance contrastante. Ha indubbie qualità per quanto riguarda la voce e la timbrica, ma a volte ha mostrato difficoltà con il fiato, il che rendeva difficile far sentire la sua voce attraverso il volume orchestrale. La sua prestazione vocale è andata in crescendo d'intensità e ha finito per trovare un tono robusto, colorito e virile. Scenicamente ha esagerato nei momenti di rabbia e furore che vive il suo personaggio, come alla fine del secondo atto e durante il terzo, ma in generale è un artista che sa attuare la sua parte e sarà interessante poterlo ascoltare anche in altre occasioni.
Da parte sua, il baritono coreano Kihun Yoon (Giorgio Germont) ha mostrato un colore baritonale brillante, forte, potente, ma anche capace di meravigliare con i pianissimi quasi impercettibili della sua aria 'Pura siccome un angelo' e nel duetto con Violetta del seconda atto. Purtroppo, a causa del suo evidente aspetto giovanile, né l'abbigliamento né il trucco, oltre alla sua rigidità in palco, lo aiutavano a sembrare un credibile papà Germont anziano.
Corretti erano gli altri personaggi che interpretavano i ruoli minori come il mezzosoprano Sarah Saturnino, elegante e seducente Flora, il basso baritono Patrick Blackwell nel ruolo del Barone Duphol, il tenore Julius Ahn nel ruolo di Gastone, il basso Alan Williams nel ruolo del Dr. Grenvil, il baritono Ryan Wolfe nel ruolo del Marchese di Obigny e il mezzosoprano canadese Deepa Johnny nel breve ruolo di Annina; la maggior parte di essi fa parte della scuola dei giovani artisti di questo teatro.
Non si può non citare l'esibizione del Coro del teatro diretto da Jeremy Frank, e quella dell'orchestra che ha donato momenti di intensità, emozione e vigore sotto la lettura sicura e appassionata del suo direttore titolare James Conlon, che dal Preludio è sembrato cesellare lentamente la sontuosa partitura fino a commuovere il pubblico e regalare un posto di rilievo ai musicisti dell'orchestra.
Verdetto di gradimento e approvazione da parte del pubblico presente che ha applaudito intensamente, celebrando ogni uscita degli artisti dopo aver goduto della loro performance.
Si dice che il cliente abbia sempre ragione. A teatro, e soprattutto oggi, ad avere ragione alla fine è stato il pubblico.
(La recensione si riferisce alla recita di mercoledì 24 aprile 2024)

Crediti fotografici: Cory Weaver per il Dorothy Chandler Pavilion di Los Angeles
Nella miniatura in alto: il soprano Rachel Willis-Sørensen (Violetta Valery)
Al centro: la celebre scena del "brindisi"
Sotto in sequenza; ancora Rachel Willis-Sørensen; Kihun Yoon (Giorgio Germont) con la Willis-Sørensen; Kihun Yoon con Liparit Avetisyan (Alfredo Germont); Rachel Willis-Sørensen con Liparit Avetisyan





Pubblicato il 25 Aprile 2024
Criticabile messa in scena del 'dissoluto punito' tanto che lo spettacolo viene salvato dal canto
Don Giovanni tradito dalla regia servizio di Ramˇn Jacques

20240425_Houston_00_DonGiovanni_LucaPisaroni_phLynnLaneHOUSTON (Texas, USA) - Wortham Theater Center. La stagione della Houston Grand Opera, iniziata pochi mesi fa, in un batter d'occhio volge al termine, e lo fa con il Don Giovanni di Mozart, titolo sempre interessante, impegnativo e accattivante. Forse quando l'opera venne rappresentata per la prima volta il 29 ottobre 1787 al Teatro Nazionale di Praga, nessuno immaginava che con il passare del tempo, fino a giungere ai giorni nostri, il titolo avrebbe avuto la popolarità e l'impatto che ha, e che l'hanno portato a diventare una pietra miliare del repertorio operistico. Una riuscita produzione de Il dissoluto punito (come è scritto nel sottotitolo) richiede che le parti vocali, musicali e sceniche siano perfettamente in accordo, e purtroppo in questa occasione la parte scenica non ha pienamente assolto al suo compito.
La produzione teatrale del regista danese Kasper Holten, vista qui per la prima volta nel 2009 e proveniente dalla Royal Opera House di Londra, e alla cui coproduzione ha partecipato la Houston Grand Opera e altri teatri, è uno spettacolo meraviglioso e impattante sotto l'aspetto visivo, ma nella sua concezione sembra non tenere conto della presenza dei personaggi. Si vedeva in scena un cubo su due livelli sopra il centro del palcoscenico che con scale e muri all'interno di esso rappresentava un palazzo.
Il problema è che per gran parte dello spettacolo il palco ruotava in modo circolare, con l'intenzione registica di cambiare ambienti e scene, facendo camminare costantemente i cantanti mentre lo stesso palco si muoveva, provocando un costante effetto di distrazione e un certo fastidio per lo spettatore. Non esisteva una linea di regia adeguata e credibile, né linee guida per recitare con continuità, ma piuttosto la messa in scena consisteva in movimenti isolati dei personaggi, generalmente esagerati, con artisti che salivano e scendevano costantemente le scale senza una ragione o un senso convincente, con a volte alcuni che cantano al livello superiore e altri al livello inferiore a distanza. Quando avveniva una vera interazione tra i personaggi, questa si realizzava tra il cubo e il proscenio, come se si trattasse di scene rappresentate in versione da concerto.

