Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

San Francisco Opera al War Memorial Opera House sdogana l'opera in spagnolo

L'ultimo sogno di Frida e Diego

servizio di Ramón Jacques

Pubblicato il 29 Giugno 2023

20230629_00_SanFrancisco_FridaEDiego_DanielaMack_phCoryWeaverSAN FRANCISCO (USA) - War Memorial Opera House, 13 giugno 2023. Come ultimo titolo della sua stagione del centenario, la San Francisco Opera ha offerto la prima locale di El Último sueño de Frida y Diego (L'ultimo sogno di Frida e Diego) un'opera in due atti della compositrice Gabriela Lena Frank, su libretto del drammaturgo cubano Nilo Cruz, la cui prima assoluta è avvenuta il 29 ottobre 2022 al Civic Theatre di San Diego, sede della compagnia di quella città. Inoltre, un altro importante teatro californiano, la Los Angeles Opera, ne ha programmato la prima nel suo teatro nel novembre di quest'anno, facendo così compiere i primi passi di questo lavoro sulla costa occidentale degli Stati Uniti, in particolare in California, che ha una gran fetta della popolazione di lingua spagnola.
La presenza di Lena Frank e della sua opera è diventata un evento storico per San Francisco e per la regione, che ha un'ampia offerta culturale e musicale, in quanto la compositrice è originaria della città di Berkeley, situata a pochi chilometri da San Francisco dall'altra parte della baia, ed è diventata la prima compositrice donna a cui questo importante teatro ha commissionato un'opera da mettere in scena sul suo palcoscenico principale, e inoltre El ultimo sueño de Frida y Diego è la prima opera composta e cantata interamente in spagnolo nella storia di questo teatro: infatti il titolo dell'opera è sempre rimasto in lingua originale, come l'ha scritto la compositrice, che tra l'altro non è di origine messicana.
Il quadro non potrebbe essere più incoraggiante, essendo questa proposta offerta all'interno di una stagione di grande significato e attualità, stagione iniziata con la prima mondiale di Antonio e Cleopatra di John Adams  compositore legato a questo teatro, residente anche lui in questa regione, e che ha in catalogo l'opera-oratorio intitolata El Niño con testo in spagnolo, commissionata dal teatro Théâtre du Châtelet di Parigi dove ha debuttato nel dicembre 2000, e che è stata presentata alla Carnegie Hall di New York, a Los Angeles, e la prossima stagione sarà interpretata dalla Houston Symphony, come esempio di noti compositori americani che hanno presentato anche opere in spagnolo.

20230629_01_SanFrancisco_FridaEDiego_phCoryWeaver 20230629_02_SanFrancisco_FridaEDiego_phCoryWeaver

20230629_06_SanFrancisco_FridaEDiego_YaritzaVelizDanielaMackAlfredoDaza_facebook

La realtà è che pochi teatri americani propongono opere in spagnolo, nonostante onorevoli eccezioni. In tal senso da segnalare il contributo dato dal compositore messicano Daniel Catán quando, nel 1993, riuscì a convincere la San Diego Opera a mettere in scena la sua opera in spagnolo, La Hija de Rappacini, e diventare un pioniere di questo genere, se così si può catalogare, che in seguito generò l'interesse della Houston Opera la quale commisionò diversi titoli  in spagnolo tra i quali ricordiamo Florencia en el Amazonas, l'opera in spagnolo messa in scena più volte negli Stati Uniti, seguita da Il Postino, commissionato dalla Los Angeles Opera, senza dimenticare la trilogia di opere-mariachi (che mescola musicalmente la tradizionale e popolarissima musica messicana dei mariachi - composta da trombe e archi -)con l'orchestra classica, e le cui storie sono di emigranti messicani negli Stati Uniti, e che hanno avuto grande accettazione e successo di pubblico e di critica quando sono stati rappresentati) creati dal compositore Javier Martínez (leader della più famosa band mariachi messicana) e dal librettista americano Leonard Foglia, commissionata dai teatri di Houston e Chicago.
Sarebbe un discorso arduo e forse sarebbe inopportuno e inutile a questo punto dibattere sul perché le opere in lingua spagnola, salvo eccezioni come quelle già citate, non vengano messe in scena più frequentemente nei teatri di un paese con una popolazione di lingua spagnola così vasta, la verità è che il pubblico degli appassionati  e gli amanti della musica lirica continua a frequentare e consumare tutto ciò che si chiama opera, che è, in fondo, un genere perenne e universale, indipendentemente dalla lingua in cui si canta, quindi francamente alcuni titoli in spagnolo non servirebbero a creare un pubblico operistico di persone di lingua spagnola negli Stati Uniti.
Quest'opera su Frida è sulla strada giusta per essere presentata in molti teatri ed essere popolare in futuro.  Il grande successo di Lena Frank e Nilo Cruz è stato quello di aver puntato sulla figura di due artisti messicani rilevanti, oggi conosciuti e famosi  (infatti, Frida Kahlo è attualmente una sorta di mito e figura ammirata) creando una storia fittizia ispirata al fascino che Frida e Rivera provavano per l'aldilà e per la festa, così messicana, del giorno dei morti  (È un'antica celebrazione messicana, persino preispanica, celebrata l'1 e il 2 novembre in cui la memoria di amati parenti e amici morti viene onorata con altari floreali nei cimiteri, nelle case o per strada).

