Pubblicato il 14 Luglio 2022
Il programma dal 18 novembre 2022 al 4 novembre 2023 della Fondazione Teatro La Fenice
Lirica danza concerti Venezia riparte redatto da Giuliano Danieli

20220714_Ve_00_StagioneLiricaESinfonica2022-2023_FortunatoOrtombinaVENEZIA - La Stagione Lirica e Balletto e la Stagione Sinfonica 2022-2023 del Teatro La Fenice sono state presentate mercoledì 13 luglio 2022 dal sovrintendente e direttore artistico Fortunato Ortombina e dal direttore generale Andrea Erri. Così il sovrintendente Ortombina: «Quattordici titoli d’opera, due di balletto e diciotto appuntamenti sinfonici per gli abbonamenti; oltre a tanta attività nel settore Educational per bambini ragazzi e famiglie, musica sul territorio e, in collaborazione con la Diocesi di Venezia, la novità di una rassegna di musica sacra nella nostra vicinissima chiesa di San Fantin. Con attenzione ai giovani aumentiamo gli appuntamenti dedicati agli under 35, sia nella Sinfonica sia nella Lirica. Una stagione per far sentire La Fenice vicino alla gente di oggi e sempre più aperta a tutti. Questo il segnale che abbiamo sentito di dover dare a nove mesi da quando siamo tornati al 100% della capienza in sala. Nel 2023 inoltre sono programmati due tour, uno italiano e uno internazionale. Myung-Whun Chung inaugura entrambi i cartelloni di Lirica e Sinfonica.»

La stagione lirica
Venezia apre il nuovo cartellone del Teatro La Fenice con il Falstaff di Giuseppe Verdi (18, 20, 22, 24 e 26 novembre 2022); è un nuovo allestimento, diretto dall’autorevole bacchetta di Myung-Whun Chung; la regia porterà la firma di Adrian Noble, britannico, acclamato interprete dell’opera shakespeariana; nel suo team lo scenografo Dick Bird, la costumista Clancy e il light designer Jean Kalman. I cantanti protagonisti saranno Nicola Alaimo, Renée Barbera, Selene Zanetti, Vladimir Stoyanov, con Sara Mingardo e Veronica Simeoni.
Dal repertorio buffo sette-ottocentesco verranno proposti due titoli: un nuovo allestimento del Matrimonio segreto di Domenico Cimarosa (il 10, 12, 14, 16, 18 febbraio 2023); e la ripresa di Il barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini. Il matrimonio segreto di Cimarosa è uno dei pochissimi titoli rimasti stabili in repertorio dai tempi dell’esordio a oggi: andrà in scena in un nuovo allestimento diretto da Alvise Casellati, con la regia di Luca De Fusco, scene e costumi di scene e costumi Marta Crisolini Malatestalight design di Gigi Saccomandi. Tra gli interpreti Juan Francisco Gatell, Lucrezia Drei, Martina Belli e Omar Montanari; in occasione della replica che cade nel giorno di San Valentino, al termine dello spettacolo è previsto un cocktail con dj set alle Sale Apollinee.
Il barbiere di Siviglia di Rossini (11, 15, 17, 19 e 21 febbraio 2023) sarà riproposto nello spettacolo con la regia di Bepi Morassi e scene e costumi di Lauro Crisman, con Renato Palumbo alla direzione musicale e alla guida di un cast composto per i ruoli principali da Chiara Amarù, Antonino Siragusa, Alessandro Luongo e Marco Filippo Romano. A questo titolo è legato anche il carnevale di Venezia e per festeggiare la festa veneziana per eccellenza, al termine della recita di domenica 19 febbraio è previsto un altro cocktail con dj set alle Sale Apollinee.
Da lungo tempo assenti dal palcoscenico veneziano, torneranno due capolavori di Giuseppe Verdi: Ernani, (16, 19, 22, 25, 28 marzo 2023) verrà ora proposta in un nuovo allestimento realizzato dalla Fenice in coproduzione con il Palau de les Arts Reina Sofía di Valencia, con la regia Andrea Bernard, le scene di Alberto Beltrame, i costumi di Elena Beccaro e le luci di Marco Alba, e con la direzione musicale di Riccardo Frizza. Nel cast Anastasia Bartoli, Piero Pretti, Michele Pertusi ed Ernesto Petti.
I due Foscari, che chiuderà la Stagione lirica (6, 8, 10, 12 e 14 ottobre 2023), è un altro titolo da tempo atteso sul palcoscenico veneziano, se si considera che l’ultima messinscena risale al 1977. Verrà proposta in un allestimento della Fondazione Teatro del Maggio Musicale Fiorentino con la regia di Grisha Asagaroff, e con Sebastiano Rolli alla direzione musicale. Il cast vede principali protagonisti Luca Salsi, Francesco Meli e Anastasia Bartoli.
Orfeo ed Euridice (28, 30 aprile, 2, 4 e 6 maggio 2023), titolo cruciale nella storia dell’opera con la quale Christoph Willibald Gluck, insieme al librettista Ranieri de’ Calzabigi, diede avvio alla stagione della riforma dell’opera seria, sarà presentata in un nuovo allestimento affidato a due grandi maestri del teatro musicale italiano: Pier Luigi Pizzi per regia, scene e costumi e Ottavio Dantone per la direzione musicale, interpreti saranno Cecilia Molinari, Mary Bevan e Silvia Frigato. Ritorna al Teatro La Fenice, dopo ventott’anni dall’ultima rappresentazione veneziana.
In ambito barocco spicca la prima rappresentazione veneziana di Il trionfo del tempo e del disinganno di Georg Friedrich Händel (cinque le recite in programma al Teatro Malibran: il 25, 28, 30 maggio, 1 e 3 giugno 2023); mai rappresentato prima a Venezia, questo capolavoro barocco approda finalmente anche nella città lagunare. L’opera andrà in scena in un nuovo allestimento affidato per la parte musicale a uno specialista del repertorio qual è Andrea Marcon; tra gli interpreti Giuseppina Bridelli, Krystian Adam e Valeria Girardello, con regia scene, costumi e coreografie del grande coreografo giapponese Saburo Teshigawara.
Altro grande ritorno è poi quello di Richard Wagner: del compositore tedesco verrà proposto Der fliegende Holländer (L’olandese volante, 22, 25, 28 giugno, 1 e 4 luglio 2023); questa è unanimemente considerata la prima opera matura del musicista di Lipsia, la sua prima drastica presa di distanza dall’opera convenzionale. Verrà proposta in un nuovo allestimento sotto la direzione musicale di Markus Stenz e con la regia di Marcin Lakomicki; interpreti Franz-Josef Selig, Anja Kampe, Toby Spence e Samuel Youn: anche quest’opera non si rappresentava a Venezia da oltre venticinque anni.
Con un nuovo allestimento di Cavalleria rusticana di Pietro Mascagni (25, 27, 29, 31 agosto e 3 settembre 2023), capolavoro dell’opera verista, torna in scena sul palcoscenico veneziano per rinnovare la collaborazione della Fenice con l’Accademia di Belle Arti di Venezia. Melodramma in un atto su libretto di Giovanni Targioni-Tozzetti e Guido Menasci.