20240425_Houston_01_DonGiovanni_facebook_phLynnLane

L'ideatore di questa produzione era Es Devlin, e i costumi appropriati ed eleganti, ad eccezione di quello di Leporello e della tunica bianca, fangosa e insanguinata del Commendatore che stonavano con gli altri, erano stati disegnati da Anja Vang Kragh. La parte migliore dell’allestimento è stata senza dubbio quella degli effetti delle proiezioni di Luke Halls, effettuate sulla scenografia, che così aveva la funzione di uno schermo.
Sul palco apparivano i nomi di tutte le conquiste di Don Giovanni, figure geometriche che davano un tocco cinematografico e surreale, e mettevano in risalto i dettagli delle pareti, delle porte e delle scale, dando allo spettatore l'impressione della struttura in legno o simulando lunghi corridoi. Tutto è stato realizzato in un ambiente buio, nero e cupo illuminato efficacemente da Bruno Poet.
In sintesi, la performance ha avuto esiti visivamente apprezzabili a livello estetico per gli spettatori, ma nella sua concezione ometteva la funzionalità e la presenza degli artisti. Un altro dettaglio che la messa in scena non è riuscita a risolvere e che ha lasciato una certa insoddisfazione, è stato che si è deciso di escludere la scena finale “Ah, dov'e e il perfido?” Concludendo lo spettacolo spegnendo le luci del palco nel momento della scomparsa di Don Giovanni.
È strano pensare che, con la sua carriera e la sua esperienza, Kasper Holten non potesse pensare a un inaspettato coup de théâtre in una scena così significativa.
La parte musicale e vocale dell'esecuzione ha superato le aspettative con la direzione musicale, delicata e dettagliata della direttrice d'orchestra inglese Dame Jane Glover, che ha suonato il clavicembalo dal podio durante i recitativi mentre dirigeva. Si tratta di una direttrice d’orchestra che scolpisce meticolosamente ogni dettaglio, realizzando una lettura molto stilizzata, leggera, dando importanza alle voci, sempre attenta ad estrarre le sfumature e gli aspetti più cadenzati e melodici della sontuosa partitura.
Il coro, diretto dal maestro Richard Bado, ha dato il suo contributo in modo preciso e professionale, disposto fuori scena, da dove si potevano ascoltare i suoi interventi.
Nel ruolo di Don Giovanni si è distinto il basso-baritono Luca Pisaroni, che era stato uno dei migliori interpreti di Leporello;  qui, nel ruolo del dissoluto punito, si è dimostrato un solido interprete e conoscitore del personaggio affidatogli, nonostante le scene di inspiegabile sofferenza e angoscia (imputabili ad un'errata regia e che apparivano fuori luogo) che non hanno sminuito il suo atteggiamento rissoso, provocatorio e seducente con cui impersonava il proprio ruolo. Vocalmente ha mostrato voce ampia, robusta e di colore gradevole, oltre al buon gusto, alla buona dizione e alla comprensione del testo e della parola cantata.
Il ruolo di Leporello è stato ben cantato dal basso-baritono Ryan McKinny, artista dalle eccezionali qualità vocali, ma il cui personaggio in questa produzione è stato ridotto all'anonimato, cosa che lo ha trasformato proprio in un personaggio poco partecipativo, ignaro della storia, come, ad esempio, quando sedeva in un angolo, perso tra le proiezioni durante tutta la scena finale tra Don Giovanni e il Commendatore.
Il mezzosoprano Sasha Cooke, al debutto nel ruolo di Donna Elvira, ha affascinato il pubblico per la seduzione del suo canto, per il timbro brunito e ricco di sfumature e per un'eccellente linea di canto che ha contribuito a rendere il suo personaggio uno dei più riusciti dal punto di vista vocale. La sua performance è stata adeguata, con una presenza radiosa e seducente, entro i parametri già descritti.
Da parte sua, il soprano Adrian Chuchman è stata una Donna Anna con acuti brillanti e una voce agile, flessibile e ben intonata; e il tenore Kang Wang, aveva una voce lirica leggera, di piacevole timbrica, ma priva di personalità e corpo nelle arie importanti del personaggio di Don Ottavio.
Il soprano Erika Baikoff è stata una Zerlina giovane e delicata, vocalmente ideale per il personaggio, irradiando una immagine graziosa e attraente.
Il baritono Norman Garrett è stato corretto nella sua interpretazione di Masetto, e il basso americano Patrick Guetti, che ha svolto la sua carriera su importanti palcoscenici in Europa, ha mostrato una forza e una profondità vocale inusuali per il personaggio del Commendatore, dandogli l’autorità e la solidità che gli corrisponde.