20230629_04_SanFrancisco_FridaEDiego_phCoryWeaver

20230629_05_SanFrancisco_FridaEDiego_phCoryWeaver

Come la compositrice ha spiegato in più occasioni, la realizzazione di quest'opera, la sua prima e fino ad oggi unica, si è rivelata un lavoro arduo e lungo durato circa 15 anni prima di poterla finalmente vederla rappresentata, ma che, tuttavia, un periodo che l'ha portata non solo a rafforzare e stringere complicità e uno stretto rapporto lavorativo e creativo con lo stesso Nilo Cruz, ma anche ad affinare e trovare un proprio stile musicale e orchestrale e a comprendere meglio la voce, come l'ha plasmata in questo lavoro, che personalmente considero destinato a entrare in repertorio, perché ha gli elementi necessari per attrarre teatri e orchestre.
Riguardo alla sontuosa e ricca orchestrazione, in una partitura che incorpora sonorità con spiccata influenza della musica popolare messicana, vale la pena menzionare, ad esempio, l'uso costante della marimba e allegre trombe, che la  Lena Franck è riuscita ad amalgamare con sonorità classiche e contemporanee di buona fattura, creando momenti che affascinano, che sorprendono, che attraggono, e soprattutto la sua capacità di far risaltare gli aspetti vocali, cantabili e corali, di cui ha dotato i personaggi e il coro.
La semplice trama si svolge il 2 novembre 1957, il Giorno dei Defunti, pochi giorni prima della morte di Diego Rivera (scomparso il 24 novembre 1957) e tre anni dopo la morte di Frida Kahlo. Quel giorno Diego Rivera aveva visitato un cimitero, circondato da persone che erano venute per onorare lo spirito dei loro cari  scomparsi;  ed è lì che, di fronte alla sua solitudine, Diego chiede a Frida di ritornare. Appare una vecchia che vende fiori, che in realtà è la Catrina, la custode dei morti (Catrina è un'icona della cultura messicana che è stata a lungo un membro degli elementi associati al Giorno dei Defunti, una sorta di stravagante ma elegante signora teschio).
A Mictlan, il mondo sotterraneo degli Aztechi, la Catrina ordina a Frida di tornare per accompagnare il marito morente nel suo viaggio fino alla fine dei suoi giorni. Qui si può notare una certa influenza e somiglianza con Orfeo ed Euridice, e per la Catrina una certa vicinanza con Il Mefistofele del Faust. (sottili aspetti operistici incorporati qui).
Negli inferi Frida incontra Leonardo, un giovane attore che, impersonando Greta Garbo, cerca di tornare tra gli  umani convincendola che dovrebbe farlo anche lei. La Catrina autorizza Frida a tornare nel mondo dei vivi per sole ventiquattro ore a condizione che non tocchi i vivi, dicendole "Una carezza può costarti il ricordo del tuo dolore".
È qui che avviene uno dei momenti vocalmente più evocativi dell'opera, dove lo stesso Diego, avvertendo la vicinanza della sua morte, si reca con Frida nella sua Casa Blu a Coyoacán (Coyoacan è un quartiere pittoresco, molti anni fa un paesino che è rimasto all'interno di Città del Messico quando è cresciuta, ma che mantiene i suoi costumi e la sua architettura): Frida cerca di dipingere, ma non ci riesce perché non trova il riflesso della propria immagine. Diego la incoraggia ed è lì che appare in scena una riuscita sequenza di quadri e immagini da lei realizzati.