20220714_Ve_01_StagioneLiricaESinfonica2022-2023_MyungWhunChung_facebook

Cavalleria rusticana sarà proposta in un inedito allestimento con la regia di Italo Nunziata e con la direzione musicale di Donato Renzetti, alla guida di un cast con Silvia Beltrami, Jean-François Borras e Dalibor Janis.
A cinque anni dal clamoroso successo in sala, sarà riproposto anche Orlando furioso di Antonio Vivaldi (sarà in scena al Teatro Malibran nei giorni 23, 26, 28 settembre, 1 ottobre 2023) nell’allestimento firmato dal regista Fabio Ceresa, con Diego Fasolis alla direzione musicale, interpreti principali Sonia Prina, Lucia Cirillo e Luca Tittoto. Si tratta dello spettacolo che andò in scena per la prima volta nel 2018, e che poi, in piena pandemia, nel 2020, fu pubblicato sul canale YouTube del Teatro La Fenice riscuotendo un grandioso successo web, arrivando a contare oltre 620 mila visualizzazioni.
Infine, dal grande repertorio degli allestimenti fenicei, La traviata di Giuseppe Verdi (10, 12, 14, 17, 20, 22 e 24 settembre, 7, 11, 13 ottobre 2023) nella nostra ormai storica regia di Robert Carsen che inaugurò la Fenice restaurata, con la direzione di Stefano Ranzani e tra gli interpreti, Rosa Feola e Claudia Pavone in alternanza nel ruolo di Violetta, Piero Pretti e Antonio Poli in quello di Alfredo, Gabriele Viviani e Luca Grassi per il ruolo di Germont.
Attorno agli incontri con l’opera organizzati dagli Amici della Fenice in sala Apollinea Grande, aumenteranno incontri di approfondimento, che si terranno al di fuori del teatro con l’obiettivo di proseguire nel costante dialogo con la città e svolgere appieno la nostra missione di diffusione culturale all’interno del territorio.

La Stagione Sinfonica
Il cartellone prenderà avvio il 3 dicembre 2022 e proseguirà fino al 4 novembre 2023, con direttori tra più attivi a livello mondiale, attesi ritorni e debutti, nella sala grande del Teatro La Fenice e al Teatro Malibran. L’apertura di Stagione sarà affidata a Myung-Whun Chung, che dirigerà la Quinta Sinfonia di Gustav Mahler, nel solco di una lunga linea progettuale ormai di molte stagioni, oltre ai Vesperae solennes de confessore per soli, coro e orchestra KV 339 di Wolfgang Amadeus Mozart che vedranno la partecipazione dei solisti Zuzana Marková, Marina Comparato, Antonio Poli e Alex Esposito. Il Maestro Chung tornerà a primavera per il concerto del Venerdì Santo, dirigendo lo Stabat Mater di Gioachino Rossini, con le voci soliste del soprano Carmela Remigio, del mezzosoprano Marina Comparato, del tenore Maxim Mironov e del basso Gianluca Buratto. Saliranno poi per la prima volta sul podio dell’Orchestra del Teatro La Fenice George Petrou; Jonathan Darlington che dirigerà il Concerto KV 466 di Mozart con il pianista solista Davide Ranaldi, vincitore del prestigioso Premio Venezia, e il Requiem di Fauré con il soprano Hilary Cronin e il baritono Armando Noguera; Louis Lortie, che recupera il concerto dello scorso anno cancellato per motivi di salute; e infine Min Chung, quest’ultimo alla testa della compagine ospite di questa stagione, vale a dire l’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento. Ci saranno Asher Fisch, Charles Dutoit, Ton Koopman, Federico Guglielmo, con un programma barocco che prevede anche le Quattro Stagioni di Antonio Vivaldi; atteso il ritorno di Donato Renzetti, che dirigerà la Messa di Gloria di Puccini con voci soliste di Giorgio Berrugi, e Simone Del Savio; Hartmut Haenchen con un programma ‘tedesco’ dedicato a Schumann e Wagner; Robert Trevino che dirigerà la Pastorale di Beethoven e Also sprach Zarathustra di Richard Strauss; e poi ancora Alpesh Chauhan, Markus Stenz e Dennis Russell Davies. I programmi spazieranno dal barocco fino a Bruno Maderna. 
In occasione del suo concerto, al Maestro Dutoit sarà conferito il Premio una Vita per la Musica.
Torneranno anche in questa nuova Stagione, il Concerto di Natale nella Basilica di San Marco e nel Duomo di Mestre, con Marco Gemmani e la Cappella Marciana; il Concerto di Capodanno con la direzione musicale di Daniel Harding, solisti Federica Lombardi e Freddy De Tommaso, che sarà trasmesso in diretta televisiva su Rai1; e il concerto sinfonico in Piazza San Marco, in piena estate, con Juraj Valčuha che dirigerà la Nona Sinfonia di Beethoven.
Dopo l’estate annunceremo nel dettaglio una nuova iniziativa in collaborazione con la Diocesi di Venezia, una rassegna di musica sacra, che si svolgerà nella Chiesa di San Fantin da aprile a giugno 2023: sarà una breve serie di concerti partendo da Antonio Vivaldi, all’interno dell’edificio di culto recentemente restaurato, sviluppando il progetto già da anni in corso sul Prete Rosso.
In questi ultimi anni abbiamo sentito dal nostro pubblico nazionale e internazionale che la cultura non si può definire tale senza considerarne la funzione dell’impatto sociale. Questo significa pensare la programmazione aperta a tutti, nei nostri spazi di Fenice e Malibran, ma anche uscire da questi spazi e andare incontro alla gente. Continua quindi l’impegno della Fenice, con iniziative specifiche promosse nell’ambito della programmazione Educational destinate a bambini, ragazzi, famiglie e under35, molto spesso realizzate e rese possibili grazie alla preziosa collaborazione delle associazioni di settore, fortemente sostenute e ammirate dal Teatro veneziano.
A maggio 2023 il Coro del Teatro La Fenice si esibirà al Teatro alla Scala di Milano, sotto la direzione musicale di Riccardo Chailly, nell’esecuzione dell’Ottava Sinfonia di Gustav Mahler.

