Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

In scena al Teatro del Maggio Musicale la terza opera di Verdi con il tenore divenuto baritono

Domingo fa anche Nabucco

servizio di Nicola Barsanti

Pubblicato il 08 Ottobre 2020

201008_Fi_00_Nabucco_PaoloCarignaniFIRENZE – La florida attività del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino offre un cartellone denso di appuntamenti imperdibili, il che, considerando il difficile periodo attuale, lo rende uno dei teatri più attivi d’Europa. Fra cast stellari e artisti di fama internazionale, il Maggio promette una stagione ricca di emozioni e, insieme, lancia un messaggio di speranza.
Nell’ambito della seconda recita di Nabucco, è impossibile non cadere in una sorta di estasi contemplativa davanti all’incredibile spirito di Plácido Domingo, il quale, completamente immerso nel ruolo eponimo, realizza una recita invidiabile per presenza scenica, carica drammatica e proiezione sonora. Domingo colpisce non solo per il carisma e per quell’innato senso musicale che lo ha sempre contraddistinto, bensì per quella vocalità tenorile che ha ormai adattato al registro baritonale. Sebbene il timbro possa sembrare particolarmente chiaro, impoverito e penalizzato da qualche mancanza nell’articolazione, la parte di Nabucco consente all’artista di regalare al pubblico uno strepitoso duetto con Abigaille e un Dio di Giuda così intensamente drammatico da renderlo uno dei momenti più avvincenti della serata.
Il debutto di María José Siri nei panni di Abigaille è una vera sorpresa ed impossibile non notare come la pausa obbligatoria della scorsa primavera si sia rivelata un balsamo per la sua vocalità. Nonostante alcune mancanze sui filati del terzetto del primo atto, la Siri si difende grazie a un attento studio del ruolo e a una buona padronanza dello strumento, che le consente di spaziare dal registro acuto belcantista di “Anch’io dischiuso un giorno” a quello grave, conferendo al timbro tutta la carica drammatica richiesta da una donna accecata dall’ira. Uno dei momenti più emozionanti della sua prova è senza dubbio la malinconica resa di “Su me, morente esanime”.
L’Ismaele di Fabio Sartori, pur risultando privo di quella carica amorosa che dovrebbe contraddistinguere il personaggio, conclude una buona recita grazie al suo timbro squillante, a volte spinto.
Molto interessante, invece, Alexander Vinogradov, che veste a meraviglia il difficilissimo ruolo di Zaccaria (biblicamente il profeta Geremia), complice uno strumento dalla sonora e salda vocalità, tale da riempire il teatro senza mai essere coperto dall’orchestra. Il timbro scuro e il buon fraseggio gli permettono di spaziare dall’acuto fino alle note più gravi, uscendo vincente sia delle cabalette, sia dalla preghiera del secondo atto “Tu sul labbro dei veggenti”.
Molto bene il mezzosoprano ventritreenne Caterina Piva, la quale debutta al Maggio come Fenena (in attesa di Emilia in Otello a novembre e di Maddalena in Rigoletto il prossimo febbraio) e dimostra di possedere una vocalità eccellente.
Bravi anche i comprimari Carmen Buendía (che effettua ottimi interventi come Anna), Alessio Cacciamani (Gran sacerdote di Belo) e Alfonso Zambuto (Abdallo).
Trattandosi dell’opera corale per eccellenza, non si può non parlare del Coro e quello preparato dal M° Lorenzo Fratini emerge senza difficoltà alcuna, regalando un momento di vera commozione nel quadro del “Va pensiero”, bissato su richiesta di un fiume incessante di applausi.