Con l'alba Frida deve tornare negli inferi, e Diego capisce che l'unico modo per poter vivere per sempre al suo fianco è recarsi anch'egli  nell'aldilà, cosa che finalmente riesce grazie all'intervento di Catrina e del dio Mictlantecuhtli (un dio azteco, il cui nome è stato usato nella vicenda per evitare di pronunciare l'intervento divino poiché Rivera era un noto ateo e comunista).
Un aspetto che ha messo in risalto lo spettacolo, oltre alla radiosa partitura di Lena Frank, è stato il team di lavoro artistico messicano, che ha contribuito e valorizzato l'autenticità di quanto visto in scena con: Lorena Maza (regista), Eloise Kazan ( costumista ), Víctor Zapatero (luci), senza dimenticare le scenografie semplici ma geniali e suggestive di Jorge Ballina, come i fiori e gli altari dei defunti su vari livelli nel primo atto, che hanno creato scene molto suggestive, o la casa di Coyoacán con il suo inconfondibile e particolare colore blu, e le scene al suo interno, oltre ai quadri di Frida, qui rappresentati da attori e coristi, di forte impatto come solo Frida poteva fare. Ballina ha saputo ricreare la casa di Frida e catturare questo ambiente di Coyoacan perché lo conosce molto bene.
Vocalmente il cast è stato molto efficace con la presenza del mezzosoprano argentino Daniela Mack (nel ruolo di Frida), che ha dimostrato di essere a proprio agio nella parte, cantando con brio e con voce seducente, con la quale ha dimostrato una dizione ammirevole anche nell'uso di certi idiomi messicani.
Dal canto suo, il baritono messicano Alfredo Daza, ha impersonato un Diego Rivera convincente e sofferto, scenograficamente disinvolto, sicuro di sé e credibile, vestito con la sua inconfondibile salopette di jeans. Vocalmente ha risolto il ruolo molto bene, ha  voce rotonda che ha acquisito molto corpo,  ampia e che sa modulare enunciando con eleganza, e mostrando l'esperienza in palcoscenico che ha acquisito nella sua lunga carriera di successo, soprattutto come primo baritono della Staatsopera di Berlino.
Il controtenore Jake Ingbar ha fornito il necessario tocco comico e giocoso sul palco, con buon disimpegno vocale, come Leonardo e nella sua caratterizzazione come Greta Garbo.
Da parte sua, il soprano cileno Yaritza Veliz ha impersonato una Catrina energica, mai esagerata, con abbigliamento e trucco apprezzabili, oltre ad una voce da soprano ampia e robusta, sicura nei registri e nel fraseggio.
Meritoria è stata la performance dei paesani come il tenore Moisés Salazar, il baritono John Fulton e il basso Ricardo Lugo. Meritano una menzione anche il soprano MIkayla Sager, e i mezzosoprani Nikola Printz e Gabrielle Beteag, che in scena hanno dato vita ai personaggi e alle immagini tratte dai dipinti più noti di Frida Kahlo; così come la brillantezza nel canto del mezzosoprano Whitney Steele che ha dato vita al ruolo di Guadalupe Ponti.
Sul podio, il direttore d'orchestra messicano Roberto Kalb ha offerto una lettura dettagliata, ricca di poesia e fantasia, curata nei dettagli, sfumando i colori della partitura e soprattutto mettendo in risalto le sonorità folkloristiche messicane che la partitura offre. L'orchestra sotto la sua guida ha suonato con magia, libertà e gioia.
Il coro, diretto dal maestro titolare John Keene, non è stato solo partecipe in ogni scena in cui doveva recitare, ma si è apprezzato anche il lavoro preciso e sicuramente duro che i suoi membri hanno dovuto fare per pronunciare ed essere  più naturali possibili nel canto con la dizione in spagnolo.