La danza
Con il nuovo anno tornerà l’appuntamento con la grande danza: la Fenice ospiterà infatti La Dame aux Camélias (La signora delle camelie), capolavoro della coreografia contemporanea a opera di John Neumeier. Ispirato al celeberrimo romanzo di Alexandre Dumas figlio, la cui vicenda è stata fonte letteraria della Traviata di Giuseppe Verdi, il balletto sviluppa in tre atti sulle musiche di Fryderyk Chopin, e testimonia la sensibilità poetica di Neumeier, coreografo di riferimento e straordinario innovatore del genere del balletto drammatico. Lo spettacolo, creato nel 1978 da John Neumeier per il Balletto di Stoccarda, sarà interpretato a Venezia dall’Hamburg Ballet, la compagnia diretta da Neumeier che festeggia quest’anno i cinquant’anni dalla sua fondazione, e con la musica dal vivo eseguita dall’Orchestra del Teatro La Fenice sotto la direzione musicale di Markus Lehtinen. Sarà in scena al Teatro La Fenice il 18, 19, 20, 21 e 22 gennaio 2023.
Compie cinquant’anni Satyricon di Bruno Maderna: l’opera in un atto, tratta dal romanzo latino omonimo di Petronio, sarà proposta dalla Fenice per ricordare il grande compositore veneziano, del quale ricorrono anche i cinquant’anni dalla morte. Opera buffa, venata di una forte componente sarcastica, Satyricon ruota attorno all’episodio cardine del libro di Petronio, la cena di Trimalcione, personaggio dalla ostentata volgarità che simboleggia la profonda crisi di valori del mondo contemporaneo. Rappresentata per la prima volta al Festival d’Olanda di Scheveningen, il 16 marzo 1973, l’opera sarà proposta per la prima volta al Teatro La Fenice, dopo l’unica rappresentazione veneziana che si svolse nel 1998 al Teatro Goldoni. La direzione musicale sarà affidata ad Alessandro Cappelletto mentre la regia sarà di Francesco Bortolozzo, che si avvarrà delle scene di scene Andrea Fiduccia, dei costumi di Marta del Fabbro e del light design di Fabio Barettin. Nel cast Marcello Nardis, Manuela Custer e Christopher Lemmings. Satyricon sarà in scena al Teatro Malibran il 25, 26, 27, 28 e 29 gennaio 2023.
Ancora nell’ambito del cartellone di balletto, si annuncia il ritorno a Venezia di una delle compagnie più apprezzate della scena internazionale: dopo il Romeo e Giulietta presentato nel 2019, Les Ballets de Monte-Carlo calcheranno di nuovo il palcoscenico della Fenice con Lac, una rilettura del Lago dei cigni di Chajkovskij del coreografo Jean-Christophe Maillot. Basata su una drammaturgia ideata da Maillot insieme allo scrittore Jean Rouaud, su musiche originali del compositore russo con aggiunte di Bertrand Maillot che saranno eseguite dal vivo dall’Orchestra del Teatro La Fenice diretta da Nicolas Brochot, la coreografia fonde balletto classico e danza moderna dando vita a uno spettacolo drammatico e sensuale, attraversato dall’inizio alla fine da una intrigante tensione. Il balletto, che ha debuttato il 27 dicembre 2011 al Grimaldi Forum di Monaco, era stato programmato nella scorsa stagione e poi annullato per la pandemia. Sarà in scena al Teatro La Fenice il 17, 18, 19, 20 e 21 maggio 2023.

Educational
Nell’ambito della programmazione Education dedicata al pubblico delle scuole, dei giovani e delle famiglie, andranno in scena due titoli contemporanei di grande presa sugli spettatori di tutte le età, mai rappresentati a Venezia. Bach Haus, opera in un atto su libretto di Vincenzo De Vivo con musiche di Michele Dall’Ongaro, è una sorta di divertissement che rievoca la famiglia di Bach con i suoi tanti talenti musicali a cui un ‘impresario in angustie’ chiede la composizione di un’opera lirica, che però mai verrà composta. L’opera, che ha debuttato al Teatro Nazionale di Roma nel 2000, verrà proposta in un allestimento inedito con la partecipazione dell’Orchestra del Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia. Tre le repliche al Teatro Malibran: il 16, 17 e 18 marzo 2022. 
Altra novità per Venezia sarà Acquaprofonda di Giovanni Sollima, opera ‘civica’ contemporanea per tutte le età, vincitrice del Filippo Siebaneck al Premio Abbiati 2022. Su libretto di Giancarlo De Cataldo, l’opera ritrae con grande originalità uno dei temi più rilevanti del nostro tempo, l’inquinamento delle acque, e sarà proposta nell’allestimento AsLiCo con la regia di Luis Ernesto Doñas, e con l’Orchestra 1813 del Teatro Sociale di Como diretta da Riccardo Bisatti. A pochi mesi dal debutto romano del dicembre 2021, Acquaprofonda sarà in scena al Teatro Malibran il 27, 28, 29 aprile 2023.
Per informazioni  www.teatrolafenice.it

Crediti fotografici: Uffico stampa Fondazione Teatro La Fenice di Venezia
Nella miniatura in alto: il sovrintendente
e direttore artistico Fortunato Ortombina
Sotto: il maestro Myung-Whun Chung che aprirà la nuova stagione lirica dirigendo il Falstaff di Verdi e la stagione sinfonica con musiche di Mahler e Mozart





Pubblicato il 04 Luglio 2022
Sabato 9 luglio partono le celebrazioni per il Bicentenario di un prestigioso soggetto culturale
La Filarmonica di Suvereto ha due secoli

