Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Domenica 26 aprile 2020 alle ore 18 appuntamento on-line con la musica sacra

Anna Maria Chiuri canta per Piacenza

intervista di Simone Tomei

Pubblicato il 23 Aprile 2020

200423_Pc_00_Pc_AnnaMariaChiuri_ritrattoPIACENZA - Aprile 2020. Nel corso di un pomeriggio domenicale, mentre cerco di godere di qualche timido raggio di sole in questi giorni di “quarantena”, scambio alcuni messaggi con il mezzosoprano Anna Maria Chiuri. Visto che la conversazione si protrae e diventa ben più corposa di un semplice scambio di saluti e amenità, optiamo per una prosecuzione telefonica. Siamo due fiumi in piena – del tutto normale per dei ciacoloni come noi – e alla fine, di comune accordo, decidiamo di rendervi partecipi di questa conversazione, i cui contenuti spaziano dalla musica all’arte, dalle gioie alle sofferenze, dalle emozioni di vita vissuta in una modalità alla quale non eravamo abituati fino a un’iniziativa culturale di cui la stessa Anna Maria mi ha messo a conoscenza.

Come si è adattato il tuo vivere dopo oltre un mese di “reclusione”?
Un artista, solitamente, considera il Teatro la propria casa. Noi viviamo la maggior parte del nostro tempo “reclusi volontariamente” in sala prove oppure in palcoscenico, dove proviamo e costruiamo il nostro prossimo spettacolo. Non siamo soli, ma viviamo una situazione di promiscuità obbligata che ci piace. Adesso, invece, siamo soli davvero. Quando siamo soli vogliamo stare con gli altri e quando siamo con gli altri vogliamo stare soli... In fondo, gli esseri umani sono un po’ tutti così no? Oppure siamo tutti artisti.

200423_Pc_01_Pc_AnnaMariaChiuri_PiacenzaPatriziaBarbieri 200423_Pc_02_Pc_AnnaMariaChiuri_Piacenza
200423_Pc_03_Pc_AnnaMariaChiuri_PiacenzaPanorasmica

Tu abiti a Piacenza, zona una limitrofa al comune di Codogno, primo focolaio italiano: che conseguenze ha prodotto questa vicinanza?
Piacenza è un capoluogo di provincia, situato sul fiume Po all’estremità nord-occidentale dell’Emilia Romagna e collegata alla Lombardia da quatto ponti (due ferroviari e due stradali). Ho sempre amato la geografia: spiega molte cose senza essere polemica.
La nostra città soffre ancora molto a causa del virus. Codogno dista solo dodici chilometri e fra i due territori c’è da sempre continuo scambio: lavoratori  e studenti pendolari arrivavano ogni giorno da quella che poi è diventata la zona rossa. Quando l’ospedale di Codogno non ha potuto più supportare a pieno la situazione ricoveri, il nucleo di raccolta dei casi è passato a Piacenza. Tutto ciò è accaduto molto velocemente, purtroppo. Quindi, a tutti gli effetti, eravamo anche noi zona rossa. Ancora oggi abbiamo il più alto numero di decessi giornalieri.

L’Emilia Romagna e in particolare la tua provincia sono state colpite ferocemente da questa pandemia. Perché non si avverte un’eco mediatica così insistente, come succede invece per le zone lombarde?
Non credo sia facile gestire le notizie in questo periodo. In un primo momento c’è stata una corsa allo sdrammatizzare: la paura fa paura. Milano è il capoluogo lombardo ma anche la capitale economica italiana: vi confluiscono persone da tutto il mondo grazie sia a due grandi aeroporti internazionali, sia agli snodi ferroviari e autostradali. C’è tutto un hinterland attivo ed in continuo movimento e Piacenza gli gravita attorno. Forse troppe emergenze e priorità hanno messo in ombra situazioni che poi sono state dimenticate.

In che modo la città e le Istituzioni locali hanno affrontato la situazione?
Le istituzioni si sono mobilitate subito e hanno seguito le direttive del governo e della provincia. Il nostro sindaco Patrizia Barbieri è rimasta contagiata dal virus, ma, dopo qualche giorno di isolamento totale, ha ripreso a lavorare in quarantena e non si è mai fermata. Anche l’Ospedale Guglielmo da Saliceto non si è mai risparmiato ed è ancora in allarme attivo.