20230629_03_SanFrancisco_FridaEDiego_phCoryWeaver

Va infine ricordato che la vita di Diego Rivera e Frida Kahlo è stata legata anche alla città di San Francisco dove hanno vissuto per diversi mesi avendo uno studio, tra novembre 1930 e maggio 1931, periodo in cui Rivera ha realizzato tre murales, e Frida Kahlo vari dipinti. Successivamente, dopo il divorzio, entrambi tornarono in città nel 1940, Rivera completò un altro murale e Kahlo altri dipinti. La cosa curiosa è che entrambi gli artisti decisero di risposarsi e il rito civile avvenne l'8 novembre 1940 al San Francisco City Hall, l'edificio che si trova dall'altra parte della strada, e a pochi metri dal War Memorial Opera House, dove quasi ottantatré anni dopo sono stati i protagonisti di un'opera creata in loro memoria, in quella che è stata sicuramente la stagione più importante del secondo teatro per importanza e livello degli Stati Uniti.

Crediti fotografici: Cory Weaver per la San Francisco Opera
Nella miniatura in alto: il mezzosoprano
Daniela Mack (Frida)
Al centro in sequenza: Yaritza Veliz (Catrina) con Alfredo Daza (Diego Rivera) e Daniela Mack; e ancora i tre protagonosti nella scena finale dell'opera
Sotto: panoramiche di Cory Weaver su costumi e allestimento






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Tosca nella Basilica
intervento di Athos Tromboni FREE

20240531_Cento_00_Tosca_RosannaLoGrecoCENTO (FE) - Poteva essere una rappresentazione suggestiva al pari di "Nelle ore e nei luoghi di Tosca" (la famosa diretta dell'opera di Giacomo Puccini realizzata a Roma nel 1992 da Patroni Griffi e Andermann) questa Tosca itinerante ideata dal management del Teatro Borgatti di Cento e sostenuta da sponsor locali che si sono dimostrati entusiasti dell'iniziativa. Dunque, i luoghi: il primo atto avrebbe dovuto svolgersi nella Basilica di San Biagio, la chiesa principale di Cento, ricca di opere d'arte, barocca ma con preziose reminiscenze rinascimentali; il secondo atto sarebbe stato all'aperto presso il Monumento ai Caduti realizzato nel 1931 dall'architetto Gian Francesco Costa e luogo quanto mai suggestivo per quella struttura a tre archi e quattro colonne doriche che richiamano la pulizia e l'aura neoclassica dell'estetica imperiale italiana; il terzo atto sarebbe stato collocato
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Eventi
Piacenza ecco il cartellone
redatto da Athos Tromboni FREE

20240619_Pc_00_TeatroMunicipale-Stagione2024-2025_LucaSalsiPIACENZA - La Stagione 2024/2025 del Teatro Municipale di Piacenza propone, da dicembre 2024 a giugno 2025, cinque titoli d’opera, sei concerti, cinque balletti, in attesa di presentare un significativo progetto verdiano programmato per l’autunno 2025. In memoria di Giuseppe Verdi sarà il Recital che vedrà protagonista il baritono Luca Salsi, il
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Il dittico delle Porte
servizio di Rossana Poletti FREE

20240616_Ts_00_LaPortaDivisoria-IlCastelloDiBarbablu_MarcoAngiusTRIESTE - Teatro Lirico “Giuseppe Verdi”. Si conclude con un dittico la stagione lirica del Teatro Verdi: in scena La Porta divisoria di Fiorenzo Carpi e Il Castello del Duca Barbablù di Béla Bartók. Di La Porta divisoria le notizie sono legate ai documenti conservati nell’Archivio del Piccolo Teatro di Milano, perché all’opera è legata la figura del triestino Giorgio
...prosegui la lettura

