Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

San Francisco Opera al War Memorial Opera House sdogana l'opera in spagnolo

L'ultimo sogno di Frida e Diego

servizio di Ramón Jacques

Pubblicato il 29 Giugno 2023

20230629_00_SanFrancisco_FridaEDiego_DanielaMack_phCoryWeaverSAN FRANCISCO (USA) - War Memorial Opera House, 13 giugno 2023. Come ultimo titolo della sua stagione del centenario, la San Francisco Opera ha offerto la prima locale di El Último sueño de Frida y Diego (L'ultimo sogno di Frida e Diego) un'opera in due atti della compositrice Gabriela Lena Frank, su libretto del drammaturgo cubano Nilo Cruz, la cui prima assoluta è avvenuta il 29 ottobre 2022 al Civic Theatre di San Diego, sede della compagnia di quella città. Inoltre, un altro importante teatro californiano, la Los Angeles Opera, ne ha programmato la prima nel suo teatro nel novembre di quest'anno, facendo così compiere i primi passi di questo lavoro sulla costa occidentale degli Stati Uniti, in particolare in California, che ha una gran fetta della popolazione di lingua spagnola.
La presenza di Lena Frank e della sua opera è diventata un evento storico per San Francisco e per la regione, che ha un'ampia offerta culturale e musicale, in quanto la compositrice è originaria della città di Berkeley, situata a pochi chilometri da San Francisco dall'altra parte della baia, ed è diventata la prima compositrice donna a cui questo importante teatro ha commissionato un'opera da mettere in scena sul suo palcoscenico principale, e inoltre El ultimo sueño de Frida y Diego è la prima opera composta e cantata interamente in spagnolo nella storia di questo teatro: infatti il titolo dell'opera è sempre rimasto in lingua originale, come l'ha scritto la compositrice, che tra l'altro non è di origine messicana.
Il quadro non potrebbe essere più incoraggiante, essendo questa proposta offerta all'interno di una stagione di grande significato e attualità, stagione iniziata con la prima mondiale di Antonio e Cleopatra di John Adams  compositore legato a questo teatro, residente anche lui in questa regione, e che ha in catalogo l'opera-oratorio intitolata El Niño con testo in spagnolo, commissionata dal teatro Théâtre du Châtelet di Parigi dove ha debuttato nel dicembre 2000, e che è stata presentata alla Carnegie Hall di New York, a Los Angeles, e la prossima stagione sarà interpretata dalla Houston Symphony, come esempio di noti compositori americani che hanno presentato anche opere in spagnolo.

20230629_01_SanFrancisco_FridaEDiego_phCoryWeaver 20230629_02_SanFrancisco_FridaEDiego_phCoryWeaver

20230629_06_SanFrancisco_FridaEDiego_YaritzaVelizDanielaMackAlfredoDaza_facebook

La realtà è che pochi teatri americani propongono opere in spagnolo, nonostante onorevoli eccezioni. In tal senso da segnalare il contributo dato dal compositore messicano Daniel Catán quando, nel 1993, riuscì a convincere la San Diego Opera a mettere in scena la sua opera in spagnolo, La Hija de Rappacini, e diventare un pioniere di questo genere, se così si può catalogare, che in seguito generò l'interesse della Houston Opera la quale commisionò diversi titoli  in spagnolo tra i quali ricordiamo Florencia en el Amazonas, l'opera in spagnolo messa in scena più volte negli Stati Uniti, seguita da Il Postino, commissionato dalla Los Angeles Opera, senza dimenticare la trilogia di opere-mariachi (che mescola musicalmente la tradizionale e popolarissima musica messicana dei mariachi - composta da trombe e archi -)con l'orchestra classica, e le cui storie sono di emigranti messicani negli Stati Uniti, e che hanno avuto grande accettazione e successo di pubblico e di critica quando sono stati rappresentati) creati dal compositore Javier Martínez (leader della più famosa band mariachi messicana) e dal librettista americano Leonard Foglia, commissionata dai teatri di Houston e Chicago.
Sarebbe un discorso arduo e forse sarebbe inopportuno e inutile a questo punto dibattere sul perché le opere in lingua spagnola, salvo eccezioni come quelle già citate, non vengano messe in scena più frequentemente nei teatri di un paese con una popolazione di lingua spagnola così vasta, la verità è che il pubblico degli appassionati  e gli amanti della musica lirica continua a frequentare e consumare tutto ciò che si chiama opera, che è, in fondo, un genere perenne e universale, indipendentemente dalla lingua in cui si canta, quindi francamente alcuni titoli in spagnolo non servirebbero a creare un pubblico operistico di persone di lingua spagnola negli Stati Uniti.
Quest'opera su Frida è sulla strada giusta per essere presentata in molti teatri ed essere popolare in futuro.  Il grande successo di Lena Frank e Nilo Cruz è stato quello di aver puntato sulla figura di due artisti messicani rilevanti, oggi conosciuti e famosi  (infatti, Frida Kahlo è attualmente una sorta di mito e figura ammirata) creando una storia fittizia ispirata al fascino che Frida e Rivera provavano per l'aldilà e per la festa, così messicana, del giorno dei morti  (È un'antica celebrazione messicana, persino preispanica, celebrata l'1 e il 2 novembre in cui la memoria di amati parenti e amici morti viene onorata con altari floreali nei cimiteri, nelle case o per strada).

