Pubblicato il 02 Dicembre 2022
Allo Human Alien Studio da domani la mostra Ŧ1977 - Improvvisazioni Fotograficheŧ
Marco Caselli Nirmal e le sue poli-immagini

20221202_Fe_00_MarcoCaselliNirmalFERRARA - Apre domani, sabato 3 dicembre 2022 alle ore 17,30, la mostra personale del fotografo Marco Caselli Nirmal allo Human Alien Studio di via Calcagnini 8 Ferrara.  La mostra di Caselli Nirmal intitolata «1977 - Improvvisazioni Fotografiche» (che sarà in parete fino al 9 dicembre) è un flusso di coscienza, una lunga serie di immagini sovrapposte, vere poli-immagini che assomigliano alla stratificazione del pensiero e del ricordo. Questa serie di immagini riguarda prove, sperimentazioni e concerti di un gruppo di musicisti conosciuti come “Marcel Duchamp vive ancora!”. Le loro esecuzioni musicali custodivano l’originalità di un impatto performativo che spesso si trasformava in veri e propri happening dissacranti; In tali occasioni il fotografo ha realizzato delle sovraimpressioni, ossia scattava e riavvolgeva la pellicola in maniera casuale  offrendo anche il suo contributo performativo attraverso una catarsi fotografica, vissuta in prima persona come un atto liberatorio, da qui il titolo della mostra.  
Il fotografo ferrarese - che possiamo annoverare fra i maggiori fotografi di teatro e spettacolo oggi in attività -  afferma di non aver più incontrato una situazione artistico-musicale così liberatoria e invitante, ecco perché questo tipo di produzione tecnica si può considerare un unicum nella sua carriera fotografica. 
Oltre alle opere realizzate 45 anni fa in simbiosi con il clima artistico, culturale e politico del 1977, ci sarà in mostra una proiezione di immagini che l’autore ha scattato durante quell’anno. In questa slideshow è mostrata la testimonianza di incontri fortunati con l’Arte con la Musica e con il Teatro. A partire dall’inaugurazione della Sala Polivalente del Palazzo dei Diamanti di Ferrara con la performance di Vincenzo Agnetti e quella di Guglielmo Achille Cavellini “Scrittura sul corpo”, fino all’incontro con Julian Beck e Judith Malina del Living Theatre al Parco Nazionale degli Abruzzi con la performance “Can I kill You?”. Il tutto sullo sfondo degli avvenimenti politici di Bologna del 1977  e l’intervento di Dario Fo in piazza VIII Agosto il 25 Settembre.

20221202_Fe_01_MarcoCaselliNirmal_facebook

Da allora nel cuore del fotografo Marco Caselli Nirmal si è consolidato un grande amore verso la musica in tutte le sue forme e varianti. Per dirla come Nicola Piovani: «La musica è pericolosa, come lo sono tutte le cose profondamente belle: ci cambiano, a volte ci ammaliano di bellezza, come gli innamoramenti adolescenziali...»
Orari di apertura: sabato 3 dicembre 17.30 / 20,00 -  domenica 4 dicembre 17,30 / 20.00
da lunedì 5 a venerdì 9 dicembre apertura scrivendo a marcocasellinirmal@gmail.com 
sabato 10 dicembre 17,30 / 20,00 - domenica 11 dicembre 10,30 / 13,00 e 15.30 / 20.00 - (a.t.)

Crediti fotografici: Marco Caselli Nirmal
Nella miniatura in alto: un "invenzione creativa di" Caselli Nirmal per il proprio autoscatto
Sotto: una delle poli-immagini esposte in via Calcagnini 8 a Ferrara





Pubblicato il 23 Settembre 2022
Ottimo il consuntivo 2022 per l'opera lirica ma giā si pensa all'edizione n° 100 del Festival 2023
Risultati del 99° Arena di Verona Festival servizio di Athos Tromboni