Classica
Simone Nicoletta clarinettista per Muti
servizio Attilia Tartagni FREE

20240611_Ra_00_OrchestraCherubini-RiccardoMuti_SimoneNicolettaRAVENNA - Come sempre prima dei concerti diretti dal M° Riccardo Muti l’atmosfera è di spasmodica attesa, mentre l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini è già tutta schierata sul palco a provare gli strumenti. L’incedere carismatico del direttore spezza quel tempo sospeso, scatenando l’applauso e l’abbraccio ideale del pubblico. Muti lo abbiamo
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Doppia inaugurazione in Arena
servizio di Angela Bosetto FREE

20240609_Vr_00_LaGrandeOperaItaliana_FrancescoIvanCiampaVERONA - Negli anni Novanta, il celebre spot di un altrettanto famoso gelato affermava che «Du gust is megl che one», quindi dato che l’estate è alle porte e ci sono ben due cose da festeggiare (il riconoscimento della pratica del canto lirico italiano come Patrimonio Culturale Immateriale dell’UNESCO e il centenario della scomparsa di Giacomo Puccini),
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Béatrice et Bénédict secondo Michieletto
servizio di Ramón Jacques FREE

20240606_Lione_00_BeatriceEtBenedict_GiuliaScopelliti_phBertrandStoflethLIONE (Francia) - Il compositore Héctor Berlioz (1803-1869) è nato nella città di La Côte-Saint-André nella regione dell'Auvenia-Rodano, a circa 75 chilometri dalla città di Lione, quindi è praticamente da considerarsi un compositore di casa. Si tratta tuttavia di una coincidenza, poiché non esiste uno stretto rapporto tra le opere del compositore e
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Cartoline dal Sud degli Ánema
servizio di Edoardo Farina FREE

20240601_Fe_00_Anema_MarcelloCorvino_phAntoninoEspositoFERRARA - La ricchissima programmazione invernale di Ferrara Musica nell’ambito dei concerti cameristici della domenica mattina attraverso l’organizzazione artistica di Dario Favretti presso la sala del Ridotto del Teatro Comunale “Claudio Abbado” ha visto nello svolgimento della sola prima parte, dal 15 ottobre al 17 dicembre 2023 ben dodici
...prosegui la lettura

Eventi
Ferrara Musica il nuovo cartellone
servizio di Athos Tromboni FREE

20240531_00_Fe_StagioneFerraraMusica_MishaMaiskyFERRARA - Il direttore artistico Enzo Restagno, il direttore organizzativo Dario Favretti, con il concerto conclusivo del giovanissimo pianista Marco Merola (Fryderyk Chopin, Ballata n.2 in Fa maggiore op.28), hanno presentato alla stampa e al numeroso pubblico invitato, la stagione 2024-2025 di Ferrara Musica che terrà i propri concerti nel Teatro
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Tutte le Direzioni in Summertime
redatto da Athos Tromboni FREE

20240531_Comacchio_00_TutteLeDirezioniInSummertime_ElladeBandiniCOMACCHIO (FE) -   Prende il via nella cittadina lagunare la stagione estiva del Gruppo dei 10: nove concerti, tre suggestive location, alcune novità e grandi ritorni, dal sax di Lou Marini alla poesia di Corrado Govoni, passando per Mimmo Locasciulli, Frank Sinatra, Sugarpie and the Candymen e tanti altri. A partire da venerdì 7 giugno 2024.
...prosegui la lettura

Prosa
Prosa ecco la Stagione
redatto da Athos Tromboni FREE

20240527_Fe_00_ProsaTeatroAbbado_SoniaBergamascoFERRARA - Partecipata conferenza stampa oggi per la presentazione della Stagione di Prosa 2024/2025 del Teatro Comunale "Claudio Abbado": erano presenti e sono intervenuti l’assessore alla Cultura del Comune di Ferrara, Marco GulinelliMichele Placido, presidente della Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, Moni Ovadia
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
L'Isola disabitata del Conservatorio Frescobaldi
servizio di Edoardo Farina FREE