20240425_Houston_02_DonGiovanni_LucaPisaroniAdrianChuchman_phLynnLane 20240425_Houston_03_DonGiovanni_LucaPisaroniErikaBaikoff_phLynnLane

20240425_Houston_04_DonGiovanni_RyanMcKinnyLucaPisaroni_phLynnLane 20240425_Houston_05_DonGiovanni_SashaCookeLucaPisaroni_phLynnLane

Dopo Don Giovanni, la Houston Grand Opera presenterà The Sound Of Music di Rogers e Hamerstein come ultimo titolo, essendo uno dei pochi teatri importanti  negli Stati Uniti che nel corso della sua storia hanno avuto un rapporto molto stretto con i musical americani.
(La recensione si riferisce alla recita di venerdì 19 aprile 2024)

Crediti fotografici: Lynn Lane / HGO
Nella miniatura in alto: Luca Pisaroni (Don Giovanni)
Al centro: panoramica sull'allestimento voluto dal regista Kasper Holten
Sotto in sequenza: Luca Pisaroni con Adrian Chuchman (Donna Anna); con Erika Baikoff (Zerlina); con Ryan McKinny (Leporello); e con Sasha Cooke (Donna Elvira)





Pubblicato il 10 Aprile 2024
Stimolante concerto a Dan Diego con musiche cantate e suonate del barocco italiano
J.J. Orliński come un istrione servizio di Ramˇn Jacques

20240410_SanDiego_00_JakubJozefOrlinskiSAN DIEGO (California USA) - Da quando Philippe Jaroussky si è fatto conoscere, circa 20 anni fa, con registrazioni come Un concert pour Mazarin (Virgin Classics, 2004) o Vivaldi, virtuoso cantatas (Erato, 2005), e con apparizioni su importanti palcoscenici concertistici e operistici, nessun altro controtenore è stato così apprezzato e conosciuto come Jakub Józef Orliński, il giovane cantante polacco, che nelle sue tournée ha tenuto numerosi concerti e recital sui palcoscenici di tutto il mondo.
In questa regione dell'Ovest americano, era stato visto solo nel 2022, dove si è esibito in recital a Berkeley, e lo stesso anno ha fatto il suo debutto alla San Francisco Opera cantando il ruolo di Orfeo nell'opera di Gluck Orfeo ed Euridice.
L'ho sentito cantare per la prima volta dal vivo nel 2018 all'Opera di Lille in Francia, nel personaggio di Unulfo in Rodelinda (HWV 19) di Händel. 
Anni dopo, ha debuttato a San Diego, in un concerto organizzato dall'associazione "La Jolla Music Society", che in passato portava in città le più importanti orchestre sinfoniche, e che oggi punta sui concerti e sulla musica da camera, poiché alcuni anni fa ha aperto la sala The Baker-Baum Concert Hall che grazie alle sue dimensioni e alla buona acustica è il luogo ideale per offrire questo tipo di spettacoli.
Come di consueto, Orliński si è presentato accompagnato dall’ensemble di strumenti antichi italiano Il Pomo D’Oro, che già si era esibito in questa sala nel 2023 con il mezzosoprano Joyce Di Donato; il concerto consisteva in una selezione di arie e opere, raramente ascoltate, di compositori del XVI e XVII secolo come Monteverdi, Caccini, Frescobaldi, Cavalli, Strozzi e altri.

20240410_SanDiego_01_JakubJozefOrlinski 20240410_SanDiego_02_JakubJozefOrlinski

20240410_SanDiego_03_JakubJozefOrlinski 20240410_SanDiego_04_JakubJozefOrlinski

Il concerto si è aperto proprio con due arie di Monteverdi (1567-16431) da L'incoronazione di Poppea: "E pur io torno qui" (Ottone) e l'allegra "Voglio di vita uscir"; seguiva "Amarilli, mia bella" da Le nuove musiche di Giulio Caccini (1551-1668) – compositore considerato uno dei creatori dell'opera e molto influente nell’ideazione dello stile musicale barocco – e proseguiva con "Così mi disprezzate" dalle Arie musicali, Libro 1, aria dai toni rinascimentali di Girolamo Frescobaldi (1583-1643) e Incomprensibil nume di Pompeo Magno di Francesco Cavalli (1602-1676).
Il disegno dinamico e fluido del recital ha permesso di ascoltare anche il molto sentimentale "L'amante consolato" da Cantate, ariette e duetti, op. 2 della compositrice Barbara Strozzi (1619-1677), in cui Orlinski ha saputo infondere significato e sentimento al suo canto.
Una rarità è stata quella di ascoltare due arie da L’Adamiro di Giovanni Cesare Netti (1649-1686): le piacevolissime Quanto più la donna invecchia e Son vecchia, pazienza.
Del compositore veneziano Antonio Sartorio (1630-1680) è stata ascoltata, "La certezza di tua fede" di Antonino e Pompeiano, per concludersi con l'aria "Lungi dai nostri cor" da La Faretra smarrita (1690) composta da Sebastiano Moratelli (1640-1706).
Vale la pena ricordare che praticamente tutti i brani ascoltati in questo concerto sono contenuti nella recente registrazione del giovane controtenore, intitolata «Beyond» (Erato, 2023), da lui realizzata con lo stesso gruppo musicale Il Pomo D’Oro.
Da parte sua l'ensemble italiano, costituito per l'occasione da dieci strumentisti, ha fornito supporto e creato un tessuto adeguato, con un alto livello e maestria in ciascuna delle interpretazioni e nell'accompagnamento degli artisti.
I soli strumentisti hanno restituito poi gustose interpretazioni del Passacalio Per ogni sorte di strumento musicale, op. 22 di Biagio Marini (1594-1663), della Sinfonia dal Demetrio di Carlo Pallavicino (1630-1688), nonché la Sonata per due violini del compositore tedesco Johann Kasper Kerll (1627-1693) e la Tamburetta de Canzoni e concerti (1627) del compositore barocco polacco Adam Jarzębski (1590-1612), due rarità preparate per l'occasione da musicisti non italiani.