20220704_Suvereto_00_LaFilarmonicaDiSuveretoHaDueSecoli_PeppeServilloSUVERETO (LI) - Si inaugurano sabato 9 luglio 2022 alle 21.30 nel giardino della Rocca Aldobrandesca le celebrazioni per il Bicentenario della Società Filarmonica di Suvereto, a cura dell’Ente Musicale e Culturale Filarmonica “G. Puccini”, che ne raccoglie la storia e l’identità. È, infatti, proprio dal 1823 che la Società Filarmonica lavora per e all’interno della comunità di Suvereto con lo scopo di divulgare la musica, l’educazione all’arte e la condivisione di esperienze per la migliore formazione degli individui. Per duecento anni non si è mai fermata; guerre, calamità, trasformazioni geografiche e ambientali non hanno interrotto il flusso di documentazione e crescita della comunità dove è nata. 
I festeggiamenti in programma, che si svolgeranno nell’arco di un triennio e coinvolgeranno studiosi, Istituzioni ed Enti a livello nazionale e internazionale, si apriranno con l’esibizione del Steel Wind Chamber Saxophone quartet dedicata alle musiche dei film di Walt Disney: “Cartoon Fantasy”.
Si continua con un ricchissimo programma, che vedrà la partecipazione di artisti di grande calibro, come Peppe Servillo che il 1° agosto sarà la voce narrante de “Il carnevale degli animali… e altre fantasie”. Il concerto sarà preceduto il 30 luglio e lo stesso 1° agosto, in due differenti percorsi, da un’esperienza di ascolto e meditazione con mindfulness e musica dal vivo nel bosco per… vivere l’esperienza con gli occhi al cielo e le orecchie al silenzio, alle parole e alle note musicali: ad accompagnare i visitatori ci saranno Elisabetta Stanghellini all’arpa, Benedetta Bernardini, sociologa, counselor ed esperta di mindfulness, e Ilaria Panicucci, guida ambientale ed escursionista. Seguirà aperitivo nel centro storico di Suvereto.
Sarà l’occasione per conoscere quella parte dell’ Alta Maremma, al centro del Parco di Montioni, dove c’è una Riserva naturalistica regionale che si estende per oltre 8 mila ettari tra le province di Livorno e Grosseto
Tra gli altri eventi in programma ricordiamo che direttamente dal set della serie “Boris” il 4 agosto arriverà a Suvereto, Paolo Calabresi che leggerà ampi stralci del romanzo “Lolita” di Vladimir Nabokov, nell’omonimo concert reading, accompagnato dalla colonna sonora originale di Violetta Zironi.
Le Società Filarmoniche nascono come aggregazione spontanea di musicisti, artisti, cultori dell’arte, ma soprattutto cittadini appassionati.

20220704_Suvereto_01_LaFilarmonicaDiSuvereto_RoccaAldobrandesca_facebook

Le celebrazioni dei duecento anni di attività della Società Filarmonica di Suvereto mirano a sottolineare l’importanza del ruolo delle Filarmoniche nella diffusione di un messaggio di cultura, socialità e libera espressione; una fucina di idee e di sviluppo del territorio, uno spaccato di vite nelle quali ogni persona può sentirsi parte di un processo di crescita inclusiva in ogni momento della vita e riconoscersi in essa.
Per ulteriori info: Leeloo srl - Informazione e comunicazione ufficiostampa.leeloo@gmail.com - tel. 331 6176325 - 388 1066358 - 320 7761506

Crediti fotografici: Ufficio stampa Suvereto Festival
Nella miniatura in alto: Peppe Servillo
Sotto: la suggestiva Rocca Aldobrandesca di Suvereto (Li)





Pubblicato il 01 Luglio 2022
Sull'Appennino bolognese nel suggestivo panorama di un'azienda agricola e nel relativo resort
Prosegue con successo il Varignana Festival

20220701_00_VarignanaMusicFestival_AlexanderRomanovskyVARIGNANA (BO) - Si sono conclusi tra gli applausi dei numerosi spettatori i primi due appuntamenti dell'VIII edizione del Varignana Music Festival, andati in scena presso la Terrazza Belvedere e l'Anfiteatro sul Lago di Palazzo di Varignana il 29 e 30 giugno 2022. Protagonisti del tradizionale Grand Opening l'Orchestra e il Coro del Varignana Music Festival, con il soprano Elena Borin ed il tenore Valerio Borgioni diretti dal Maestro Lorenzo Bizzarri, mentre un rosso tramonto tra le vigne è stato testimone del concerto della Filarmonica Arturo Toscanini, con la straordinaria violinista Francesca Dego, diretti dal Maestro Alessandro Cadario.
Attesissimi i prossimi tre appuntamenti in programma, con altri artisti di fama internazionale come il pianista Alexander Romanovsky, cui seguirà la sera dopo il trio formato dalla pianista Gloria Campaner, dal clarinettista Alessandro Carbonare e dal fisarmonicista Mario Stefano Pietrodarchi, per concludersi con la Camerata RCO - Royal Concertgebouw Orchestra di Amsterdam, che si avvicenderanno martedì 5, mercoledì 6 e giovedì 7 luglio 2022 in due esclusive location en plein air: la suggestiva Terrazza Bentivoglio antistante l’antico Palazzo e l’Anfiteatro sul Lago, luogo incantato immerso fra i vigneti, dove attendere il concerto assaporando un aperitivo gourmet e degustando gli olii extravergine e i vini dell’azienda agricola di Palazzo di Varignana.
20220701_01_VarignanaMusicFestival_LorenzoAdamo
In caso di maltempo, i concerti del 5 e 6 luglio saranno realizzati nel panoramico Spazio Belvedere di Palazzo di Varignana, mentre il concerto del 7 luglio verrà posticipato a venerdì 8 luglio, sempre all’Anfiteatro sul Lago.
In particolare, martedì 5 luglio, alle ore 21, nella splendida Terrazza Bentivoglio di Palazzo di Varignana, attesissima la presenza del pianista ucraino Alexander Romanovsky, testimonial sin dalla prima edizione del Festival, con un programma che alterna le celeberrime Variazioni su un tema di Paganini op. 35 di Johannes Brahms a sei Études-Tableaux op. 33 di uno dei suoi numi tutelari, Sergej Rachmaninov, di cui ricorrerà nel 2023 il 150° anniversario della nascita.
Da sempre il Varignana Music Festival ha a cuore anche la promozione dei giovani artisti, e lancerà quest’anno un’importante novità: Alexander Romanovsky è stato infatti invitato a presentare al pubblico uno dei suoi “eredi ideali”, il pianista classe 2000 Lorenzo Adamo, recentemente perfezionatosi sotto la sua guida al Royal College of Music di Londra, che aprirà il recital con la Quarta Ballata di Chopin e la Quarta Sonata di Skrjabin. Al Varignana Music Festival i grandi maestri e i nuovi talenti si danno la mano, con lo sguardo sempre aperto al futuro.
Le giornate del Festival sono anche l’occasione per un soggiorno dedicato al benessere, perché se la musica è un linguaggio universale, lo è anche il piacere di riscoprire il repertorio classico in uno dei più incantevoli Resort italiani. Molteplici sono poi le occasioni per vivere appieno l’atmosfera del Festival, che non è solo un evento culturale al centro del panorama musicale europeo, ma diventa anche l’occasione per scoprire nuovi sapori e prodotti d’eccellenza a chilometro zero, le nuove esperienze benessere della Varsana SPA, grazie alla possibilità di far precedere al concerto un trattamento o una partita nei campi da tennis e paddle, un tuffo nelle piscine di acqua dolce e salata o una passeggiata nel Giardino Ornamentale. 
Varignana Music Festival offre ai suoi ospiti un servizio transfer gratuito su prenotazione da Bologna a Palazzo di Varignana e ritorno per tutte le sere di concerto.
Varignana Music Festival fa parte di Bologna Estate 2022, il cartellone di attività promosso e coordinato dal Comune di Bologna e dalla Città metropolitana di Bologna – Territorio Turistico Bologna-Modena.