20230629_04_SanFrancisco_FridaEDiego_phCoryWeaver

20230629_05_SanFrancisco_FridaEDiego_phCoryWeaver

Come la compositrice ha spiegato in più occasioni, la realizzazione di quest'opera, la sua prima e fino ad oggi unica, si è rivelata un lavoro arduo e lungo durato circa 15 anni prima di poterla finalmente vederla rappresentata, ma che, tuttavia, un periodo che l'ha portata non solo a rafforzare e stringere complicità e uno stretto rapporto lavorativo e creativo con lo stesso Nilo Cruz, ma anche ad affinare e trovare un proprio stile musicale e orchestrale e a comprendere meglio la voce, come l'ha plasmata in questo lavoro, che personalmente considero destinato a entrare in repertorio, perché ha gli elementi necessari per attrarre teatri e orchestre.
Riguardo alla sontuosa e ricca orchestrazione, in una partitura che incorpora sonorità con spiccata influenza della musica popolare messicana, vale la pena menzionare, ad esempio, l'uso costante della marimba e allegre trombe, che la  Lena Franck è riuscita ad amalgamare con sonorità classiche e contemporanee di buona fattura, creando momenti che affascinano, che sorprendono, che attraggono, e soprattutto la sua capacità di far risaltare gli aspetti vocali, cantabili e corali, di cui ha dotato i personaggi e il coro.
La semplice trama si svolge il 2 novembre 1957, il Giorno dei Defunti, pochi giorni prima della morte di Diego Rivera (scomparso il 24 novembre 1957) e tre anni dopo la morte di Frida Kahlo. Quel giorno Diego Rivera aveva visitato un cimitero, circondato da persone che erano venute per onorare lo spirito dei loro cari  scomparsi;  ed è lì che, di fronte alla sua solitudine, Diego chiede a Frida di ritornare. Appare una vecchia che vende fiori, che in realtà è la Catrina, la custode dei morti (Catrina è un'icona della cultura messicana che è stata a lungo un membro degli elementi associati al Giorno dei Defunti, una sorta di stravagante ma elegante signora teschio).
A Mictlan, il mondo sotterraneo degli Aztechi, la Catrina ordina a Frida di tornare per accompagnare il marito morente nel suo viaggio fino alla fine dei suoi giorni. Qui si può notare una certa influenza e somiglianza con Orfeo ed Euridice, e per la Catrina una certa vicinanza con Il Mefistofele del Faust. (sottili aspetti operistici incorporati qui).
Negli inferi Frida incontra Leonardo, un giovane attore che, impersonando Greta Garbo, cerca di tornare tra gli  umani convincendola che dovrebbe farlo anche lei. La Catrina autorizza Frida a tornare nel mondo dei vivi per sole ventiquattro ore a condizione che non tocchi i vivi, dicendole "Una carezza può costarti il ricordo del tuo dolore".
È qui che avviene uno dei momenti vocalmente più evocativi dell'opera, dove lo stesso Diego, avvertendo la vicinanza della sua morte, si reca con Frida nella sua Casa Blu a Coyoacán (Coyoacan è un quartiere pittoresco, molti anni fa un paesino che è rimasto all'interno di Città del Messico quando è cresciuta, ma che mantiene i suoi costumi e la sua architettura): Frida cerca di dipingere, ma non ci riesce perché non trova il riflesso della propria immagine. Diego la incoraggia ed è lì che appare in scena una riuscita sequenza di quadri e immagini da lei realizzati.