20220923_Vr_00_ArenaVeronaOperaFestival2022-Risultati_DamianoTommasiVERONA - I risultati del 99° Arena di Verona Opera Festival 2022 sono stati comunicati ieri con illustrazione di dati e cifre che hanno testimoniato il successo della stagione estiva nell'anfiteatro romano della città scaligera. Ecco i dati salienti: 46 serate dentro un'Arena ritornata, dopo la pausa Covid, alla disponibilità della piena capienza; 342.187 gli spettatori totali per un incasso complessivo di euro 26.476.452,50; il record dell’incasso medio per serata è il più alto della storia di Fondazione Arena di Verona: euro 575.575; sono stati 1.416 i lavoratori e lavoratrici impegnati nel Festival, e 95 artisti in gran parte di fama mondiale hanno calcato il palcoscenico; ben 35 di loro hanno debuttato quest'anno a Verona; e fra i giovani artisti sotto i 30 anni impegnati nelle opere, ben 15 sono stati i debutti (10 italiani e 5 stranieri).
Questi confortevoli risultati sono stati illustrati alla stampa dalla sovrintendente della Fondazione Arena, Cecilia Gasdia, dal nuovo sindaco Damiano Tommasi (presidente del Comitato di indirizzo come da normativa) e dal direttore organizzativo Stefano Trespidi.
Il tavolo della conferenza stampa era coordinato dalla neo-capo ufficio stampa del Comune di Verona, Patrizia Adami.
Intervenuto portando il saluto della sua organizzazione anche Paolo Arena, in rappresentanza di Confcommercio Verona.
Dopo il saluto rivolto da Cecilia Gasdia ai presenti, ha preso la parola il sindaco Tommasi: «Nella tutela e valorizzazione del monumento mi sono sentito impegnato fin dai primi giorni del mandato. A consuntivo non posso che esprimere soddisfazione per i risultati conseguiti. Aggiungo che, partecipando alla serata del tenore Jonas Kaufmann, il calore del pubblico e quello dell'artista mi hanno fatto capire quali responsabilità l'amministrazione comunale abbia non solo di fronte alla città, ma di fronte al mondo intero.»
A sua volta la Gasdia, ringraziando sponsor e Consiglio di indirizzo della Fondazione,  ha puntualizzato come la nuova amministrazione comunale e in particolare il sindaco abbiano collaborato fin da subito con la Soprintendenza per contribuire ai risultati conseguiti: « Fondazione Arena di Verona rivolge un ringraziamento particolare - ha concluso - a tutte le maestranze che hanno dato vita al Festival 2022 e che, grazie alla loro dedizione e al loro impegno, hanno colmato le difficoltà nel reperimento di personale stagionale, criticità comune a tutti i settori produttivi in tutta Italia ed Europa a causa della pandemia.»
Infine Stefano Trespidi ha illustrato con grafici e tabelle i risultati richiamati negli interventi precedenti: « I 342.187 spettatori - ha detto - che hanno consentito l'incasso di 26.476.452,50 di euro, pareggiano sostanzialmente i risultati del 2019; ma questo è doppiamente significativo perché raggiunto con cinque serate in meno rispetto al Festival 2019 e con sei mesi di prevendita penalizzati dalla pandemia. L’incasso medio per serata quindi raggiunge il valore record di 575.575 euro, il più alto di sempre nella storia areniana. Record anche per le trasmissioni tv, con telecamere nazionali ed internazionali presenti in sette serate del Festival. La stagione ha riportato in scena gli allestimenti più amati, con cast internazionali di grandissimo livello, fra molti preziosi debutti e attesi ritorni, che ogni sera hanno donato agli spettatori la magia unica del teatro sotto le stelle nel segno di Bizet, Orff, Puccini, Verdi.» 
Sia la Gasdia che Trespidi hanno espresso soddisfazione per la riconfermata presenza di sponsor, partner, associazioni di categoria e ordini professionali, e per la seconda edizione del progetto di fundraising "67 Colonne per l’Arena di Verona", che grazie alla collaborazione con Athesis ha superato i risultati del 2021 e ha già creato una lista d’attesa per il 2023.
Hanno inoltre ringraziato l'impegno della Provincia, con il suo presidente Manuel Scalzotto, per l’importante contributo straordinario stanziato per il secondo anno consecutivo, volto a mitigare le conseguenze della pandemia.
Alle iniziative esistenti si sono affiancate anche quelle nuove del progetto corporate Arena Opera Festival Experience, per far vivere l’esperienza dell’opera in Arena in modo sempre più completo e trasversale.