20240524_Fe_00_LIsolaDisabitata_FranzJosephHaydnFERRARA - Dopo Ecce cor meum, spettacolare omaggio in versione orchestrale all’immortale musica dei Beatles, prosegue la ricca programmazione del Teatro Comunale “Claudio Abbado” di Ferrara nell’ambito della Stagione Opera/Balletto 2023-24 con in scena il penultimo appuntamento dei dodici previsti, L’isola disabitata di Franz Joseph Haydn
...prosegui la lettura

Vocale
La Divina Giustizia canta il monito
sevizio di Athos Tromboni FREE

20240515_Ra_00_RavennaFestival_IlTrionfoDellaDivinaGiustizia_NicolaValentini_phZani-CasadioRAVENNA - Entrando nella Basilica di San Giovanni Evangelista si resta colpiti dalla sobrietà e insieme solennità delle architetture. La chiesa fu eretta dall’imperatrice Galla Placidia negli anni successivi al 424 dopo Cristo, per sciogliere un voto espresso durante una rovinosa burrasca in mare in cui era incappata al ritorno da Costantinopoli: se fosse
...prosegui la lettura

Operetta and Musical
The Sound of Music a Houston
servizio di Ramón Jacques FREE

20240512_Houston_00_TheSoundOfMusic_IsabelLeonardHOUSTON ,Texas (USA) - Wortham Theater Center. Tradizionalmente pochissimi teatri d'opera americani sono stati interessati a programmare Musical come parte integrante delle loro stagioni. C'è una linea molto labile che divide questo genere, il Musical, e l'opera lirica, che nella sostanza sono simili in quanto entrambi richiedono cantanti
...prosegui la lettura

Classica
Mozart, Schubert e Muti un trionfo
servizio di Athos Tromboni FREE

20240512_Ra_00_RavennaFestival_RiccardoMuti_phZaniCasadioRAVENNA - E così l'11 maggio dentro un Palazzo De Andrè stipato di pubblico all'inverosimile (3500 posti a sedere la capienza dichiarata) è iniziata la trentacinquesima edizione del Ravenna Festival, quest'anno sulle corde d'una frase biblica, E fu sera e fu mattina..., sottotitolo della manifestazione mutuato dal più celebre "leitmotiv" della
...prosegui la lettura

Vocale
Die Walküre secondo Luisi
servizio di Ramón Jacques FREE

20240510_Dallas_00_DieWalkure_FabioLuisiDALLAS (Texas, USA) - Il 5 maggio 2024 Con Die Walküre WWV 86B è proseguito il ciclo dell' Anello del Nibelungo di Richard Wagner, che la Dallas Symphony Orchestra quest’anno sta portando avanti, ciclo che si interromperà e riprenderà nel mese di ottobre di questo stesso anno. Wagner ha composto la musica per Die Walküre tra il 1854 e il 1856, secondo
...prosegui la lettura

Personaggi
A Felicia Bongiovanni il Premio Callas
servizio di Silvia Iacono FREE

20240510_Pa_00_FeliciaBongiovanniPALERMO - L’attività artistica del soprano Felicia Bongiovanni prosegue dopo aver ricevuto il Callas Tribute Prize. Il 5 maggio 2024, presso la Pontificia Facoltà Teologica di Sicilia, in occasione del primo concerto per il Gubileo rosaliano a Palermo, che celebra i quattrocento anni dal ritrovamento delle reliquie di Santa Rosalia, patrona amata
...prosegui la lettura

Vocale
Das Rehingold ha aperto il Ring
servizio di Ramón Jacques FREE

20240509_Dallas_00_DasRheingold_AlbertoTriolaDALLAS (Texas, USA) - Fondata nel 1900, e con tante storie da raccontare, poiché da qui sono passati i migliori direttori d'orchestra, strumentisti e solisti, la Dallas Symphony Orchestra occupa senza dubbio un posto di rilievo tra le più prestigiose ed importanti orchestre americane. Ora ha intrapreso un programma ambizioso, impegnativo, ma di grande
...prosegui la lettura