20240410_SanDiego_05_JakubJozefOrlinski

20240410_SanDiego_06_JakubJozefOrlinski_facebook

Il controtenore Jakub Józef Orliński ha mostrato brillantezza, elasticità e bellezza vocale, così come un’insolita omogeneità di colore e luminosità nella sua estensione vocale. Durante tutto il concerto, la sua voce tendeva ad una certa monotonia e a alcuni passaggi apparivano un po' artificiosi, ma Orliński sapeva come emozionare il pubblico, con le sue piroette, salti sul palco e movimenti di break dance.
Ha iniziato il concerto avvolto in un enorme mantello di raso, che ha usato per conferire un certo effetto drammatico alla sua esibizione. Poi ha rotto la solennità e, cercando un legame e una vicinanza con il pubblico, ha camminato in mezzo a loro per i corridoi bui della sala con una lampada in mano, finché a un certo punto si è seduto su una poltrona e si è tolto le scarpe e i calzini, e ha cantato il resto del concerto a piedi nudi.
Personalmente non amo questo tipo di manifestazioni che possono distogliere inutilmente l’attenzione dalla musica, ma mi sono concentrato sull'effetto di entusiasmo ed esaltazione del pubblico che ha apprezzato la parte vocale e strumentale, e anche questa parte, si può dire, di contorno.
A fronte di tanti consensi e scroscianti applausi, sono stati aggiunti tre bis fuori programma. Questi erano: Chi scherzo con amore di Giovanni Antonio Boretti, "Lucidissima facce" da La Calisto di Francesco Cavalli e una versione esplosiva di Che m'ami ti prega del compositore fiorentino Giuseppe Maria Orlandini (1676-1760), autore di più di quaranta opere.
Se c'è qualcosa da riconoscere al giovane e brillante Orliński  (al di là del fatto che è un artista popolare e conosciuto), è il merito di aver dato spazio e rilievo a compositori e opere, almeno attraverso alcune arie, che giacciono nell’oblio.
(la recensione si riferisce al concerto di Domenica 7 aprile 2024)

Crediti fotografici: LJMS per Jakub Józef Orliński a San Diego

 

 





Pubblicato il 22 Febbraio 2024
Walt Disney Concert Hall festeggia il ventennale con la prima opera del Ring wagneriano
Grande Das Rheingold in piccolo spazio servizio di Ramˇn Jacques

20240222_00_LosAngeles_DasRheingold _GustavoDudamelLOS ANGELES (USA) - La sala concerti Walt Disney Hall, sede dell’orchestra Los Angeles Philharmonic, è situata nel cuore della città e ha festeggiato nel 2023 i suoi vent'anni (è stata inaugurata il 23 ottobre 2003). E’ stata progettata e realizzata con la supervisione dal famoso architetto e designer canadese-americano Frank Gehry (1929), ideatore di una lunga serie di edifici emblematici in tutto il mondo (tra i più noti il Museo Guggenheim di Bilbao in Spagna). L'orchestra ha voluto celebrare il ventennale, e rendere un omaggio vivente allo stesso Gehry presente in sala nonostante l'età avanzata, con la rappresentazione scenica di Das Rheingold (L'oro del Reno), opera epica in un atto con musica e libretto di Richard Wagner (1813-1883), che fino ad oggi non era mai stata eseguita dall'orchestra, tranne alcuni brani come l'entrata degli Dei nel Walhalla, in un concerto del lontano 1919 e il Finale nell'altrettanto lontano 1922.
Tuttavia, l’opera è un genere sempre presente in tutta la storia dell'orchestra e nelle ultime stagioni sono state proposte Die Walküre (nella sua stagione estiva all'Hollywood Bowl) e Tristan und Isolde sempre di Wagner, oltre alla Carmen di Bizet e al Pelléas et Mélisande di Debussy, tra le altre, ma sempre in versione da concerto o semi-scenica.
Purtroppo questa sala non è uno spazio idoneo, adeguato per presentare opere in versione scenica, almeno non con successo, come avvenuto durante il ciclo operistico Mozart-Da Ponte, che si distinse per gli aspetti musicali e vocali, ma non per quello visivo e scenico. Nonostante ciò, e nello spirito celebrativo dell'occasione, l'opera è stata proposta con una concezione scenica ideata dallo stesso archoitetto Frank Gehry, che ha collocato una pedana, un palcoscenico, con uno spazio piuttosto limitato (nella parte alta e posteriore della sala, nelle sezione destinata al coro e dove si trova l'enorme organo della sala) pieno di installazioni astratte, cubi e rettangoli di legno, e un enorme corridoio in proscenio davanti all'orchestra, dove si muovevano i cantanti (a volte anche tra gli strumentisti dell’orchestra).