20220923_Vr_02_ArenaVeronaOperaFestival2022-Risultati_PatriziaAdami20220923_Vr_03_ArenaVeronaOperaFestival2022-Risultati_CeciliaGasdia20220923_Vr_04_ArenaVeronaOperaFestival2022-Risultati_DamianoTommasi20220923_Vr_05_ArenaVeronaOperaFestival2022-Risultati_StefanoTrespidi

Il ruolo di partner, sponsor e "67 colonne"
Al termine del 99° Arena di Verona Opera Festival 2022, è stato messo in rilievo anche il prezioso contributo concretamente fornito dai partner e dagli sponsor del Festival, in primis Unicredit, che da oltre 25 anni è a fianco della Fondazione Arena con il ruolo di major partner del Festival e gestore della Biglietteria insieme a TicketOne, ma anche gli official sponsor Calzedonia e Pastificio Rana, l’automotive partner Volkswagen Group Italia, il mobility partner DB BAHN e il media Partner RTL 102.5. Si sono confermati anche per il 2022 i partner ufficiali Casa Sartori, AirDolomiti, A4holding, Vicenzi, Saba, Sdg Group e Veronafiere.
Come già accennato, anche nel 2022 si è rinnovato il progetto di fundraising "67 colonne per l’Arena di Verona" in collaborazione con il Gruppo Athesis. La prima edizione è stata insignita del premio Cultura+Impresa e del primo premio come miglior progetto di fundraising del 2021 nella VI Edizione del Concorso Art Bonus, indetto dal Ministero della Cultura: l’Arena di Verona è stata la cornice in cui si è tenuta la prestigiosa cerimonia di premiazione, alla presenza di tutti i progetti finalisti. Anche la seconda edizione 2022 ha visto la partecipazione di aziende, imprenditori, ordini professionali e associazioni di categoria che hanno aderito alla campagna superando il traguardo di quanto raccolto nel 2021 e creando una già ricca lista d’attesa per il 2023.  

Il Festival numero 100 del prossimo anno
Fondazione Arena di Verona ha dato appuntamento al suo pubblico per il 100° Arena di Verona Opera Festival 2023, con un’edizione più ricca che mai: il 16 giugno 2023 si inaugurerà con una produzione completamente nuova di Aida, l’opera regina dell’Arena, in scena fino al 9 settembre insieme a ben 7 altri titoli operistici negli allestimenti più amati e rappresentati, in una summa antologica della storia recente del Festival: Carmen, Il barbiere di Siviglia, Rigoletto, La traviata, Nabucco, Tosca e Madama Butterfly e 5 gala (Roberto Bolle and Friends, 19 luglio 2023; Juan Diego Flórez in Opera, 23 luglio; Plácido Domingo in Opera, 6 agosto; Jonas Kaufmann in Opera, 20 agosto; Teatro alla Scala in Arena, 31 agosto); il centesimo Festival conferma così trattarsi di uno sforzo produttivo senza precedenti, per 50 serate uniche, non solo per gli spettatori: anche l’organico e il periodo di occupazione delle maestranze artistiche e tecniche saranno ampliati, come già comunicato alle organizzazioni sindacali. Tutti gli appuntamenti del 100° Arena di Verona Opera Festival 2023 sono già in vendita presso la biglietteria centrale di Fondazione Arena, sul sito web www.arena.it  attraverso il circuito TicketOne e i canali social Facebook - Twitter - Instagram - YouTube.
(il servizio si riferisce alla conferenza stampa di giovedì 22 settembre 2022)

20220923_Vr_01_ArenaVeronaOperaFestival2022-Risultati_facebook

 

Crediti fotografici: Fototeca gli Amici della Musica Uncalm
Nella miniatura in alto: il sindaco di Verona, Damiano Tommasi
Al centro, on sequenza: Patrizia Adami, Cecilia Gasdia, Damiano Tommasi e Stefano Trespidi
Sotto: il tavolo della conferenza stampa presso la Sala Arazzi della residenza municipale