20220701_02_VarignanaMusicFestival_AlexanderRomanovsky_facebook

Biglietti disponibili presso Bologna Welcome (Piazza Maggiore, 1/E), online sul sito Vivaticket e nei punti vendita convenzionati. Per info e prenotazioni: vmf@palazzodivarignana.com - Tel. 051/273861. (a.t.)

Crediti fotografici: Fototeca gli Amici della Musica Uncalm
Nella miniatura in alto e sotto: il celebre pianista ucraino Alexander Romanovsky
Al centro: il giovane talento Lorenzo Adamo durante un concerto cameristico (foto di repertorio)





Pubblicato il 07 Giugno 2022
Presentato il nuovo cartellone programmato dal Comunale Abbado per un mese d'estate
Luglio a teatro 2022 servizio di Athos Tromboni

20220607_Fe_00_LuglioATeatro2022_LeoneMagieraFERRARA - Finite le stagioni tradizionali di lirica, prosa, concertistica, danza, il Teatro Comunale Claudio Abbado non si ferma neanche a luglio; un po' per dare continuità a una stagione ricca di serate e novità, un po' per sperimentare anche il nuovo impianto di climatizzazione che l'amministrazione comunale, su insistenza del Teatro Abbado stesso, ha favorito e finanziato.
Ecco allora che viene lanciato un nuovo "cartellone" semplicemente nominato come Luglio a teatro 2022 e che si articola in quattro appuntamenti muscali a partire da una nuova produzione del Don Giovanni di Mozart arrivando al musical Qualcosa di marcio, dall’omaggio a Luis Bacalov con Maria Grazia Cucinotta al concerto Notte rosa in Certosa dedicato proprio a Mozart dove saranno impegnati i cantanti lirici selezionati e preparati da Leone Magiera per l'opera e per il concerto mozartiani.
La rassegna di 4 serate è stata presentata oggi in conferenza stampa, dove sono intervenuti lo stesso Leone Magiera, con Marco Gulinelli (assessore alla Cultura del Comune di Ferrara), Marcello Corvino (direttore artistico del Teattro Abbado), Daniel Smith (direttore d'orchestra, che sarà sul podio del prossimo Don Giovanni e del concerto in Certosa), Adrian Schvarzstein (ideatore del progetto regisitco per il Don Giovanni la cui regia effettiva è affidata a Moni Ovadia), Giuseppe Lombardo (presidente della Bernstein School of Music Theater di Bologna), Mauro Simone (regista del musical Qualcosa di marcio), Carlos Branca e Rosanna Pavarini (registi del Concerto grosso per Luis Bacalov), Francesco Pinamonti (maestro del Coro del Teatro Abbado) e Giovanni Polo (clarinettista e presidente dell'Orchestra Città di Ferrara). Ecco in sintesi il programma e i contenuti essenziali delle rappresentazioni:

20220607_Fe_01_LuglioATeatro2022_SchvarzsteinSmithCorvinoGulinelliMagiera

Apre il cartellone l'opera Don Giovanni di Wolfgang Amadeus Mozart, in scena il 1° luglio al Teatro Abbado, con replica il 3 luglio, sempre alle ore 20.30: un’opera giocosa come il Don Giovanni (è stato detto da Schvarzstein) si adatta perfettamente all'ambiente circense, e viceversa. Perciò il teatro si trasforma in un circo di cent’anni fa, e oltre ai cantanti verranno coinvolti artisti e giocolieri, tra carrozzoni, il grande tendone, luci e profumo di zucchero filato. Si tratta di un progetto dall’anima internazionale, innovativo e corale (hanno sottolineato Magiera e Corvino), che coinvolge un cast di professionisti d’eccezione. Dopo Ferrara, per la prima volta il Teatro Comunale raggiunge l’Oriente con una sua produzione: a ottobre, infatti, questo Don Giovanni volerà in Corea del Sud, e sarà inserito nella prestigiosa rassegna di Daegu Opera House.
.

20220607_Fe_02_LuglioATeatro2022_GiuseppeLombardo20220607_Fe_03_LuglioATeatro2022_MauroSimone20220607_Fe_04_LuglioATeatro2022_RosannaPavarini

20220607_Fe_05_LuglioATeatro2022_CarlosBranca20220607_Fe_06_LuglioATeatro2022_GiovanniPolo20220607_Fe_07_LuglioATeatro2022_FrancescoPinamonti

Il musical Qualcosa di marcio (Something Rotten) è in cartellone il 9 luglio alle ore 21, con replica il 10 luglio alle 16 e alle 21. Dopo il successo di Nine andato in scena a Ferrara lo scorso anno, la Bernstein School of Musical Theater torna con un nuovo, divertente e appassionante spettacolo, che vede impegnati (ha spiegato Lombardo) gli artisti più talentuosi e promettenti di quella che è la prima scuola del genere Musical in Italia. I due fratelli Bottom, Nick e Nigel (ha spiegato il regista Simone), cercano disperatamente di scrivere una commedia di successo, ma vivono nell'ombra di quella rock star rinascimentale nota come "Il Bardo", niente meno che... William Shakespeare.
Venerdì 15 luglio alle ore 21 chiude il "cartellone" di Luglio a teatro 2022 il Concerto grosso per Luis Bacalov, un omaggio al grande cinema e alle musiche del compositore italo-argentino, Premio Oscar con il film del 1994 “Il Postino”, diretto da Michael Radford, con Massimo Troisi, Philippe Noiret e Maria Grazia Cucinotta. E proprio l’attrice siciliana sarà ospite a Ferrara per l’occasione, per una serata musicale carica di emozioni con l’Orchestra Città di Ferrara & gli Ànema

Notte rosa in Certosa
Oltre ai citati tre titoli in scena sul palcoscenico del Comunale Abbado, il Teatro propone un concerto dedicato a Mozart, che si inserisce all’interno delle iniziative della Notte Rosa: Il 2 luglio alle ore 21.30, nel parco della Certosa Monumentale di Ferrara, è in programma un concerto dal nome suggestivo ed evocativo: Mozart, le donne, gli amori, soirée dedicata al compositore che coinvolge alcuni protagonisti dell’opera Don Giovanni: i solisti Guido Dazzini, Younggi Do, Gesua Gallifoco, Aleksandra Kirsanova e Gianluca Convertino, l’Orchestra Città di Ferrara e il Coro Polifonico di Santo Spirito, diretti da Daniel Smith. In programma musiche e arie tratte dalle opere mozartiane Così fan tutte, Le nozze di Figaro e Don Giovanni.