Con l'alba Frida deve tornare negli inferi, e Diego capisce che l'unico modo per poter vivere per sempre al suo fianco è recarsi anch'egli  nell'aldilà, cosa che finalmente riesce grazie all'intervento di Catrina e del dio Mictlantecuhtli (un dio azteco, il cui nome è stato usato nella vicenda per evitare di pronunciare l'intervento divino poiché Rivera era un noto ateo e comunista).
Un aspetto che ha messo in risalto lo spettacolo, oltre alla radiosa partitura di Lena Frank, è stato il team di lavoro artistico messicano, che ha contribuito e valorizzato l'autenticità di quanto visto in scena con: Lorena Maza (regista), Eloise Kazan ( costumista ), Víctor Zapatero (luci), senza dimenticare le scenografie semplici ma geniali e suggestive di Jorge Ballina, come i fiori e gli altari dei defunti su vari livelli nel primo atto, che hanno creato scene molto suggestive, o la casa di Coyoacán con il suo inconfondibile e particolare colore blu, e le scene al suo interno, oltre ai quadri di Frida, qui rappresentati da attori e coristi, di forte impatto come solo Frida poteva fare. Ballina ha saputo ricreare la casa di Frida e catturare questo ambiente di Coyoacan perché lo conosce molto bene.
Vocalmente il cast è stato molto efficace con la presenza del mezzosoprano argentino Daniela Mack (nel ruolo di Frida), che ha dimostrato di essere a proprio agio nella parte, cantando con brio e con voce seducente, con la quale ha dimostrato una dizione ammirevole anche nell'uso di certi idiomi messicani.
Dal canto suo, il baritono messicano Alfredo Daza, ha impersonato un Diego Rivera convincente e sofferto, scenograficamente disinvolto, sicuro di sé e credibile, vestito con la sua inconfondibile salopette di jeans. Vocalmente ha risolto il ruolo molto bene, ha  voce rotonda che ha acquisito molto corpo,  ampia e che sa modulare enunciando con eleganza, e mostrando l'esperienza in palcoscenico che ha acquisito nella sua lunga carriera di successo, soprattutto come primo baritono della Staatsopera di Berlino.
Il controtenore Jake Ingbar ha fornito il necessario tocco comico e giocoso sul palco, con buon disimpegno vocale, come Leonardo e nella sua caratterizzazione come Greta Garbo.
Da parte sua, il soprano cileno Yaritza Veliz ha impersonato una Catrina energica, mai esagerata, con abbigliamento e trucco apprezzabili, oltre ad una voce da soprano ampia e robusta, sicura nei registri e nel fraseggio.
Meritoria è stata la performance dei paesani come il tenore Moisés Salazar, il baritono John Fulton e il basso Ricardo Lugo. Meritano una menzione anche il soprano MIkayla Sager, e i mezzosoprani Nikola Printz e Gabrielle Beteag, che in scena hanno dato vita ai personaggi e alle immagini tratte dai dipinti più noti di Frida Kahlo; così come la brillantezza nel canto del mezzosoprano Whitney Steele che ha dato vita al ruolo di Guadalupe Ponti.
Sul podio, il direttore d'orchestra messicano Roberto Kalb ha offerto una lettura dettagliata, ricca di poesia e fantasia, curata nei dettagli, sfumando i colori della partitura e soprattutto mettendo in risalto le sonorità folkloristiche messicane che la partitura offre. L'orchestra sotto la sua guida ha suonato con magia, libertà e gioia.
Il coro, diretto dal maestro titolare John Keene, non è stato solo partecipe in ogni scena in cui doveva recitare, ma si è apprezzato anche il lavoro preciso e sicuramente duro che i suoi membri hanno dovuto fare per pronunciare ed essere  più naturali possibili nel canto con la dizione in spagnolo.