Tu sei piacentina d’adozione: che carattere ha il Piacentino doc?
Vivo a Piacenza da 1993. I piacentini sono persone discrete: vivono in una città sontuosa, bella ma non appariscente. Sono laboriosi e non sono esibizionisti. Per qualcuno Piacenza è una “città poco rumorosa e vivibile”, complici la piccola dimensione e la vicinanza alla campagna. Il fascino di Piacenza è legato alla “posizione di confine”: un po’ ligure, molto lombarda, ma anche emiliana. Io sono nata sul confine, in Alto Adige: forse “la gente di confine” si somiglia.

200423_Pc_04_Pc_AnnaMariaChiuri_BasilicaPanorasmica 200423_Pc_05_Pc_AnnaMariaChiuri_Perotti
200423_Pc_06_Pc_AnnaMariaChiuri_BasilicaCupola

Il tuo ricordo più drammatico di questi giorni?
Il suono continuo delle sirene, giorno e notte.

E quello più bello?
Non posso dire di avere un ricordo bello. Forse il silenzio quando gli intervalli fra una sirena e l’altra si sono allungati.

Domenica 26 aprile 2020 alle ore 18, nella Basilica Minore di Santa Maria di Campagna a Piacenza, terrai un “Concerto per Piacenza” assieme all’organista piacentino Federico Perotti. Che valenza avrà l’evento?
Sarà un concerto per la città: per i piacentini che sono reclusi in casa e per quelli che non si sono mai fermati un attimo. Per coloro che fanno i turni negli ospedali e per coloro che guidano le ambulanze. Per la Croce Rossa e per la Protezione Civile. Per chi ha viaggiato (Piacenza è uno snodo importante per il trasporto su strada) per rifornire i supermercati, per le forze dell'ordine, per i corrieri che non si sono bloccati neppure la domenica e per i volontari che hanno portato la spesa agli anziani. Per tutti coloro che hanno fede. Per coloro che credono nell’uomo e lo rispettano. Per quelli che, di mestiere, devono decidere per il bene di tutti.
Sarà un momento di breve pausa da tutto, per dare alle persone la possibilità di godere quanto di bello e rassicurante ci può essere nell’arte e nella musica: un tempo per trovare noi stessi e per perderci nello stesso momento.

Proprio in relazione a questo evento, ti domando: che ruolo ha un Artista lirico in questi momenti di isolamento e di chiusura totale di ogni attività culturale?
Un artista deve poter e saper gettare un seme nel cuore degli altri, non importa se attecchisce o meno. Il mio intento è solo “il dono”, affinché ciascuno possa coltivare un piccolo spazio di speranza.

Dove nasce l’idea di questo momento di musica?
Ho pensato che il primo luogo scenico del teatro musicale medievale è stato la Chiesa. Durante le funzioni religiose, si cominciarono a mettere in scena i passi del Vangelo commentati dal sacerdote.
Giuseppe Verdi disse: “Tornate all’antico, sarà un progresso.” Adesso più che mai abbiamo bisogno di andare avanti senza dimenticare chi siamo stati.

Con che spirito affronti questa iniziativa?
Sono felice di poter donare qualcosa che amo fare e che mi ha dato tanto. Il mio hashtag è:  #felicediesserealmondo: nulla di sdolcinato o melodrammatico per carità. Speriamo sia contagioso, nel senso più positivo del termine.

Come sarà organizzata la serata dal punto di vista tecnico?
Il concerto sarà in diretta streaming accompagnato da immagini sia della Basilica con i suoi capolavori, sia di Piacenza e dei suoi luoghi più belli... per noi piacentini e per chiunque vorrà seguirci.
Tutto questo con l’aiuto di Cravedi Produzione Immagini, società che si occupa di produzione di filmati e servizi fotografici nel campo del giornalismo e della comunicazione; questa società fu fondata nel 1990 da Prospero Cravedi (storico fotografo di Piacenza e mio caro amico) con i figli Gianni ed Ettore. La città vuota sarà un’attrice davvero unica ed eccezionale.