Approfondimenti
Sul set di Fanciulla...
servizio di Simone Tomei FREE

20240430_To_00_LaFanciullaDelWest_phDanieleRattiTORINO - Scrivo, con imperdonabile ritardo, della mia presenza al Teatro Regio di Torino per l’opera “americana” di Giacomo Puccini e ne chiedo scusa a coloro che mi hanno ospitato ed ai lettori della rivista.
Quando si entra nel magico mondo di La fanciulla del west non si può non essere rapiti dalla meravigliosa
...prosegui la lettura

Vocale
Insolito dittico per i texani
servizio di Ramón Jacques FREE

20240430_FortWorth_00_DieWalkure_RobertSpano_phKarenAlmondFORT-WORTH (Texas, USA) - Wagner & Sibelius a Fort Worth. La Fort-Worth Symphony, con stanza nella località di Fort Worth vicina alla città di Dallas(50 km), in Texas, ha offerto nell'ambito della sua attuale stagione un concerto seducente e di grande suggestione, che ha unito il romanticismo musicale di Jean Sibelius con quello di Richard
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Pregi e difetti di una Turandot
servizio di Simone Tomei FREE

20240428_Li_00_Turandot_AnastasiaBoldyreva_phTrifilettiTeamBrizziLIVORNO - Torna dopo quindici anni di assenza al Teatro Goldoni di Livorno Turandot di Giacomo Puccini, l’ultimo capolavoro del compositore lucchese, in occasione del centenario della sua scomparsa (Bruxelles, 29 novembre 1924). Lo spettacolo, già visto e recensito dal direttore della rivista nelle edizioni 2021/2022/2023 del Festival Pucciniano a firma
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
La Traviata osé
servizio di Ramón Jacques FREE

20240428_LosAngeles_00_LaTraviata_RachelWillisSorensen_phCoryWeaverLOS ANGELES - Dorothy Chandler Pavilion (California USA). La terza opera della cosiddetta 'trilogia popolare' di Giuseppe Verdi (1813-1901) è La Traviata, la cui première avvenne il 6 marzo 1853 alla Fenice di Venezia, e che è senza dubbio considerata oggi il suo titolo più popolare, tra le altre cose, per la sua ricchezza melodica, inventiva e vocalità
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Ottima la Cenerentola
servizio di Rossana Poletti FREE

20240428_Ts_00_LaCenerentola_LauraVerrecchia_phFabioParenzanTRIESTE - Teatro Lirico “Giuseppe Verdi”. Come ben racconta Francesco Bernasconi la nascita della Cenerentola di Gioachino Rossini fu avventurosa: “Il soggetto previsto era ‘Ninetta alla corte’, tratto da una commedia francese leggera e satirica, considerato immorale e assolutamente inadatto a essere rappresentato nella
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Don Giovanni tradito dalla regia
servizio di Ramón Jacques FREE

20240425_Houston_00_DonGiovanni_LucaPisaroni_phLynnLaneHOUSTON (Texas, USA) - Wortham Theater Center. La stagione della Houston Grand Opera, iniziata pochi mesi fa, in un batter d'occhio volge al termine, e lo fa con il Don Giovanni di Mozart, titolo sempre interessante, impegnativo e accattivante. Forse quando l'opera venne rappresentata per la prima volta il 29 ottobre 1787 al Teatro Nazionale di Praga, nessuno
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Beatles Day nel Teatro Abbado
servizio di Athos Tromboni FREE

20240425_Fe_00_EcceCorMeum-PaulMcCartney_MarcelloCorvino_phMarcoCaselloNirmalFERRARA - È stato un successo di pubblico e artistico che era prevedibile: così si è svolta e conclusa la serata (una prima nazionale) dedicata all'oratorio di Paul McCartney, Ecce cor meum, e ad alcuni successi internazionali dei Beatles stavolta non più ad appannaggio delle chitarre elettriche e batteria, ma dentro la musica di un'orchestra e un
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Ovest
Morire di Bohčme č un gioco
servizio di Simone Tomei FREE

20240416_Ge_00_LaBoheme_AnastasiaBartoliGENOVA - Si rimane a bocca aperta entrando nella sala del Teatro Carlo Felice di Genova in attesa di assistere alla rappresentazione de La Bohème di Giacomo Puccini: il pannello che rimpiazza il sipario ci offre un’anticipazione visiva di quello che saranno i quattro quadri dell’opera. Lo stile è quello inconfondibile di Francesco Musante (autore
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Una Tempesta molto gradevole
servizio di Athos Tromboni FREE