20230629_03_SanFrancisco_FridaEDiego_phCoryWeaver

Va infine ricordato che la vita di Diego Rivera e Frida Kahlo è stata legata anche alla città di San Francisco dove hanno vissuto per diversi mesi avendo uno studio, tra novembre 1930 e maggio 1931, periodo in cui Rivera ha realizzato tre murales, e Frida Kahlo vari dipinti. Successivamente, dopo il divorzio, entrambi tornarono in città nel 1940, Rivera completò un altro murale e Kahlo altri dipinti. La cosa curiosa è che entrambi gli artisti decisero di risposarsi e il rito civile avvenne l'8 novembre 1940 al San Francisco City Hall, l'edificio che si trova dall'altra parte della strada, e a pochi metri dal War Memorial Opera House, dove quasi ottantatré anni dopo sono stati i protagonisti di un'opera creata in loro memoria, in quella che è stata sicuramente la stagione più importante del secondo teatro per importanza e livello degli Stati Uniti.

Crediti fotografici: Cory Weaver per la San Francisco Opera
Nella miniatura in alto: il mezzosoprano
Daniela Mack (Frida)
Al centro in sequenza: Yaritza Veliz (Catrina) con Alfredo Daza (Diego Rivera) e Daniela Mack; e ancora i tre protagonosti nella scena finale dell'opera
Sotto: panoramiche di Cory Weaver su costumi e allestimento






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Messa di Gloria di poca gloria
intervento di Simone Tomei FREE

20231222_Lu_00_MessaDiGloria-Puccini_repertorioLUCCA - Il 29 novembre 2023 è iniziato ufficialmente l’anno delle celebrazioni per i cento anni dalla morte di Giacomo Puccini. Le iniziative prodromiche hanno trovato in questa data ufficiale il loro senso di attesa più profondo e da oggi al 2024 avremo modo di veder ricordato il nome del compositore in svariate iniziative del Comitato promotore delle Celebrazioni pucciniane.
Al Teatro del Giglio di Lucca è andata in scena la Messa a quattro voci del doge lucchese, meglio conosciuta come Messa di Gloria. Si tratta di un’opera giovanile in quattro parti scritta per coro, tenore e baritono solisti e orchestra; viene presentata come saggio di diploma all’Istituto Musicale Pacini di Lucca ed eseguita il 12 agosto 1880.
Puccini, che non ha mai pubblicato la partitura, ha riutilizzato i temi dell’Agnus Dei e del Kyrie rispettivamente in Manon Lescaut e in Edgar.
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Opera dal Nord-Est
Arianna tra il buffo e il commovente
servizio di Rossana Poletti FREE

20240218_Ts_00_AriannaANasso_SimoneSchneider_phFabioParenzanTRIESTE - Teatro Lirico “Giuseppe Verdi”.  Ci è voluto Richard Strauss e la sua Arianna a Nasso per far comprendere quanto poco interessasse a certi ricchi la realizzazione di uno spettacolo, quanto poco comprendessero le dinamiche che stanno attorno e dentro la preparazione di un lavoro teatrale.
«Pago e voglio quello che
...prosegui la lettura

Personaggi
Incontro con Lorenzo Cutųli
servizio di Edoardo Farina FREE

20240215_Fe_00_LorenzoCutuliFERRARA - Il 100° anniversario dalla morte di Giacomo Puccini rappresenta un’occasione per commemorare e ripercorrere la vita e la carriera di uno dei più grandi musicisti italiani.  Le sue Opere, ancora oggi, continuano a essere rappresentate sui palcoscenici più prestigiosi del mondo, celebrando lo straordinario valore artistico delle composizioni
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Il Barbiere eccellente
servizio di Nicola Barsanti FREE

20240209_Ve_00_IlBarbiereDiSiviglia_BepiMorassiVENEZIA - Se pensiamo al fascino di un teatro risorto per più di una volta dalle proprie ceneri, e vi aggiungiamo la suggestione di esservi dentro nel vivo del carnevale della “Serenissima” non può venire in mente un gioiello della produzione rossiniana: Il barbiere di Siviglia. Ed è proprio a quest’opera che abbiamo assistito, la seconda in cartellone
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Manon Lescaut e il gesto della Lyniv
servizio di Nicola Barsanti FREE