Che programma verrà eseguito?
Il programma è di musica sacra. Inizia con «Virgam virtutis tuae emittet Dominus ex Sion» (Lo scettro del tuo potere stende il Signore da Sion) dal Dixit Dominus di Georg Friedrich Händel. Poi passa a Johann Sebastian Bach con due brani tratti dal Magnificat: «Et exultavit spiritus meus in Deo salutari meo» (E il mio Spirito esulta in Dio mio salvatore) e «Quia respexit humilitatem ancillae suae» (Perché ha guardato all’umiltà della sua serva). Quindi Federico Perotti proporrà la Sonata K 262 di Domenico Scarlatti.
Seguiranno altri tre pezzi vocali: «Queste lagrime e sospiri» di Alessandro Stradella (dall’Oratorio di San Giovanni Battista), «Piango, gemo» di Antonio Vivaldi (Cantata RV 675) e «Laudate Dominum» di Wolfgang Amadeus Mozart (Vesperae Solennes de Confessore).
All’organo verrà successivamente eseguita la Sonata in Re maggiore di Padre Davide da Bergamo. Poi sarà  la volta di «Eja Mater» e di «Fac ut portem» (dallo Stabat Mater di Giovanni Battista Pergolesi) e dell’«Agnus Dei», dalla Petite Messe Solennelle di Gioachino Rossini.
A seguire, la Sonata all’organo per l’Offertorio di Vincenzo Antonio Petrali.
Il concerto finirà con le note di Giuseppe Verdi: l’Aria da Camera «Deh, pietoso, oh Addolorata» e «Liber scriptus» dal Requiem.

Anche lo strumento ha una sua importanza peculiare.
Per rispondere a questa domanda, ho chiesto lumi a Federico Perotti (colui che mi accompagnerà all’organo), che mi ha fatto dono di questo suo intervento:
«L’organo di Santa Maria di Campagna è uno degli strumenti Serassi più importanti oggi conservati; e lo è per la sua concezione e progettazione, fatta da padre Davide da Bergamo. Gli organi a canne da sempre riflettono la cultura e la società in cui si trovano. Così il Serassi di Santa Maria di Campagna, costruito nel 1825.
È un organo pieno di varietà timbrica e di colori sgargianti, che imitano le orchestre rossiniane e verdiane. L’opera non solo si trovava nei teatri, ma, attraverso gli organi, poteva essere suonata anche in Chiesa. In quegli anni la musica sacra assorbiva sempre di più il linguaggio della musica operistica. Padre Davide da Bergamo, compagno di studi di Donizetti, fu sicuramente il più famoso compositore di musica per questo tipo di strumenti e di repertorio. Si trattava di una vera star: durante alcune celebrazioni in cui il frate suonava l’organo, fuori dalla Basilica si trovavano i gendarmi, che bloccavano la folla accorsa per ascoltarlo.»

Un augurio per la tua città e per il mondo.
Piacenza è una bella signora di 2.238 anni, “Primogenita d’Italia” grazie al  plebiscito  del 1858,  tramite il quale chiese l’annessione al nascente Regno italico. Piacenza ha donne in posizioni di responsabilità, tra cui vorrei ricordare nuovamente il nostro sindaco Patrizia Barbieri.
I piacentini sono profondamente legati alla città e al territorio e, in questo momento storico, si sono rimboccati le maniche e hanno lavorato sodo senza ricevere alcun aiuto. Personalmente, non voglio augurare nulla di preciso… forse la cosa migliore del futuro è che arriva solo un giorno alla volta.

200423_Pc_07_Pc_AnnaMariaChiuri_facebook

Non resta dunque che attendere domenica 26 aprile 2020 alle ore 18.00 per assaporare attimi di armonie musicali e intime riflessioni assieme ad Anna Maria Chiuri e Federico Perotti, che sapranno regalarci un’oasi serena in cui cullare il nostro Spirito.
Tutti potremo assistere collegandoci alla seguente pagina facebook:
https://www.facebook.com/succedeapiacenza/
Buon ascolto e un grande in bocca al lupo ai due artisti.