20240222_01_LosAngeles_DasRheingold _phTimothyNorrisWalt  20240222_02_LosAngeles_DasRheingold _phTimothyNorrisWalt

20240222_03_LosAngeles_DasRheingold _facebook_phTimothyNorrisWalt

Il palco su cui si trovava la grande orchestra è stato dipinto di nero, creando una buca orchestrale buia e allo stesso tempo un contrasto cromatico che risaltava visivamente grazie al colore dei costumi, oltre alla splendente illuminazione della scena da parte del regista Rodrigo Prieto, facendo sì che l'attenzione si concentrasse sui cantanti e sulla trama.
In cima al palco erano appese delle tende soffici sulle quali venivano proiettate immagini di elementi come fuoco, acqua, terra, e anche i sottotitoli. I costumi di Cindy Figueroa, al di là del loro stile moderno e sorprendente, non si sono distinti particolarmente per bellezza o interesse, né è stata del tutto efficace la regia di Alberto Arvelo, che ha lottato con i limiti di spazio descritti, e nella sua ricerca di dare un certo carattere umano ai personaggi, a tratti, sembrava sfruttare un'inutile verve comica, che ci proiettava più verso un’opera tipo Il Flauto Magico piuttosto che in una atmosfera wagneriana.
Una buona riuscita è stata la puntuale ed eccezionale scelta dei cantanti, per la maggior parte americani, guidati dal basso-baritono statunitense Ryan Speedo Green, che un anno e mezzo fa aveva affascinato qui nel ruolo di Kurwenal in Tristan und Isolde, e che ancora una volta ha esibito la sua voce potente, intensa e piacevole, che sommata alla sua personalità scenica ha dato autorevolezza al personaggio di Wotan, così come il mezzosoprano Raehann Bryce-Davis adatta, efficiente e vocalmente aggressiva, che ha dato vita ad una Fricka convincente e indiscutibile.
Il tenore Simon O'Neill (meglio conosciuto per essere un notevole Siegfried) ha dato vita ad un Loge superbo e intrigante. Il tenore Barry Banks, ha eseguito la parte vocale di Mime, anche se a tratti in modo un po’ eccessivo, e il baritono tedesco Jochen Schmeckenbecher ha apportato la sua esperienza ed efficacia all'odioso Alberich. Ampiamente soddisfacente è stata la partecipazione del mezzosoprano Tamara Mumford, commovente e nobile nel ruolo di Erda.
Appropriati e corretti sono stati gli altri cantanti del cast come Morris Robinson, come Fasolt, un basso affidabile e di grandi qualità, il basso Peixin Chen come Fafner e il soprano Jessica Faselt come Freía. Senza dimenticare la partecipazione dei soprani Ann Toomey nel ruolo di Woglinde, e Alexandria Shiner nel ruolo di Welgunde, del tenore John Mattew Myers nel ruolo di Froh e del mezzosoprano Taylor Raven nel ruolo di Flosshilde, nonché del prezioso ed esperto basso-baritono Kyle Albertson che ha ben cantato e impersonato Donner cogliendone il carattere.
L'orchestra si è espressa con forza illuminante, eseguendo le intricate trame orchestrali con chiarezza ed equilibrio. Il suono orchestrale era vibrante e i musicisti si sono distinti per l'omogeneità evidenziata in ogni sezione. Sul podio c’era Gustavo Dudamel che con il passare del tempo ha smesso di essere un direttore esplosivo e frenetico, sembrando ora più attento a ricercare meticolosamente ed ad estrarre ogni dettaglio. Fatta eccezione per alcuni passaggi all'inizio dell’opera la cui scelta di un tempo lento suonava un po' pesante e noiosa, man mano che il lavoro procedeva il tutto si calibrava fino a ricavare e trasmettere emozioni, vibrazioni ed eccitazione contagiose.

20240222_04_LosAngeles_DasRheingold _phTimothyNorrisWalt

L'ingresso nel Walhalla è stato davvero emozionante. L'orchestrazione di Richard Wagner avvolge lentamente il pubblico fino a portarlo ad un’ovazione sincera, esplosiva e tumultuosa, durante la quale ben si percepisce la grande impressione che questa musica provoca.
(la recensione si riferisce allo spettacolo di domenica 21 gennaio 2024)

Crediti fotografici: Timothy Norris Walt / Disney Concert Hall, cortesía di Los Angeles Philharmonic Association
Nella miniatura in alto: il direttore Gustavo Dudamel
Sotto, in sequenza: immagini di un Das Rheingold in forma semiscenica in piccolo spazio






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Orlando nelle trame di Alcina
intervento di Athos Tromboni FREE