Pubblicato il 31 Maggio 2022
Raffinata guida-brochure del Ravenna Festival 2022 con i ritratti dei 'rifiutati dal sistema'
Le immagini parlanti di Costantini servizio di Attilia Tartagni

20220531_Ra_00_Bruchure_GianlucaCostantiniRAVENNA - Da almeno due anni Ravenna Manifestazioni si augurava “il ritorno alla normalità”. E la normalità è tornata con la consuetudine della presentazione in presenza del 23 maggio 2022 della brochure in formato tascabile del calendario della XXXIII edizione del Ravenna Festival, impreziosita dalle immagini parlanti di Gianluca Costantini. Lo strumento, indispensabile per seguaci e appassionati del Ravenna Festival, è distribuito gratuitamente e accompagna lo spettatore dal primo all’ultimo giorno della programmazione con la presentazione di ogni singolo evento.
Si tratta  di 120 appuntamenti fra il  1° giugno e il 21 luglio 2022, anticipati dal concerto “Underwater” di Ludovico Einaudi, e contempla anche la Trilogia d’Autunno dedicata al sodalizio fra il grande compositore Wolfgang Aamadeus Mozart e il librettista Lorenzo Da Ponte. Con questa guida è facile creare un percorso personale nelle traiettorie della musica, della danza, del teatro e del cinema sulle tracce di Pier Paolo Pasolini alla cui indimenticabile figura di letterato, poeta, sceneggiatore, regista e pensatore indipendente, lucidamente critico sulla realtà contemporanea e quasi profetico rispetto a quella a venire, è dedicato il Festival.
La  guida festivaliera negli ultimi anni ha ricevuto tributi di illustri maestri della fotografia come Roberto Roversi, Silvia Camporesi, Alessandra Dragoni, o di illustratori famosi come Mattia Battistini, tanto da trasformarsi in oggetto di culto da conservare a Festival concluso.
Quest’anno è la poetica grafica di Gianluca Costantini a sottolineare la multidisciplinarietà del Festival con una galleria di icone della letteratura, personaggi rifiutatati dal “sistema” spesso a causa di vite ”disordinate o maledette” ma saldamente impressi nell’archivio della cultura e nell’immaginario collettivo: Pier Paolo Pasolini, Albert Camus, Allen Ginsberg, Amelia Rosselli, Anna Achmatova, Anne Sexton, Arthur Rimbaud, Bertolt Brecht, Christa Wolf, Elsa Morante, Emily Dickinson, William S. Burroughs, Ezra Pound, Federico García Lorca, Marina Cvetaeva, Osip Mandel’stam, Vladimir Majakovskij.
«La scelta è avvenuta - afferma Costantini - fra una serie di ritratti eseguiti nel 2016 che contemplava personaggi della cultura e della società. Sono tutti visi famosi, in cui il segno si sposa con la parola. Il colore è l’energia che dal cervello fluisce verso le mani atte a darvi esecuzione.»
Artista ravennate impegnato (a cui Amnesty International ha attribuito il premio “Arte e diritti umani”),  Gianluca Costantini ha fatto del disegno uno strumento di azione a servizio della libertà come  Pier Paolo Pasolini fece della parola poetica e letteraria e dell’immagine filmica.  Dopo avere curato nel 2016 la guida del Festival dedicato a Nelson Mandela, ecco di nuovo la creatività dell’artista ravennate al servizio della più importante manifestazione estiva ravennate.
«Un atlante emotivo e letterario del disegnatore, che ci consegna il suo decalogo, il suo personale gomitolo per addentrarsi nel folto bosco della poesia e non perdersi» scrive Elettra Stamboulis nella nota che accompagna l’apparato iconografico della pubblicazione, accomunate da volute di fumo che alludono alla poesia che spalanca orizzonti diversi e rivoluzionari.
Proprio in questo anno in cui è scomparso il grande fotografo ravennate Roberto Masotti, le cui immagini sostanziano due libri che saranno presentati al Festival, dopo tanta fotografia si ritorna alla grafica con una copertina che è un compromesso fra i due linguaggi: una fotografia di Pasolini ritoccata graficamente in cui egli appare più che mai combattuto “fra la carne e il cielo”, proprio come nel titolo del Festival a lui dedicato.