20240412_Fe_00_TheTempestOLIsolaIncantata_DanieleSconosciutoFERRARA - Difficile assistere oggi a qualche masque messo in scena nei nostri teatri, nonostante la freschezza musicale e la bellezza di questi veri capisaldi della più radicata cultura musicale britannica; il masque era in auge prima dello "spodestamento" operato anche in Gran Bretagna dall'opera settecentesca italiana o in stile italiano. Ebbene
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Xtra per tre
redatto da Athos Tromboni FREE

20240411_Fe_00_FerraraMusicaXtra_NicolaBruzzoFERRARA - Si chiama "Xtra" - un nome avveniristico - ma sarà fatta di musica da grande repertorio cameristico. È la nuova rassegna di Ferrara Musica, ideata per dare una ribalta a formazioni e musicisti solisti di grande talento. Ad illustrare il programma sono intervenuti l'assessore alla Cultura del Comune di Ferrara, Marco Gulinelli, il curatore
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
J.J. Orliński come un istrione
servizio di Ramón Jacques FREE

20240410_SanDiego_00_JakubJozefOrlinskiSAN DIEGO (California USA) - Da quando Philippe Jaroussky si è fatto conoscere, circa 20 anni fa, con registrazioni come Un concert pour Mazarin (Virgin Classics, 2004) o Vivaldi, virtuoso cantatas (Erato, 2005), e con apparizioni su importanti palcoscenici concertistici e operistici, nessun altro controtenore è stato così apprezzato e conosciuto come Jakub Józef Orliński, il giovane cantante polacco, che nelle sue tournée ha tenuto numerosi concerti e recital sui palcoscenici di tutto il mondo.
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Quel Don Pasquale sempre fresco
servizio di Simone Tomei FREE

20240325_Fi_00_DonPasquale_MarcoFilippoRomano_phMichele MonastaFIRENZE - Quello che è stato ritorna dicevano sempre i nostri vecchi. Ed è proprio così: in un momento non facile per il Teatro del Maggio, l’idea di rispolverare una vecchia produzione di Don Pasquale di Gaetano Donizetti si è rivelata una scelta molto azzeccata che ha riportato indietro nel tempo i più veterani melomani. La riproposizione dello spettacolo
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Ovest
Beatrice di Tenda da visibilio
servizio di Simone Tomei FREE

2040325_Ge_00_BeatriceDiTenda_AngelaMeadeGENOVA – Procede con scelte azzeccate e particolarmente ricercate la stagione operistica del Teatro Carlo Felice di Genova con un altro capolavoro belliniano, Beatrice di Tenda. Sono già due stagioni che le opere del catanese compaiono nel cartellone del teatro genovese: nel 2021 Bianca e Fernando – secondo l’edizione riservata proprio al teatro ligure
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
How About Now non c'č danza
servizio di Edoardo Farina FREE

20240324_Cesena_00_HowAboutNow_HannesLangolfCESENA - Prosegue il programma invernale al Teatro “Alessandro Bonci” di Cesena attraverso il cartellone che ERT Fondazione propone nel suo storico e prestigioso spazio ove l’8 marzo 2024 in prima assoluta e successivamente il 10 al Teatro Arena del Sole di Bologna, nell’ambito della rassegna Carne a cura di Michela Lucenti, Emilia Romagna Teatro
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Nabucco fra Oren e Del Monaco
servizio di Rossana Poletti FREE

20240324_Ts_00_Nabucco_GiancarloDelMonacoTRIESTE - Teatro Lirico “Giuseppe Verdi”. L’avventura del Nabucco in scena in questi giorni al Teatro Verdi di Trieste comincia con una conferenza stampa, nella quale Daniel Oren, maestro concertatore e direttore, ha espresso che questo terzo titolo di Giuseppe Verdi, suo primo grande successo, è molto importante per il popolo ebraico, «... per
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310