20240407_Fe_00_OrlandoFurioso_MarcoBellussi_phMarcoCaselliNirmaFERRARA - Ottima messa in scena nel Teatro "Claudio Abbado" dell' Orlando Furioso di Antonio Vivaldi nella edizione critica curata da Federico Maria Sardelli e Alessandro Borin. Il maestro Sardelli era anche sul podio della brava Orchestra Barocca Accademia dello Spirito Santo di Ferrara. Quindi tre atti, così come Vivaldi ideò per la premiere al Teatro Sant'Angelo di Venezia nell'autunno del 1727.
Ottima messa in scena, oltre che per la comprovata efficacia di Sardelli nell'esecuzione del repertorio barocco, soprattutto per la visionaria regia di Marco Bellussi, coadiuvato da Fabio Massimo Iaquone (ideazione e regia video), Matteo Paoletti Franzato (scene), Elisa Cobello (costumi) e Marco Cazzola (luci).
La visionaria regia ci trasporta nel poema ariostesco (o quantomeno in ciò che del poema dell'Ariosto utilizzò a suo tempo il librettista Grazio Braccioli) dove tutto è fantascientifico
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Vocale
La Divina Giustizia canta il monito
sevizio di Athos Tromboni FREE

20240515_Ra_00_RavennaFestival_IlTrionfoDellaDivinaGiustizia_NicolaValentini_phZani-CasadioRAVENNA - Entrando nella Basilica di San Giovanni Evangelista si resta colpiti dalla sobrietà e insieme solennità delle architetture. La chiesa fu eretta dall’imperatrice Galla Placidia negli anni successivi al 424 dopo Cristo, per sciogliere un voto espresso durante una rovinosa burrasca in mare in cui era incappata al ritorno da Costantinopoli: se fosse
...prosegui la lettura

Classica
Mozart, Schubert e Muti un trionfo
servizio di Athos Tromboni FREE

20240512_Ra_00_RavennaFestival_RiccardoMuti_phZaniCasadioRAVENNA - E così l'11 maggio dentro un Palazzo De Andrè stipato di pubblico all'inverosimile (3500 posti a sedere la capienza dichiarata) è iniziata la trentacinquesima edizione del Ravenna Festival, quest'anno sulle corde d'una frase biblica, E fu sera e fu mattina..., sottotitolo della manifestazione mutuato dal più celebre "leitmotiv" della
...prosegui la lettura

Personaggi
A Felicia Bongiovanni il Premio Callas
servizio di Silvia Iacono FREE

20240510_Pa_00_FeliciaBongiovanniPALERMO - L’attività artistica del soprano Felicia Bongiovanni prosegue dopo aver ricevuto il Callas Tribute Prize. Il 5 maggio 2024, presso la Pontificia Facoltà Teologica di Sicilia, in occasione del primo concerto per il Gubileo rosaliano a Palermo, che celebra i quattrocento anni dal ritrovamento delle reliquie di Santa Rosalia, patrona amata
...prosegui la lettura

Approfondimenti
Sul set di Fanciulla...
servizio di Simone Tomei FREE

20240430_To_00_LaFanciullaDelWest_phDanieleRattiTORINO - Scrivo, con imperdonabile ritardo, della mia presenza al Teatro Regio di Torino per l’opera “americana” di Giacomo Puccini e ne chiedo scusa a coloro che mi hanno ospitato ed ai lettori della rivista.
Quando si entra nel magico mondo di La fanciulla del west non si può non essere rapiti dalla meravigliosa
...prosegui la lettura

Vocale
Insolito dittico per i texani
servizio di Ramˇn Jacques FREE

20240430_FortWorth_00_DieWalkure_RobertSpano_phKarenAlmondFORT-WORTH (Texas, USA) - Wagner & Sibelius a Fort Worth. La Fort-Worth Symphony, con stanza nella località di Fort Worth vicina alla città di Dallas(50 km), in Texas, ha offerto nell'ambito della sua attuale stagione un concerto seducente e di grande suggestione, che ha unito il romanticismo musicale di Jean Sibelius con quello di Richard
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
La Traviata osÚ
servizio di Ramˇn Jacques FREE

20240428_LosAngeles_00_LaTraviata_RachelWillisSorensen_phCoryWeaverLOS ANGELES - Dorothy Chandler Pavilion (California USA). La terza opera della cosiddetta 'trilogia popolare' di Giuseppe Verdi (1813-1901) è La Traviata, la cui première avvenne il 6 marzo 1853 alla Fenice di Venezia, e che è senza dubbio considerata oggi il suo titolo più popolare, tra le altre cose, per la sua ricchezza melodica, inventiva e vocalità
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Ottima la Cenerentola
servizio di Rossana Poletti FREE

20240428_Ts_00_LaCenerentola_LauraVerrecchia_phFabioParenzanTRIESTE - Teatro Lirico “Giuseppe Verdi”. Come ben racconta Francesco Bernasconi la nascita della Cenerentola di Gioachino Rossini fu avventurosa: “Il soggetto previsto era ‘Ninetta alla corte’, tratto da una commedia francese leggera e satirica, considerato immorale e assolutamente inadatto a essere rappresentato nella
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Don Giovanni tradito dalla regia
servizio di Ramˇn Jacques FREE