Crediti fotografici: foto fornite dall'Artista
Nella miniatura in alto: il mezzosoprano Anna Maria Chiuri
Al centro in sequenza: panoramiche di Piacenza con il sindaco Patrizia Barbieri; e dell'interno della Basilica Minore di Santa Maria di Campagna. All'organo Federico Perotti
Sotto: la locandina dell'evento culturale






< Torna indietro

Personaggi Approfondimenti Eventi Echi dal Territorio Pagina Aperta


Parliamone
Ecco la Carmen venuta da Ravenna
intervento di Athos Tromboni FREE

200208_Fe_00_Carmen_MartinaBelli_phZaniCasadioFERRARA - Un successo annunciato, quello della Carmen di Georges Bizet proveniente dal Teatro Alighieri di Ravenna dove era andata in scena quale ultimo spettacolo della “Trilogia d’Autunno” nel novembre scorso. Si sapeva che il regista Luca Micheletti era un giovane baritono interprete anche del ruolo di Escamillo (peraltro non in scena a Ferrara nel Teatro Abbado dove ha lasciato il posto al collega Andrea Zaupa, limitandosi a fare la regia già proposta a Ravenna); si sapeva che il pubblico romagnolo aveva accolto quella regia con lunghi applausi e ovazioni, replicate qui dal pubblico ferrarese; si sapeva che nel ruolo eponimo aveva brillato una giovane promessa (promessa già mantenuta, diciamo oggi) che risponde al nome di Martina Belli.
Tutto questo si sapeva. E concordiamo con quanto scrisse
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Jazz Pop Rock Etno
Jekill & Hyde miti contemporanei
servizio di Athos Tromboni FREE

200711_Fe_00_Jekill&Hyde_AndreaMeli_phGiuliaMarangoniFERRARA – Quando Robert Luis Stevenson pubblicava, nel 1886, il suo romanzo Lo strano caso del dottor Jekill e Mr. Hyde non poteva certo immaginare che la trama e soprattutto la “morale” del suo racconto potesse annunciare e precorrere quelle cosiddette questioni etiche che sono più che mai attuali nel terzo millennio, con la permanente dicotomia fra
...prosegui la lettura

Eventi
Livorno lancia il Festival Mascagni
redatto da Athos Tromboni FREE

200710_Li_00_FestivalMascagni_LucaSalvettiLIVORNO - È stato presentato giovedì 9 luglio 2020, in diretta streaming dal Teatro Goldoni di Livorno, il Festival Internazionale Pietro Mascagni che si terrà dal 9 al 19 settembre alla Terrazza Mascagni sul lungomare della città, luogo suggestivo dedicato proprio al compositore labronico. Ma l'anteprima è prevista per domenica 2 agosto 2020,
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Mirael fa Sentire l'Amore
FREE

200709_Fe_00_SentireLAmore_Mirael(MariaPiaPisciotta)FERRARA - Pieno il successo di pubblico per il concerto della cantautrice Mirael, mercoledì 8 luglio 2020, alla Palazzina di Marfisa d'Este, nell'ambito della rassegna "Tempo d'Estate" promossa e patrocinata dal Teatro Comunale "Claudio Abbado" e dall'Amministrazione comunale di Ferrara (Assessorato alla cultura).
I posti a
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Si va in Tutte le direzioni d'estate
redatto da Athos Tromboni FREE

200707_Fe_00_TutteLeDirezioniInSummertime2020_ToninoGuerraVIGARANO MAINARDA (FE) - Tutte le direzioni in Summertime 2020, la rassegna jazz e non solo organizzata dal Gruppo dei 10 di Ferrara, prenderà il via venerdì 10 luglio, proseguendo per tutta l’estate fino all’11 settembre. Apertura ore 20 con aperitivo e a seguire cena (massimo 70 posti, prenotazione consigliata). La location scelta è ancora una
...prosegui la lettura