Iniziative Collaterali
Venerdì 24 giugno alle ore 18 nel Ridotto del Teatro è in programma Prima della Prima del "Don Giovanni", con Moni Ovadia e Leone Magiera. La presentazione è a cura di Cristiano Bendin (Il Resto del Carlino)..
Giovedì 7 luglio alle ore 18 sempre nel Ridotto del Teatro è in programma Prima della Prima del "Concerto grosso per Luis Bacalov", con il direttore artistico Marcello Corvino e il regista dello spettacolo Carlos Branca.
L’attività di Prima della Prima è realizzata grazie al contributo concesso alla Biblioteca della Fondazione Teatro Comunale dalla Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali del Ministero della cultura. L'ingresso è libero e gratuito.

20220607_Fe_08_LuglioATeatro2022_Cast_facebook

Biglietti e Tariffe
Don Giovanni - Biglietti a partire da 11 a 30 euro (prezzo intero), con tariffe dedicate.
Qualcosa di marcio (Something Rotten) - Biglietti a partire da 15 euro (loggione), 18 euro per palco laterale e galleria, 20 euro per platea e palco centrale. Prezzo ridotto a 10 euro per ragazzi fino a 12 anni.
Concerto grosso per Luis Bacalov - Biglietti a partire da 9 a 22 euro (prezzo intero), con tariffe dedicate.
Mozart, le donne, gli amori (Notte rosa in Certosa) - Biglietto prezzo simbolico di 3 euro, in vendita su www.teatrocomunaleferrara.it, su www.vivaticket.com e in sede di spettacolo a partire da un’ora prima dell’inizio dell’evento.
La biglietteria si è spostata in Corso Martiri della Libertà 21 (ex antiquario Zoboli) ed è aperta il martedì e mercoledì dalle 16 alle 19, giovedì, venerdì e sabato dalle 10 alle 12,30 e dalle 16 alle 19. Lunedì, domenica e festivi chiuso. Info - tel. 0532 202675 -  biglietteria@teatrocomunaleferrara.it

Crediti fotografici: Fototeca gli Amici della Musica Uncalm
Nella miniatura in alto: il maestro Leone Magiera
Sotto, da sinistra: Adrian Schvarzstein, Daniel Smith, Marcello Corvino, Marco Gulinelli e Leone Magiera
Al centro in sequenza: Giuseppe Lombardo, Mauro Simone, Rosanna Pavarini, Carlos Branca, Giovanni Polo e Francesco Pinamonti
In fondo: il cast al completo del Don Giovanni, con Magiera e il direttoreSmith, e altri protagonisti del Luglia a teatro 2022






< Torna indietro

Personaggi Approfondimenti Eventi Echi dal Territorio Pagina Aperta


Parliamone
Pipistrello bello ma non tutto fila
intervento di Rossana Poletti FREE

20220715_Ts_00_IlPipistrello_NikolasNageleTRIESTE - Teatro Lirico “Giuseppe Verdi”. L’operetta è genere brillante ma impervio. Richiede grandi doti canore, perché i compositori che vi ci sono cimentati non risparmiano salite verticali a soprani e tenori e altrettante discese. Per riuscire esige dagli artisti qualcosa di più, il sapere stare in scena, con molto brio e con una recitazione piuttosto eccellente, in molti ruoli anche recitazione comica, e saper far ridere è sempre difficile. L’operetta, che è indubbiamente tanta musica con alcune arie straordinarie e Il Pipistrello scritto da Johann Strauss jr.né è uno dei massimi esempi, in Italia è considerata dal FUS (Fondo unico per lo spettacolo) alla stregua di commedia, musicale ma pur sempre commedia, e non viene riconosciuta nei programmi dei teatri lirici, che pur hanno orchestre, coro e balletto,
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Personaggi
Alessandra Volpe si confida
intervista di Ramón Jacques FREE

20220730_00_Personaggi_AlessandraVolpeCon una lunga e interessante carriera che l'ha portata a calcare importanti palcoscenici di vari paesi europei come Italia, Spagna, Germania, Svizzera, Norvegia, Inghilterra, Portogallo eccetera, e in Nord America negli Stati Uniti, Canada o Messico, in ruoli diversi nel belcanto, nei ruoli verdiani e rossiniani, solista in varie opere orchestrali, e soprattuttocon la Carmen di Bizet
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Sud
Tappe dell'opera: l'Ottocento e il Novecento
servizio di Giuliano Danieli FREE

MARTINA FRANCA (TA) - Facciamo seguito alle precedenti recensioni già publicate su questa testata giornalistica on-line (per leggere il servizio premere qui), pubblicando la seconda parte delle nostre cronache musicali dal Festival della Valle d'Itria di Martina Franca.

20220731_ValleDItria_00_MicheleSpotti_phMarcoBorrelliVincenzo Bellini
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Sud
Tappe dell'opera: il Barocco e il Settecento
servizio di Giuliano Danieli FREE

20220729_ValleDItria_00_EkaterinaProtsenko_phClarissaLapollaMARTINA FRANCA (TA), 21-27 luglio 2022 – Per la prima edizione del Festival della Valle d’Itria sotto la sua egida, il direttore artistico Sebastian F. Schwarz ha selezionato cinque titoli rari o inediti in grado di rappresentare alcune delle tappe fondamentali della storia dell’opera, dal Seicento ai giorni nostri. Questa scelta asseconda con giusto rispetto le logiche decennali di una rassegna
...prosegui la lettura

Personaggi
Anja Harteros compie cinquant'anni
servizio di Fabiana Crepaldi FREE

20220723_Personaggi_00_AnjaHarterosQuesto 23 luglio 2022, Anja Harteros, uno dei più grandi soprani dell'inizio di questo secolo, compie cinquant'anni. L'appuntamento è scandito dal silenzio della diva, sempre discreta nella sua vita personale, ma sempre sfolgorante sul palco. Figlia di padre greco e madre tedesca, Anja Harteros è nata a Bergneustadt, in Germania, nella regione di Colonia. La sua
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Concerto Grosso per Luis Bacalov
servizio di Athos Tromboni FREE