20240202_Bo_00_ManonLescaut_OksanaLynivBOLOGNA - Il Teatro Comunale Nouveau inaugura la propria stagione operistica 2024 con il primo vero e proprio gioiello della produzione pucciniana: Manon Lescaut. Ottima scelta per onorare il centenario della morte del compositore lucchese, avvenuta il 29 novembre del 1924 a Bruxelles.  La Manon Lescaut rappresenta per la carriera
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Jazz e altro allo Spirito
redatto da Athos Tromboni FREE

20240129_Fe_00_IlGruppoDei10_TutteLeDirezioni_FrancoFasano.JPGFERRARA - Varato il calendario dei concerti "Tutte le Direzioni in Winter&Springtime 2024", organizzata da Il Gruppo dei 10 con qualche novità e collaborazione in più rispetto ai precedenti. La location è (quasi sempre) la stessa: il ristorante lo Spirito di Vigarano Mainarda (Ferrara), nell’intimo tepore delle sue suggestive sale, immerso nella
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
La bohčme visual della Muti
servizio di Athos Tromboni FREE

20240127_Fe_00_LaBoheme_ElisaVerzier_phFabrizioZaniFERRARA - Suggestivo l'allestimento di La bohème di Giacomo Puccini curato da Cristina Mazzavillani Muti per il Teatro Alighieri di Ravenna, approdato ieri sera al Comunale "Claudio Abbado" di Ferrara. Pubblico della grandi occasioni ("sold-out" si dice oggi, con un inglesismo ormai sostitutivo di "tutto esaurito" d'italiana fattura); pubblico
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Jazz Club Ferrara 45 concerti
redatto da Athos Tromboni FREE

20240124_Fe_00_JazzClub_GennaioMaggio2024FERRARA - Dal 26 gennaio 2024, prende il via al Torrione San Giovanni la seconda parte della 25.ma stagione di Ferrara in Jazz. Grandi nomi del jazz internazionale e largo spazio ai giovani, per complessivi 45 concerti accompagnati da eventi culturali collaterali, realizzati con il contributo del Ministero della Cultura, Regione Emilia-Romagna, Comune
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Bolena e Seymur destino congiunto
servizio di Rossana Poletti FREE

20240123_Ts_00_AnnaBolena_SalomeJicia_phFabioParenzanTRIESTE – Teatro Verdi. Nell’ Anna Bolena di Gaetano Donizetti, in scena al Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste, primeggia la qualità del cast. Un gruppo di cantanti straordinari, che contribuiscono in modo determinante al buon esito della rappresentazione. Se si eccettua qualche piccola quasi impercettibile incertezza nel primo atto la prova
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Un Trovatore cosė cosė
servizio di Nicola Barsanti FREE

20240121_Li_00_IlTrovatore_MatteoDesole_phAugustoBizziLIVORNO - Torna a distanza di 50 anni di assenza al Teatro Goldoni e 27 anni dopo la sua ultima apparizione nella città di Livorno (ma fu al Teatro La Gran Guardia) Il trovatore, uno dei titoli più amati di Giuseppe Verdi. Un ritorno tanto atteso che non convince, pertanto inferiore alle aspettative. Gli anelli deboli di questa produzione riguardano
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Barbiere di Siviglia stratosferico
servizio di Nicola Barsanti FREE

20240120_Pr_00_IlBarbiereDiSiviglia_DiegoCeretta_RobertoRicciPARMA - Il Teatro Regio di Parma inaugura il cartellone d’opera del 2024 con il fiore all’occhiello di Gioacchino Rossini: Il Barbiere di Siviglia. Com’è noto ai più, nel 1782 Giovanni Paisiello scrisse un’opera dallo stesso titolo e con lo stesso soggetto, da qui la decisione del maestro di Pesaro di intitolare la sua nuova composizione (almeno in un primo
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Un Barbiere un po' cosė...
servizio di Simone Tomei FREE

20240113_Lu_00_IlBarbiereDiSiviglia_GurgenBaveyan_PhotoKiwiLUCCA - Il Barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini si veste di attualità, attraverso una lettura piuttosto singolare, ma non del tutto dissonante dalle intenzioni musicali e librettistiche, nell’allestimento andato in scena al Teatro del Giglio di Lucca con la firma registica di Luigi De Angelis che ha curato anche scene e luci. In un condominio stile Le Courboisier
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
La Bohčme dei ponteggi
servizio di Athos Tromboni FREE