Classica
Muti e le Dogan che messaggio!
servizio di Attilia Tartagni FREE

200705_Ra_00_LeVieDellAmicizia_RiccardoMuti_phSilviaLelliRAVENNA - Minacciato da una pioggia leggera fattasi rapidamente più insistente, il 3 luglio 2020 si è consumato alla Rocca Brancaleone l’evento cardine del Ravenna Festival, dopo una sosta proclamata dal  M° Riccardo Muti. Il concerto  “sulle vie dell’Amicizia”, l’appuntamento più atteso,  è stato dedicato quest’anno alla Siria, paese in sofferenza
...prosegui la lettura

Personaggi
La Ribezzi senza segreti
intervista a cura di Ramón Jacques / Jordi Pujal FREE

200704_Personaggi_00_IlariaRibezziBRINDISI - Con una carriera in pieno sviluppo il talentuoso mezzosoprano pugliese, nativa di Mesagne, Ilaria Ribezzi ci racconta i suoi inizi nel canto, i pilastri del suo repertorio, la sua personale passione che la lega alla musica e le prospettive future. In questo contesto abbiamo avuto il piacere di intervistarla.
...prosegui la lettura

Classica
Fischer e la Prohaska che meraviglia
servizio di Attilia Tratagni FREE

200704_Ra_00_BudapestFestivalOrchestra_IvanFischer_phMarcoBorggreveRAVENNA - Quanto è bello assistere di nuovo a un concerto live, con i musicisti della Budapest Festival Orchestra schierati sul palco e il loro direttore d’orchestra Ivàn Fischer di cui si può seguire ogni gesto, e ciò anche se la Rocca Brancaleone è un’arena limitata rimpicciolita ulteriormente dai distanziamenti previsti dalle norme anticovid!
...prosegui la lettura

Vocale
La Resurrezione come spettacolo e simbolo
servizio di Athos Tromboni FREE

200702_Fe_00_LaResurrezione_AlessandroQuarta_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Dopo Leonardo da Vinci, ecco Händel. Ci riferiamo al Teatro Comunale "Claudio Abbado" che aveva inaugurato la fase post-confinamento con una serata dedicata al genio toscano, il 15 giugno scorso, animata da Vittorio Sgarbi, con musiche dal vivo di e con Valentino Corvino. E poi il 1° luglio sulle tavole del massimo teatro
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Schicchi č morto di Covid-19
servizio di Nicola Barsanti FREE

200701_TorreDelLago_00_GianniSchicchi_JhonAxelrod _phLorenzoMontanelliVIAREGGIO – Nella cornice della Cittadella del carnevale di Viareggio, il 66° Festival Puccini di Torre Del Lago è iniziato ufficialmente con Gianni Schicchi, l’ultima parte del Trittico pucciniano.  Significativo il fatto che l’opera in questione sia stata composta durante la terribile influenza spagnola che fece milioni di vittime (fra cui la sorella del
...prosegui la lettura

Classica
Musica antica con Dantone e Rossi Lürig
servizio di Attilia Tartagni FREE

200701_Ra_00_MusicaAntica_OttavioDantone_phGiuliaPapettiRAVENNA - Difficile ipotizzare un’interpretazione migliore di quella dell’Accademia Bizantina il 24 giugno 2020 alla Rocca Brancaleone dI Il trionfo del tempo e del disinganno, l’oratorio che Georg Friedrich Händel  compose nel 1707 a ventidue anni e sul quale lavorò mezzo secolo approntandone diverse versioni tra il 1737 e il 1757; nel
...prosegui la lettura

Eventi
Tempo d'Estate a Ferrara
servizio di Athos Tromboni FREE

200629_Fe_00_TempoDEstate2020_MarcoGulinelliFERRARA - È stato presentata oggi alla stampa la rassega «Tempo d'estate a Ferrara», ricchissimo cartellone di iniziative predisposto tra giugno e settembre dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Ferrara e dalla Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, una manifestazione polivalente (nel senso che propone tutti i generi di spettacoli musicali,
...prosegui la lettura