201008_Fi_01_Nabucco_facebook_phMicheleMonasta

La regia di Leo Muscato (già rappresentata sul palco fiorentino in cooperazione con il Teatro Lirico di Cagliari) rende giustizia a Nabucco. L’impianto scenico è fisso, ma, grazie a una serie di pareti che salgono e scendono, sfrutta la profondità in modo da suggerire ambienti diversi e distribuire in modo omogeneo il cast (che, a sua volta, avanza verso il pubblico tramite due prolungamenti laterali). Semplici, ma evocative le scene di Tiziano Santi, che, unite alle efficaci luci di Alessandro Verazzi, fanno della punizione divina inferta al Re Assiro un momento di grande teatro. Belli anche i costumi di Silvia Aymonimo, che rimandano al Medio Oriente senza rincorrere la fedeltà storica.
A partire dall’Overture, la bacchetta del M° Paolo Carignani suggerisce tempi particolarmente dilatati, rischiando di non esaltare una partitura che richiederebbe maggior incisività e brillantezza. Ciononostante il dialogo fra palco e orchestra non manca, mettendo i solisti in condizione ottimale.
Caldo successo di pubblico per un’opera che, se ben eseguita, ci rende ogni volta orgogliosi di dire: Viva l’Italia, Viva Nabucco, Viva Verdi !
(La recensione si riferisce alla recita del 7 ottobre 2020)

Crediti fotografici: Michele Monasta per il Teatro dell'Opera di Firenze - Maggio Musicale Fiorentino
Nella miniatura in alto: il direttore Paolo Carignani
Sotto: scena del Nabucco: al centro, Plácido Domingo






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Progetti e proponimenti per il dopopandemia
redatto da Athos Tromboni FREE

201211_Fe_00_MoniOvadiaFERRARA - Teatro Comunale Claudio Abbado... lo spirito con il quale i promotori della conferenza stampa (tenutasi oggi, 11 dicembre 2020, nella Sala degli Arazzi della residenza municipale) per la presentazione del "teatrante" (come egli stesso si definisce)  Moni Ovadia quale nuovo direttore del principale teatro ferrarese, sembra essere quello dell'autunno 1989 quando, al Museo Poldi Pezzoli di Milano, venne presentato il "Progetto Abbado" dall'allora sindaco di Ferrara, Roberto Soffritti, insieme al management del Comunale e allo stesso direttore d'orchestra. Così nacque Ferrara Musica, associazione tuttora attiva, affiancata al Teatro - ma con una sua specifica autonomia - nella programmazione degli eventi concertistici in terra estense.
Quell'autunno 1989 e il decennio successivo videro lievitare l'interesse dei ferraresi
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Opera dal Nord-Est
Didone abbandonata e Dido and Æneas
servizio di Angela Bosetto FREE

210403_Vr_00_Didone_GiulioPrandi_phFotoEnneviVERONA – Quale miglior modo di festeggiare il Dantedì (il 25 marzo 2021, ossia la giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri per il Settecentenario della morte) che assistere all’anteprima dal vivo di un dittico lirico votato al mito di Didone? Difatti, sebbene il Sommo Poeta la collochi all’Inferno fra le regine lussuriose (Semiramide, Cleopatra
...prosegui la lettura

Personaggi
Un pentagono per il pentagramma
interviste di Simone Tomei FREE

210402_Personaggi_00_BacchettaDirettoreLUCCA - Se qualche tempo fa ci avessero detto che avremmo vissuto un periodo simile, sarebbe stato difficile crederci, ma la tempesta è arrivata e sembra destinata a durare ancora a lungo: la Musica, il Teatro e l’Arte in generale sono schiacciati (per tanti motivi) dagli eventi che da oltre un anno ci accompagnano e pure la mia penna è un po’ più sfaccendata e
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Il parlatore eterno e Il tabarro
servizio di Angela Bosetto FREE

210305_Vr_00_IlParlatoreEternoIlTabarro_DanielOren_EnneviFotoVERONA – La luce e le tenebre, la gioia e la disperazione, l’amore e la morte, la leggerezza e la tragedia. Ecco una serie di accostamenti che potrebbero evocare cosa significhi comporre un dittico unendo Il parlatore eterno di Amilcare Ponchielli e Il tabarro di Giacomo Puccini. Eppure questa è stata l’inedita e vincente scommessa del Teatro Filarmonico, che, per il proprio
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310