Il programma è disponibile presso la Biglietteria del Teatro Alighieri (che dal 30 maggio osserva l’orario estivo: lunedì-sabato 10-13 e 16-18; domenica e festivi 10-13), gli IAT di Ravenna e Cervia e in tutti i luoghi di spettacolo in occasione degli eventi. Ventimila copie stanno inoltre raggiungendo destinatari in tutt’Italia, parte dell’ampio indirizzario del Festival. Informazioni tel. 0544 249244 - www.ravennafestival.org

 

 

 

20220531_Ra_02_Bruchure_AnneSexton 20220531_Ra_03_Bruchure_FedericoGarciaLorca

20220531_Ra_04_Bruchure_PierPaoloPasolini 20220531_Ra_05_Bruchure_ElsaMorante

 

 

Crediti fotografici: Ufficio stampa Ravenna Manifestazioni - Ravenna Festival
Nella miniatura in alto: Gianluca Costantini
Sotto: alcuni disegni di Costantini per Ravenna Festival 2022






< Torna indietro

Personaggi Approfondimenti Eventi Echi dal Territorio Pagina Aperta


Parliamone
Tedesco-Cardelli-Cardelli e il Secolo Breve
intervento di Athos Tromboni FREE

20220910_Fe_00_TrioCardelli_FabiolaTedescoFERRARA - Un programma di sala intelligente. E soprattutto stimolante. Ci riferiamo al concerto finale dell’Ensemble Musik Festival organizzato nello splendido Ridotto del Teatro Comunale “Claudio Abbado” dall’Associazione Ensemble. Il trio formato dalla violinista Fabiola Tedesco e dai fratelli Giacomo (violoncello) e Matteo Cardelli (pianoforte) ha proposto musiche di Luciano Berio (Sequenza VIII per violino solo), Salvatore Sciarrino (Notturno n.3 per pianoforte), Fabio Vacchi (Sonatina III per violoncello solo), Händel/Halvorsen  (Passacaglia in Sol minore per violino e violoncello) e Robert Schumann (Trio n.1 in Re minore op.63): come si vede, è un impaginato che affronta il misconosciuto repertorio del Novecento e il ben più frequentato repertorio romantico.
La scelta di quel programma è stata spiegata da Giacomo Cardelli al pubblico prima dell’inizio del concerto, con un breve discorso che ha testimoniato la predisposizione
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Nuove Musiche
Omaggio a Nino Rota
servizio di Athos Tromboni FREE

20221204_Fe_00_ConcertoNinoRota_CirilloAdrianoFERRARA - La rassegna cameristica "Concerti al Ridotto" di Ferrra Musica ha ospitato oggi un Duo violino-pianoforte costituitosi un paio di anni fa: Marcello Corvino (violinista, direttore artistico del Teatro Comunale "Claudio Abbado" di Ferrara) e Carlo Beramasco (avvocato-pianista e vicepresidente dello stesso Teatro Comunale) hanno
...prosegui la lettura

Eventi
Non solo jazz al Torrione San Giovanni
servizio di Athos Tromboni FREE

20221202_Fe_00_JazzClub_TravagliEleonoraSoleFERRARA - Presentato alla stampa un nuovo progetto culturale del Jazz Club Ferrara: si tratta della visita guidata allo storico Torrione San Giovanni di via Rampari di Belfiore, sede del sodalizio ferrarese e monumento di importanza storica quale presidio di guardia e sede della dogana ferrarese ai tempi del Ducato Estense. Alla
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Marco Caselli Nirmal e le sue poli-immagini
FREE

20221202_Fe_00_MarcoCaselliNirmalFERRARA - Apre domani, sabato 3 dicembre 2022 alle ore 17,30, la mostra personale del fotografo Marco Caselli Nirmal allo Human Alien Studio di via Calcagnini 8 Ferrara.  La mostra di Caselli Nirmal intitolata «1977 - Improvvisazioni Fotografiche» (che sarà in parete fino al 9 dicembre) è un flusso di coscienza, una lunga serie di immagini
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Pietro Tonolo e il Passpartout
servizio di Athos Tromboni FREE