20240113_Ro_00_LaBoheme_FrancescoRosa_phValentinaZanagaROVIGO - Una Bohème senza lode e senza infamia. Così potrebbe definirsi l'allestimento dell'opera di Giacomo Puccini andata in scena al Teatro Sociale. Si tratta di una coproduzione del teatro di Rovigo con il Comune di Padova e il teatro "Mario Del Monaco" di Treviso. Una produzione tutta veneta, considerando la bacchetta affidata a Francesco Rosa
...prosegui la lettura

Eventi
Ecco la stagione 2024 del Filarmonico
redatto da Athos Tromboni FREE

20231230_Vr_00_Arena-Filarmonico_CeciliaGasdia_phEnneviFotoVERONA - Teatro Filarmonico: dal 21 gennaio al 31 dicembre 2024, sono in programma 5 opere e 10 concerti sinfonici, con grandi interpreti internazionali. Attesissimo il ritorno del balletto, in scena anche nella sera di San Silvestro. Sarà - inoltre - l’anno delle prime assolute e dei grandi omaggi: il 2024 porterà sul palcoscenico del Filarmonico
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Ovest
... e il Coro fa 90!
servizio di Simone Tomei FREE

20231223_Fi_00_PetiteMesseSolennelle_LorenzoFratini_phMicheleMonastaFIRENZE - Siamo a Passy e correva l’anno 1863: dopo aver finito di comporre il suo ultimo "péchés de veillesse" La Pétite Messe Solennelle, così il Gioachino Rossini infiorettava lo spartito musicale: «Bon Dieu - La voilà terminée cette pauvre petite Messe. Est-ce bien de la musique Sacrée que je viens de faire ou bien de la Sacrée Musique? J’etais né
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Ballo in maschera suggestivo
servizio di Simone Tomei FREE

20231218_Vr_00_UnBalloInMaschera_FrancescoIvanCiampaVERONA - Uno scorcio di stagione 2023 col botto quella del Teatro Filarmonico con la rappresentazione di Un ballo in maschera di Giuseppe Verdi: la regista Marina Bianchi firma un allestimento classico del Teatro Regio di Parma con le ritrovate scene del 1913, dipinte da Carmignani. Fondali e principali di carta, dallo straordinario effetto tridimensionale,
...prosegui la lettura

Operetta and Musical
Bella la notte a Venezia
servizio di Athos Tromboni FREE

20231210_Ro_00_UnaNotteAVenezia_AlessandroBrachettiROVIGO - Venezia, nell'immaginario collettivo dell'Ottocento e del secolo scorso, ma anche nei tempi attuali, ha sempre condiviso la sua immagine reale con un'immagine oleografica: quella della città dell'eleganza, delle frivolezze che animano vicoli e calli, delle bellezze architettoniche e artistiche, della fiorente attività commerciale
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Il flauto magico secondo Stefanutti
servizio di Rossana Poletti FREE

20231209_Ts_00_IlflautoMagico_BeatriceVeneziTRIESTE - Teatro Verdi. Non ci soffermeremo qui sulla miracolosità del lavoro di Mozart, sulla sua rivoluzione che, senza essere tale, mise le premesse per un nuovo mondo musicale, di un compositore iniziatore di nuove concezioni. La rappresentazione del Die Zauberflöte di Wolfgang Amadeus Mozart, in scena al Teatro Lirico Giuseppe Verdi
...prosegui la lettura

Classica
Applausi calorosi per Lupo e Gatti
servizio di Nicola Barsanti FREE

20231208_Fi_00_ConcertoDanieleGattiBenedettoLupo_DanileGattiFIRENZE - Dopo il fortunato Ciclo Chajkovskij, il direttore musicale del Teatro del Maggio, Daniele Gatti, porta a termine un altro nuovo interessante progetto musicale: il Ciclo Beethoven-Honegger e l'Europa, costruito accostando le rare sinfonie del compositore franco-svizzero Arthur Honegger ai ben più celebri cinque concerti per pianoforte
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Pigmalione cattura l'attenzione
servizio di Athos Tromboni FREE