20220716_FE_00_ConcertoGrossoPerLuisBacalov_RosannaPavariniFERRARA - Un celebre compositore di canzoni e musica da film e due donne protagoniste del revival che lo riguarda: questo il sunto dello spettacolo musicale Concerto Grosso per Luis Bacalov che il Teatro Comunale “Claudio Abbado” ha prodotto coinvolgendo l’Orchestra Città di Ferrara (primo violino concertante e direttore Antonio Aiello) e il gruppo un po’ pop, un po’ rock
...prosegui la lettura

Eventi
Lirica danza concerti Venezia riparte
redatto da Giuliano Danieli FREE

20220714_Ve_00_StagioneLiricaESinfonica2022-2023_FortunatoOrtombinaVENEZIA - La Stagione Lirica e Balletto e la Stagione Sinfonica 2022-2023 del Teatro La Fenice sono state presentate mercoledì 13 luglio 2022 dal sovrintendente e direttore artistico Fortunato Ortombina e dal direttore generale Andrea Erri. Così il sovrintendente Ortombina: «Quattordici titoli d’opera, due di balletto e diciotto appuntamenti sinfonici
...prosegui la lettura

Operetta and Musical
Qualcosa di marcio Shakespeare!
servizio di Athos Tromboni FREE

20220710_Fe_00_QualcosaDiMarcio_RiccardoRossiniFERRARA – Trionfo di pubblico nel Teatro Comunale “Claudio Abbado” per il musical Qualcosa di Marcio (Something Rotten), libretto di Karey Kirkpatrick e John O’Farrell, musica di Wayne Kirkpatrick, in scena per la prima europea proprio sul palcoscenico di Ferrara con tre rappresentazioni: la sera di sabato 9 luglio 2022 e due repliche oggi, domenica 10 luglio (ore 16 e 21).
...prosegui la lettura

Prosa
Destinatario sconosciuto ossia la rivalsa
servizio di Athos Tromboni FREE

20220707_Fe_00_FerraraOff-MariaPaiatoFERRARA - Quattro modi per scrivere lettere. Quattro appuntamenti nel cortile e nel parco della Biblioteca Ariostea di via Scienze 17. Si tratta di una rassegna teatrale ideata da Ferrara Off, con testi scelti da Giulio Costa, Monica Pavani e Margherita Mauro. In pratica è un modo (riuscito) di fare teatro affidandosi solamente a dialoghi epistolari.
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Don Giovanni domatore tra le fiere
servizio di Athos Tromboni FREE

20220704_Fe_00_DonGiovanni_AdrianSchvarzsteinFERRARA - Il Don Giovanni di Mozart ha debuttato al Teatro Comunale "Claudio Abbado" venerdì 1 luglio, 2022 con replica domenica 3 luglio. Entrambe le rappresentazioni hanno visto il teatro gremito fino al tutto esaurito. Il progetto partiva da lontano: affidare al maestro Leone Magiera il compito di selezionare e preparare giovani cantanti per
...prosegui la lettura

Eventi
La Filarmonica di Suvereto ha due secoli
FREE

20220704_Suvereto_00_LaFilarmonicaDiSuveretoHaDueSecoli_PeppeServilloSUVERETO (LI) - Si inaugurano sabato 9 luglio 2022 alle 21.30 nel giardino della Rocca Aldobrandesca le celebrazioni per il Bicentenario della Società Filarmonica di Suvereto, a cura dell’Ente Musicale e Culturale Filarmonica “G. Puccini”, che ne raccoglie la storia e l’identità. È, infatti, proprio dal 1823 che la Società Filarmonica lavora
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Omaggio a Franco Battiato
servizio di Attilia Tartagni FREE

20220704_Ra_00_OmaggioAFrancoBattiato_NicolaCisterninoRAVENNA - Al Pala De Andrè il 2 luglio 2022 si è compiuto un riuscito “Omaggio a Franco Battiato” con l’evocazione di una delle sue tante anime spese nella Musica, quella più intima e profonda dell’artista siciliano nato nel 1945 e scomparso nel 2021. Come ha dichiarato fra una canzone e l’altra il poliedrico Simone Cristicchi che se ne ritiene
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Notte rosa in Certosa
servizio di Athos Tromboni FREE

20220703_Fe_00_NotteRosaInCertosa_Smith_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Quando si parla di Piazza San Pietro a Roma e del colonnato del Bernini si dice che quel semicerchio architettonico significhi un grande abbraccio. Anche la Certosa di Ferrara, col suo austero tempio di San Cristoforo e lo sviluppo laterale a semicerchio delle ali, può essere inteso come un grande abbraccio. In più (diciamo in più, non
...prosegui la lettura

Eventi
Prosegue con successo il Varignana Festival
FREE

20220701_00_VarignanaMusicFestival_AlexanderRomanovskyVARIGNANA (BO) - Si sono conclusi tra gli applausi dei numerosi spettatori i primi due appuntamenti dell'VIII edizione del Varignana Music Festival, andati in scena presso la Terrazza Belvedere e l'Anfiteatro sul Lago di Palazzo di Varignana il 29 e 30 giugno 2022. Protagonisti del tradizionale Grand Opening l'Orchestra e il Coro del
...prosegui la lettura

Classica
Iván Fischer bacchetta che incanta
servizio di Attilia Tartagni FREE

20220630_Ra_00_BudapestFestivalOrchestra-IvanFischer_phZani-CasadioRAVENNA -La Budapest Festival Orchestra con il concerto del 28 giugno al Pala De André ha confermato, se mai ve ne fosse bisogno, l’importanza della presenza delle grandi orchestre nella manifestazione ravennate, dando vita a un concerto di qualità e gradevolezza incentrato su due classici: la Terza Sinfonia di Johannes Brahms e la
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Peter Grimes sbarca in laguna
servizio di Giuliano Danieli FREE

20220627_Ve_00_PeterGrimes_JuraiValcuhaVENEZIA - La Fenice è stata certamente fra le istituzioni europee più ricettive nei confronti della produzione di Benjamin Britten. Qui nel 1954 è stata data la prima assoluta di The Turn of the Screw, riproposto nei decenni seguenti per ben 4 volte; e nel settembre 1973 ancora la Fenice di Venezia ha ospitato la prima “continentale” di Death
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
In principio era ŦLe Willisŧ
servizio di Simone Tomei FREE

20220621_Lu_00_LeWillis_SeleneZanetti_phImaginariumCreativeStudio.jpegLUCCA - Il genio compositivo giovanile di Giacomo Puccini si cimentava nel concorso Sonzogno con un libretto di Fernando Fontana dal sottotitolo “Le Willis - leggenda in un atto e due parti”. Il componimento teatrale del venticinquenne compositore lucchese non fu ritenuto all’altezza di figurare tra i cinque lavori degni di menzione; ebbero
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Let's Prog che spettacolo!
servizio di Attilia Tartagni FREE