20240425_Houston_00_DonGiovanni_LucaPisaroni_phLynnLaneHOUSTON (Texas, USA) - Wortham Theater Center. La stagione della Houston Grand Opera, iniziata pochi mesi fa, in un batter d'occhio volge al termine, e lo fa con il Don Giovanni di Mozart, titolo sempre interessante, impegnativo e accattivante. Forse quando l'opera venne rappresentata per la prima volta il 29 ottobre 1787 al Teatro Nazionale di Praga, nessuno
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Beatles Day nel Teatro Abbado
servizio di Athos Tromboni FREE

20240425_Fe_00_EcceCorMeum-PaulMcCartney_MarcelloCorvino_phMarcoCaselloNirmalFERRARA - È stato un successo di pubblico e artistico che era prevedibile: così si è svolta e conclusa la serata (una prima nazionale) dedicata all'oratorio di Paul McCartney, Ecce cor meum, e ad alcuni successi internazionali dei Beatles stavolta non più ad appannaggio delle chitarre elettriche e batteria, ma dentro la musica di un'orchestra e un
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Ovest
Morire di BohŔme Ŕ un gioco
servizio di Simone Tomei FREE

20240416_Ge_00_LaBoheme_AnastasiaBartoliGENOVA - Si rimane a bocca aperta entrando nella sala del Teatro Carlo Felice di Genova in attesa di assistere alla rappresentazione de La Bohème di Giacomo Puccini: il pannello che rimpiazza il sipario ci offre un’anticipazione visiva di quello che saranno i quattro quadri dell’opera. Lo stile è quello inconfondibile di Francesco Musante (autore
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Una Tempesta molto gradevole
servizio di Athos Tromboni FREE

20240412_Fe_00_TheTempestOLIsolaIncantata_DanieleSconosciutoFERRARA - Difficile assistere oggi a qualche masque messo in scena nei nostri teatri, nonostante la freschezza musicale e la bellezza di questi veri capisaldi della più radicata cultura musicale britannica; il masque era in auge prima dello "spodestamento" operato anche in Gran Bretagna dall'opera settecentesca italiana o in stile italiano. Ebbene
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Xtra per tre
redatto da Athos Tromboni FREE

20240411_Fe_00_FerraraMusicaXtra_NicolaBruzzoFERRARA - Si chiama "Xtra" - un nome avveniristico - ma sarà fatta di musica da grande repertorio cameristico. È la nuova rassegna di Ferrara Musica, ideata per dare una ribalta a formazioni e musicisti solisti di grande talento. Ad illustrare il programma sono intervenuti l'assessore alla Cultura del Comune di Ferrara, Marco Gulinelli, il curatore
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
J.J. Orliński come un istrione
servizio di Ramˇn Jacques FREE

20240410_SanDiego_00_JakubJozefOrlinskiSAN DIEGO (California USA) - Da quando Philippe Jaroussky si è fatto conoscere, circa 20 anni fa, con registrazioni come Un concert pour Mazarin (Virgin Classics, 2004) o Vivaldi, virtuoso cantatas (Erato, 2005), e con apparizioni su importanti palcoscenici concertistici e operistici, nessun altro controtenore è stato così apprezzato e conosciuto come Jakub Józef Orliński, il giovane cantante polacco, che nelle sue tournée ha tenuto numerosi concerti e recital sui palcoscenici di tutto il mondo.
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Quel Don Pasquale sempre fresco
servizio di Simone Tomei FREE

20240325_Fi_00_DonPasquale_MarcoFilippoRomano_phMichele MonastaFIRENZE - Quello che è stato ritorna dicevano sempre i nostri vecchi. Ed è proprio così: in un momento non facile per il Teatro del Maggio, l’idea di rispolverare una vecchia produzione di Don Pasquale di Gaetano Donizetti si è rivelata una scelta molto azzeccata che ha riportato indietro nel tempo i più veterani melomani. La riproposizione dello spettacolo
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Ovest
Beatrice di Tenda da visibilio
servizio di Simone Tomei FREE

2040325_Ge_00_BeatriceDiTenda_AngelaMeadeGENOVA – Procede con scelte azzeccate e particolarmente ricercate la stagione operistica del Teatro Carlo Felice di Genova con un altro capolavoro belliniano, Beatrice di Tenda. Sono già due stagioni che le opere del catanese compaiono nel cartellone del teatro genovese: nel 2021 Bianca e Fernando – secondo l’edizione riservata proprio al teatro ligure
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
How About Now non c'Ŕ danza
servizio di Edoardo Farina FREE

20240324_Cesena_00_HowAboutNow_HannesLangolfCESENA - Prosegue il programma invernale al Teatro “Alessandro Bonci” di Cesena attraverso il cartellone che ERT Fondazione propone nel suo storico e prestigioso spazio ove l’8 marzo 2024 in prima assoluta e successivamente il 10 al Teatro Arena del Sole di Bologna, nell’ambito della rassegna Carne a cura di Michela Lucenti, Emilia Romagna Teatro
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Nabucco fra Oren e Del Monaco
servizio di Rossana Poletti FREE

20240324_Ts_00_Nabucco_GiancarloDelMonacoTRIESTE - Teatro Lirico “Giuseppe Verdi”. L’avventura del Nabucco in scena in questi giorni al Teatro Verdi di Trieste comincia con una conferenza stampa, nella quale Daniel Oren, maestro concertatore e direttore, ha espresso che questo terzo titolo di Giuseppe Verdi, suo primo grande successo, è molto importante per il popolo ebraico, «... per
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Nel Campielo xe bel quel che piase
servizio di Athos Tromboni FREE