20231204_Ro_00_Pigmalione_BrunoTaddia_phValentinaZanagaROVIGO - Il 16 ottobre 1714 il poeta e librettista veneto Francesco Passarini (da non confondere con l'omonimo compositore bolognese vissuto nel secolo precedente) scrisse una dedica al Podestà di Rovigo: «... Eccellenza, è un debito indispensabile del mio reverendissimo ossequio il consacrare alla grandezza di Vostra Eccellenza questo mio
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Una bella Rondine a Pisa
servizio di Nicola Barsanti FREE

20231203_Pi_00_LaRondine_ValerioGalliPISA - Il Teatro Verdi accoglie il suo pubblico a luci fioche, lasciando già intravedere quello che è l’impianto scenico ideato dal regista francese Paul-Émile Fourny per la seconda opera prevista in cartellone della stagione lirica 2023-2024: La Rondine di Giacomo Puccini. Scelta di grande efficacia teatrale che diffonde fra platea e palchetti aspettativa
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Le guerre di Ulisse raccontano
servizio di Athos Tromboni FREE

20231203_Fe_00_LeGuerreDiUlisse_MarcoSomadossiFERRARA - Il Teatro Comunale "Claudio Abbado" era gremito sabato 2 dicembre 2023, per l'opera contemporanea Le guerre di Ulisse, musica di Marco Somadossi, libretto di Patrizio Bianchi, ex rettore dell'Università di Ferrara ed ex Ministro della Pubblica Istruzione, oggi professore emerito di Economia Applicata, presso il "suo" ateneo.      
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Roméo et Juliette da applausi
servizio di Ramón Jacques FREE

20231202_00_Bilbao_RomeoEtJuliette_LorenzoPasseriniBILBAO VIZCAYA (Spagna) - Palacio Euskalduna, 24 ottobre 2023.
Dalla sua creazione nel 1953, l'ABAO (Asociación Bilbaína de Amigos de la Ópera)), conosciuta anche come Ópera di Bilbao, si è affermata come una delle compagnie d'opera più importanti della Spagna, poiché nel corso della
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Jenufa in ambiente minimalista
servizio di Ramón Jacques FREE

20231201_00_Chicago_NinaStemme_phMichaelBrosilowCHICAGO Il, USA - Civic Opera House, 26 novembre 2023.
Jenůfa, opera in tre atti del compositore ceco Leoš Janáček (1854-1928) basata sull'opera Její pastorkyňa ("la sua figliastra") della scrittrice Gabriela Preissová (1862-1946), è entrata nel repertorio della Lyric Opera di Chicago
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Eccola di nuovo: La bohčme
servizio di Nicola Barsanti FREE

20231201_Fi_00_LaBoheme_GiacomoSagripantiFIRENZE - Al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino torna La bohème nella  classica e tradizionale regia firmata da Bruno Ravella (già vista e recensita nel 2017 che potete leggere qui), in quest’occasione ripresa da Stefania Grazioli con ottima cura, e  come allora si apprezzano le luci di D. M. Wood, qua riprese da Emanuele Agliati.
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
La Turandot viene dall'oriente
servizio di Athos Tromboni FREE

20231127_Fe_00_Turandot_MarcelloMottadelli_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - La nuova Stagione d’Opera e Balletto del Teatro Comunale "Claudio Abbado" si è inaugurata con la messa in scena della Turandot di Giacomo Puccini, coproduzione tra la coreana Daegu Opera House e la Fondazione Teatro Comunale di Ferrara. Tutto esaurito, sia per la "prima" che nella replica della domenica
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Borras magnifico Werther
servizio di Simone Tomei FREE

20231126_Ge_00_Werther_JeanFrancoisBorrasGENOVA - Il secondo titolo della stagione 2023-2024 del Teatro Carlo Felice ci riporta al melodramma francese di fine ottocento con una sublime messinscena del Werther di Jules Massenet che trova ambientazione negli anni ’30 del novecento. La trasposizione temporale come più sotto ben esplicitata dal suo fautore, non fa venir meno le peculiarità
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Rodelinda dei tanti virtuosismi
servizio di Ramón Jacques FREE

20231125_00_LosAngeles_Rodelinda_HarryBicket_phTheEnglishConcertLOS ANGELES, CA USA - Dorothy Chandler Pavilion, 21 novembre 2023.
Dopo il successo delle rappresentazioni di Alcina e Solomon offerte consecutivamente nelle ultime due stagioni, l'Opera di Los Angeles continua la sua collaborazione con l'orchestra barocca inglese
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310