20221127_Fe_00_TonoloPietroFERRARA - È in pieno svolgimento il cartellone d'eccellenza del Jazz Club Ferrara nello storico Torrione di via Rampari di Belfiore: ieri sera, 26 novembre 2022, il sodalizio ferrarese ha salutato l’edizione 2022 del "Passpartout", una collaborazione con il Bologna Jazz Festival costruita nel segno di un incrocio di amicizie artistiche cementate da
...prosegui la lettura

Prosa
Oylem Goylem dove il mondo č scemo
servizio di Athos Tromboni FREE

20221126_Fe_00_OylemGoylem_MoniOvadiaFERRARA – «Dico un sacco di fregnacce sugli ebrei e sull’ebraismo. Non sono né un maestro, né un dotto, anche se qualcuno tenta di farmici passare… io sono solo un saltimbanco, e tale voglio restare.»
La frase si trova nel capitolo introduttivo del primo libro stampato (o forse il secondo libro)
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Otello nel blu di Ciabatti
servizio di Rossana Poletti FREE

20221106_Ts_00_Otello_GiulioCiabatti_phFabioParenzanTRIESTE - Teatro Lirico “Giuseppe Verdi”. «Non è un dramma della gelosia...» aveva affermato il regista Giulio Ciabatti alla conferenza di presentazione dell’Otello, andato in scena al Teatro Verdi di Trieste: «... la gelosia è solo l’apparenza, ma la scrittura musicale ci porta lontano, in un luogo in cui non c’è giustizia sociale e neanche
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Alfredo d'Ambrosio revival tra Italia a Francia
FREE

20221031_Dischi_00_OperaOmniaDiAlfredoDAmbrosio_Copertina.JPGÈ uscito per Brilliant Classics (ed era stato interamente anticipato su YouTube), il cofanetto di 3 compact-disc che il Gran Duo Italiano composto da Mauro Tortorelli al violino e Angela Meluso al pianoforte hanno inciso tra il 2021 e il 2022. L'incisione discografica si avvale delle pagine riscoperte e rivitalizzate grazie all’opera di raccolta e
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Alcina delle meraviglie
servizio di Giuliano Danieli FREE

20221027_Fi_00_Alcina_CeciliaBartoliFIRENZE – L’Alcina andata in scena a Firenze nel Teatro del Maggio Musicale Fiorentino – ripresa dell’allestimento concepito nel 2019 per il Festival di Salisburgo, opportunamente adattato agli spazi della Sala Zubin Mehta – è uno di quei rari spettacoli destinati a rimanere indelebilmente vivi nella memoria di chi ha avuto la fortuna di assistervi.
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
La forza del destino un successo
servizio di Nicola Barsanti FREE

20221017_Pr_00_LaForzaDelDestino_GregoryKundePARMA - Nella meravigliosa cornice del Teatro Regio di Parma, l’ultima rappresentazione di La forza del destino di Giuseppe Verdi, (opera inaugurale del Festival Verdi 2022) si rivela un successo. La regia minimalista ed essenziale di Yannis Kokkos risulta ben armonizzata al libretto e pronta a suggerire, là dove necessario, scene evocative di
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
L'albero e i simboli della Carlson
servizio di Athos Tromboni FREE

20221015_Fe_00_TheTree-CarolynCarlsonFERRARA - Nella sua opera letteraria della maturità, il filosofo-poeta francese Gaston Bachelard sublima un suo credo con questa frase: «La nostra appartenenza al mondo delle immagini è più forte, più costitutiva del nostro essere che non l'appartenenza al mondo delle idee.»
È un invito all'uomo e alla donna di lasciarsi andar
...prosegui la lettura

Eventi
Superstagione per opera e balletto
servizio di Athos Tromboni FREE

20221011_Fe_00_StagioneLiricaEBalletto_CarloBergamascoFERRARA - Il vicepresidente della Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, avvocato Carlo Bergamasco, ha detto, riferendosi al calendario della lirica e del balletto 2022/2023: «Si tratta di una stagione senza precedenti per varietà e ricchezza di titoli» commentando i dieci titoli di lirica (o meglio: di teatro musicale, perché non c'è soltanto l'opera
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Il Trovatore baritono meglio del tenore
servizio di Nicola Barsanti FREE