Concorsi e Premi
Premio Storchio a Angelo Manzotti
FREE

200624_Mn_00_PremioStorchioAManzottiMANTOVA - Vivissimo successo domenica 21 giugno 2020 alla Rocca Palatina di Gazoldo degli Ippoliti del concerto "Omaggio alla carriera del sopranista Angelo Manzotti", nel quadro delle attività culturali della Associazione Postumia. Elegantemente accompagnato al pianoforte da Laura Gatti, il cantante mantovano ha interpretato magistralmente
...prosegui la lettura

Libri in Redazione
Giulio Neri il dimenticato indimenticabile
recensione di Paolo Padoan FREE

200618_Libri_00_GiulioNeriIlBassoDellOperaGiovanni Marchisio
GIULIO NERI il Basso dell'Opera
Editrice Rugginenti Milano 2020, pp. 300 Euro 21,90
Gli amanti del melodramma, ma ancor più i critici, gli storici, i cultori dovrebbero sentire il dovere morale di ricordare coloro, fra cantanti o direttori d’orchestra,
...prosegui la lettura

Eventi
Ravenna Festival alla Rocca Brancaleone
redatto da Attilia Tartagni FREE

200618_Ra_00_RavennaFestival_RiccardoMutiRAVENNA - Dopo lo stop impresso dal COVID-19 all’economia e alla vita sociale, spettacoli compresi, il Ravenna Festival è fra i primi a ripartire con un viaggio interdisciplinare di oltre 40 eventi dal 21 giugno al 30 luglio 2020. Certamente i protocolli di sicurezza hanno inciso sulla programmazione, riducendo il programma originale ma
...prosegui la lettura

Eventi
Ferrara riparte dal Rinascimento
servizio di Athos Tromboni FREE

200615_Fe_00_TeatroComunaleFerrara_RescaMarioFERRARA - Il Teatro Comunale "Claudio Abbado" è fra i primi (se non il primo in assoluto) a riaprire al pubblico con uno spettacolo dal vivo, proprio il primo giorno utile della fase 2 post-Coronavirus: il tardo pomeriggio di oggi 15 giugno 2020, infatti, vede alle ore 18 l'inaugurazione della mostra di locandine e manifesti storici «La pelle del teatro
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
In chordis et plectro
recensione di Edoardo Farina FREE

200601_Dischi_00_GiulioTampalini_CopertinaCDL’ultimo lavoro discografico dell’Orchestra a plettro “Gino Neri” di Ferrara, In chordis et plectro - Viaggio nella musica per chitarra e orchestra a plettro - distribuito dall’etichetta “Movimento Classical”, intende offrire un’esperienza di ascolto originale relativa a un ampio ventaglio di composizioni appartenenti a stili e periodi diversi, accomunati dal fatto di
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Il doublebass di Valentina
recensione di Simone Tomei FREE

200607_00_Dischi_ValentinaCiardelliCopertina1CD audio “Music from the Sphinx”
Valentina Ciardelli contrabbasso, Alessandro Viale pianoforte
musiche di Ciardelli, Granados, Puccini, Schubert, Serra, R.Strauss, Tabakov, Viale, Zappa
Da Vinci Classics

Concettualmente la Sfinge
...prosegui la lettura

Eventi
Anna Maria Chiuri canta per Piacenza
intervista di Simone Tomei FREE

200423_Pc_00_Pc_AnnaMariaChiuri_ritrattoPIACENZA - Aprile 2020. Nel corso di un pomeriggio domenicale, mentre cerco di godere di qualche timido raggio di sole in questi giorni di “quarantena”, scambio alcuni messaggi con il mezzosoprano Anna Maria Chiuri. Visto che la conversazione si protrae e diventa ben più corposa di un semplice scambio di saluti e amenità,
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
La Benedizione di San Francesco
servizio di Athos Tromboni FREE

200411_00_PreghieraASanFrancesco_FeliciaBongiovanniBOLOGNA - In tempo di Covid-19 gli artisti sono fermi a casa. Come tanti di noi. Questo limita ma non impedisce la loro creatività, né il loro contributo, con i mezzi possibili, alla socializzazione della loro arte. È il caso del soprano Felicia Bongiovanni; durante una conversazione telefonica la Bongiovanni ci ha spiegato quello che ha fatto nel periodo pasquale di
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310