20240318_Vr_00_IlCampiello_FrancescoOmassini_phEnneviVERONA - Fu così che per la prima volta in assoluto Il Campiello di Ermanno Wolf-Ferrari andò in scena nel Teatro Filarmonico di Verona. E fu così che alla "prima" venne accolto da un pubblico numeroso con molti minuti di applausi a fine recita e con vere ovazioni per alcuni protagonisti di quella commedia musicale. Chissà se le cronache del futuro, parlando del
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Un Trovatore quasi disastro
servizio di Simone Tomei FREE

20240317_Lu_00_IlTrovatore_MatteoDesole_phAugustoBizziLUCCA – Il trovatore di Giuseppe Verdi chiude la stagione lirica 2023/2024 del Teatro del Giglio di Lucca. Si tratta di una coproduzione che vede come attori - oltre l’Istituzione lucchese - la Fondazione Teatri di Piacenza, la Fondazione Teatro Comunale di Modena, la Fondazione Teatro Goldoni di Livorno il Teatro dell’Opera Giocosa di Savona.
...prosegui la lettura

Eventi
Vi presentiamo La BohŔme
servizio di Angela Bosetto FREE

20240316_Vr_00_LaBoheme_2024VERONA – Dopo tredici anni di assenza è ufficialmente partito il conto alla rovescia: la prossima estate La Bohème di Giacomo Puccini tornerà in Arena durante il 101° Festival lirico; il capolavoro di Puccini verrà rappresentato il 19 e il 27 luglio 2024 con la direzione di Daniel Oren.
Trattandosi di una nuova produzione di Fondazione Arena
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Ovest
Idomeneo da manuale
servizio di Simone Tomei FREE

20240227_Ge_00_Idomeneo_AntonioPoliGenova – L’ Idomeneo di Wolfgang Amadeus Mozart è un capolavoro che incanta con la sua profonda drammaticità e la sua sublime bellezza musicale. La trama, ambientata nell'antica Grecia, ruota attorno al re Idomeneo, il quale, dopo essere stato salvato da un naufragio grazie all’aiuto divino, si trova costretto a sacrificare suo figlio
...prosegui la lettura

Eventi
Il 35░ nel segno della solidarietÓ
servizio di Athos Tromboni FREE

20240225_Ra_00_RavennaFestival2024_LogoRAVENNA - il Teatro Alighieri era gremito di pubblico, giornalisti, operatori video e radio per la presentazione della 35.ma edizione di Ravenna Festival 2024, che si svolgerà dall’11 maggio al 9 luglio e farà registrare oltre 100 alzate di sipario; gli artisti coinvolti sono più di mille, dai grandi nomi della musica classica e del canto lirico, fino ad alcuni "menestrelli"
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Grande Das Rheingold in piccolo spazio
servizio di Ramˇn Jacques FREE

20240222_00_LosAngeles_DasRheingold _GustavoDudamelLOS ANGELES (USA) - La sala concerti Walt Disney Hall, sede dell’orchestra Los Angeles Philharmonic, è situata nel cuore della città e ha festeggiato nel 2023 i suoi vent'anni (è stata inaugurata il 23 ottobre 2003). E’ stata progettata e realizzata con la supervisione dal famoso architetto e designer canadese-americano Frank Gehry (1929)
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Ecco la Butterfly del fiasco
servizio di Simone Tomei FREE

20240219_Lu_00_MadamaButterfly_AlessandroDAgostiniLUCCA – Al Teatro del Giglio approda con grande apprezzamento del pubblico la versione bresciana di Madama Butterfly di Giacomo Puccini (datata 28 maggio 1904) dopo che il clamoroso fiasco del Teatro alla Scala di qualche mese prima, indusse il compositore a rimettere le mani sulla partitura. La scelta dell’adattamento bresciano per il Teatro del
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Arianna tra il buffo e il commovente
servizio di Rossana Poletti FREE

20240218_Ts_00_AriannaANasso_SimoneSchneider_phFabioParenzanTRIESTE - Teatro Lirico “Giuseppe Verdi”.  Ci è voluto Richard Strauss e la sua Arianna a Nasso per far comprendere quanto poco interessasse a certi ricchi la realizzazione di uno spettacolo, quanto poco comprendessero le dinamiche che stanno attorno e dentro la preparazione di un lavoro teatrale.
«Pago e voglio quello che
...prosegui la lettura

Personaggi
Incontro con Lorenzo Cut¨li
servizio di Edoardo Farina FREE

20240215_Fe_00_LorenzoCutuliFERRARA - Il 100° anniversario dalla morte di Giacomo Puccini rappresenta un’occasione per commemorare e ripercorrere la vita e la carriera di uno dei più grandi musicisti italiani.  Le sue Opere, ancora oggi, continuano a essere rappresentate sui palcoscenici più prestigiosi del mondo, celebrando lo straordinario valore artistico delle composizioni
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale Ŕ iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310