20221007_Fi_00_Trovatore_MariaJoseSiri_phMicheleMonastaFIRENZE - Lo spettacolo inaugurale del festival d’autunno del maggio Musicale Fiorentino, dedicato a Giuseppe Verdi, vede protagonista Il Trovatore: una delle tre opere cardine della cosiddetta trilogia romantica (o popolare). Come suggerisce Alberto Mattioli, quella proposta dal Maggio potrebbe altresì essere definita una trilogia spagnola
...prosegui la lettura

Classica
Orchestra Mozart la residenza ferrarese va
servizio di Athos Tromboni FREE

20220929_Fe_00_OrchestraMozart-SinfoniaEroica_DanieleGatti_phMarcoBorggreveFERRARA - È decollata con una calorosa accoglienza di pubblico "l'avventura" della triennale residenza ferrarese dell'Orchestra Mozart istituita dall'Accademia Filarmonica di Bologna e fondata da Claudio Abbado: ieri sera infatti la formazione bolognese, prima nella sua versione per soli archi e poi con organico al completo, ha catturato i favori
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Risultati del 99° Arena di Verona Festival
servizio di Athos Tromboni FREE

20220923_Vr_00_ArenaVeronaOperaFestival2022-Risultati_DamianoTommasiVERONA - I risultati del 99° Arena di Verona Opera Festival 2022 sono stati comunicati ieri con illustrazione di dati e cifre che hanno testimoniato il successo della stagione estiva nell'anfiteatro romano della città scaligera. Ecco i dati salienti: 46 serate dentro un'Arena ritornata, dopo la pausa Covid, alla disponibilità della piena capienza; 342.187
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Ferrara in jazz d'autunno
servizio di Athos Tromboni FREE

20220919_Fe_00_JazzClub_HermonMehariFERRARA - il 30 settembre si apre la nuova stagione artistica del Jazz Club Ferrara al Torrione San Giovanni di Corso Porta Mare 112; la programmazione prevede attività fino alla fine di aprile 2023, ma oggi in conferenza stampa sono state rese pubbliche le serate dei primi due mesi, ottobre e novembre 2022. Tutto lo staff del
...prosegui la lettura

Eventi
La tragédie de Carmen in Umbria
redatto da Athos Tromboni FREE

20220919_Spoleto_00_StagioneLiricaRegionale2022-Carmen_CarloPalleschiSPOLETO - La nuova produzione della Tragédie de Carmen – andata in scena in anteprima nel mese di agosto 2022 a Spoleto – sarà nuovamente allestita, in occasione della Stagione Lirica Regionale 2022 dell'Umbria. Questi gli appuntamenti: Auditorium San Domenico di Foligno (mercoledì 21 settembre, ore 20.30); Teatro degli Illuminati di Città
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
EuropAuditorium stagione 2022/2023
servizio di Edoardo Farina FREE

20220915_Bo_00_StagioneTeatroEuropAuditorium2022-2023_FilippoVernassaBOLOGNA - Consueta conferenza stampa al Teatro EuropaAuditorium, ove martedì 13 settembre 2022 alla presenza di Giorgia Boldrini – Direttrice Settore Cultura e Creatività del Comune di Bologna, Donato Loria – CEO Bologna Congressi, Filippo Vernassa – Direttore artistico dello stesso Teatro, Giacomo Golfieri – Amministratore unico Fonoprint
...prosegui la lettura

Eventi
Torna Ferrara Musica al Ridotto
servizio di Athos Tromboni FREE

20220914_Fe_00_FerraraMusica-CartelloneConcertiRidotto_EnzoRestagnoFERRARA - L'assessore alla Cultura Marco Gulinelli, con il musicologo Enzo Restagno e il maestro Dario Favretti di Ferrara Musica hanno presentato la nuova stagione cameristica nel Ridotto del Teatro Comunale "Claudio Abbado" che si svolgerà nel prossimo autunno-inverno: domenica 25 settembre 2022 prenderà il via la seconda
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310