20220621_Ra_00_LetSProg_GiovanniSollima_phMarcoBorrelliRAVENNA - Non l’avevamo dimenticata, l’invasione della città nel Ravenna Festival 2016 a opera di una schiera di violoncellisti ossessionati dal proprio strumento con cui coinvolgere e trascinare il pubblico donando emozioni e creando nuove sensibilità. A volte ritornano e chissà se sono ancora gli stessi di sei anni fa. Di certo non sono cambiati
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Saccon e Génot un gioiello di esecuzione
servizio di Gianluca La Villa FREE

20220619_Lucca_00_SacconGenotLUCCA - Chiesa dei Servi, 18 giugno 2022. Raramente abbiamo partecipato e assistito a un concerto per violino e pianoforte con un programma così fascinoso, coinvolgente, stimolante il duo degli artisti a realizzare una naturale e viva comunicazione al pubblico della loro arte.
È successo con il violinista Christian Joseph Saccon e il
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Carmen torna accolta dal tripudio
servizio di Athos Tromboni FREE

20220618_Vr_00_Carmen_ClementineMargaine_EnneviFotoVERONA – Doveva essere kolossal per celebrare il regista Franco Zeffirelli, e kolossal lo è stata questa Carmen inaugurale dell’Arena Festival 2022 perché al di là degli esiti ricercati da puristi e “intenditori”, o da filologi e “integralisti”, per la Fondazione veronese ciò che più conta (attenzione: diciamo ciò che più conta, non ciò che solo conta)
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Interno Verde e Interno con Traviata
servizio di Athos Tromboni FREE

20220614_Fe_00_PresentazioneDanza2022_CarolynCarlsonFERRARA - Presentato oggi il Festival di Danza Contemporanea 2022 del Teatro Comunale "Claudio Abbado" che prosegue anche per la prossima stagione nel solco delle novità e delle riconferme: negli anni questo Festival ferrarese è divenuto un punto di riferimento per tutto il panorana di danza italiano ed europeo, essendosi distinto proprio per
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Pagliacci e Al Mulino dittico interessante
servizio di Rossana Poletti FREE

20220600_Ts_00_Pagliacci_AmadiLagha_phFabioParenzanTRIESTE - Teatro Lirico “Giuseppe Verdi”. Un dittico interessante quello proposto dal Teatro Verdi di Trieste, ultima rappresentazione della stagione, con i Pagliacci di Ruggiero Leoncavallo e Al mulino di Ottorino Respighi, quest’ultima un’incompiuta del maestro, che completata si presenta quindi in prima esecuzione mondiale.
...prosegui la lettura

Eventi
Luglio a teatro 2022
servizio di Athos Tromboni FREE

20220607_Fe_00_LuglioATeatro2022_LeoneMagieraFERRARA - Finite le stagioni tradizionali di lirica, prosa, concertistica, danza, il Teatro Comunale Claudio Abbado non si ferma neanche a luglio; un po' per dare continuità a una stagione ricca di serate e novità, un po' per sperimentare anche il nuovo impianto di climatizzazione che l'amministrazione comunale, su insistenza del Teatro
...prosegui la lettura

Prosa
A teatro vive il sogno illuminista
servizio di Athos Tromboni FREE

20220531_Fe_00_PresentazioneProsa2022-2023_MichelePlacidoFERRARA - È stata presentata la stagione di prosa 2022-2023 del Teatro Comunale "Claudio Abbado": saranno 12 spettacoli in abbonamento che spaziano dai grandi classici, agli autori internazionali, alle nuove drammaturgie. A questi appuntamenti (in programma il venerdì e il sabato alle 20,30 e di domenica alle ore 16), si aggiungono anche i
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Omaggio ad Anna Lolli
servizio di Attilia Tartagni FREE

20220531_Bagnara_00_OmaggioAdAnnaLolliBAGNARA DI ROMAGNA (RA) - È stato un vero piacere domenica 29 maggio 2022 alle 17,30 ritrovarsi come prima della pandemia nell’Auditorium di Bagnara di Romagna,  noi abituali frequentatori del decentrato tempio della lirica e un bel numero di giovani, per il primo omaggio ufficialmente dedicato alla bagnarese Anna Lolli (10 settembre
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Le immagini parlanti di Costantini
servizio di Attilia Tartagni FREE

20220531_Ra_00_Bruchure_GianlucaCostantiniRAVENNA - Da almeno due anni Ravenna Manifestazioni si augurava “il ritorno alla normalità”. E la normalità è tornata con la consuetudine della presentazione in presenza del 23 maggio 2022 della brochure in formato tascabile del calendario della XXXIII edizione del Ravenna Festival, impreziosita dalle immagini parlanti di Gianluca Costantini.
...prosegui la lettura

Approfondimenti
Progetto Lauter per i giovani
servizio di Edoardo Farina FREE

20220513_Fe_00_ProgettoLauter_NicolaBruzzoFERRARA - Ultimo appuntamento della Stagione concertistica 2021-2022 di “Ferrara Musica” nel Teatro Comunale “Claudio Abbado”: dopo lo strepitoso concerto tenuto dall’Orchestre de Paris sotto la direzione di Esa-Pekka Salonen dodici giorni prima, il 10 maggio 2022 è tornato sul palcoscenico il “Progetto Lauter”, fortunata formazione
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Rigoletto ottimo il cast, ma...
servizio di Rossana Poletti FREE

20220508_Ts_00_Rigoletto_DevidCecconi_phFabioParenzanTRIESTE - Teatro Lirico “Giuseppe Verdi”. Rigoletto è un uomo buono e cattivo allo stesso tempo. Un profondo cambiamento da quel cliché, che vuole che bene e male siano ben distinti, avviene per mano delle scelte musicali e di libretto da parte di Verdi con quest’opera. Il melodramma vive una svolta grazie al compositore di Busseto che osa,
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Les nuits barbares ou premiers matins
servizio di Attilia Tartagni FREE

20220502_Ra_00_LesNuitsBarbares_HerveKoubicRAVENNA - Secondo e ultimo appuntamento della stagione ravennate “Opera-Danza” 2021-2022 con le sorprendenti creazioni del coreografo franco algerino Hervè Koubi, nominato nel 2015 Chevalier des Ars et des Lettres per la visione innovativa introdotta con il suo progetto coreutico. I quattordici danzatori si muovono in scena con potenza
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310